Consiglio sull'università

Inviata da Lorenzo · 24 set 2021

Salve. Scrivo su questo forum per qualche consiglio.
Io sono da quattro anni uno studente di medicina, ho sempre avuto buoni voti e sono arrivato ad una media molto alta. Purtroppo da un anno a questa parte sono riuscito a dare solo due piccoli esami, ho avuto gravi forme d'ansia, di panico e gravi forme depressive che mi hanno portato a non dormire più la notte e a vomitare quasi tutto quello che mangiavo (sono attualmente in cura da uno specialista). Per dare quei due esami ho studiato come un matto, chiudendo completamente o quasi i contatti con amici, sport e vita sociale. All'inizio della facoltà ero molto entusiasta, ma dopo i primi due anni ho perso entusiasmo e completamente l'interesse per le materie del corso, non riuscendo quasi più ad avere una vita sociale; studiando di mala voglia e basta. Negli ultimi due anni ho smesso di andare a lezione e di andare a tirocinio ecc.. Inoltre in questa situazione di blocco che dura da un anno sono arrivato a metterci 4/5 volte il tempo degli altri per preparare un esame. In totale ho dato 14 esami e ne ho lasciati indietro 11 (non ho dato molti mattoni importanti come semeiotica, patologia generale o torace...ma ho ripiegato su esami più piccoli e easy) . In più a questi 11 esami dovrei farmi tutto il quinto e il sesto anno.
Su consiglio di mia mamma e del mio terapeuta (pensiero che era già venuto a me) ho pensato di cambiare corso non avendo più questo entusiasmo per la facoltà di medicina e stando proprio male psicofisicamente, per non arrivare a distruggermi completamente.
L'idea che avevo era quella di iniziare scienze motorie (SUISM).
opinioni? consigli?
Grazie mille

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 28 SET 2021

Gentile Lorenzo,
Lei parla di perdita di entusiasmo dopo i primi due anni brillanti di università e contemporaneamente di una chiusura di quasi tutti i suoi contatti sociali per dedicarsi con difficoltà a studi che non hanno più avuto i risultati sperati, proporzionati agli sforzi profusi.
Avrà senz’altro discusso con il suo terapeuta se il disinteresse per gli studi di medicina e le difficoltà di concentrazione siano la causa o piuttosto la conseguenza della sua depressione; così come avrà valutato se i periodi di confinamento che abbiamo vissuto negli ultimi due anni possano aver influito negativamente sul suo umore e sulle sue motivazioni.
Non si paragoni agli altri che hanno ritmi più rapidi dei suoi, e prima di prendere una decisione si conceda una pausa di riflessione, senza l’assillo della scelta, ripensando al suo progetto originario e alle opportunità del nuovo corso di studi, cercando di riprendere le attività sportive e le relazioni di amicizia che, insieme al terapeuta che la segue, sicuramente la aiuteranno a fare maggiore chiarezza dentro di sé.
Un cordiale saluto
Dott.ssa Elisabetta Falcolini

Dott.ssa Elisabetta Falcolini Psicologo a Sansepolcro

65 Risposte

40 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 SET 2021

Caro Lorenzo,
Seguo con attenzione la tua preoccupazione e richiesta.
Ti consiglierei di tenere conto di ciò che ti hanno consigliato.
Valuta e vedi se ti trovi bene cambiando facoltà.
Affidati se ti trovi bene al tuo psicoterapeuta.
Cordiali saluti.

Dott.ssa Margherita Romeo

Dott.ssa Margherita Romeo Psicologo a Roma

1419 Risposte

401 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 SET 2021

Caro Lorenzo,

quando scrivi che sei in cura da uno specialista, quale figura professionale intendi?
Credo che tu abbia le idee molto più chiare su quelle che pensi: sei demotivato dal corso e ti stai accorgendo che non è la facoltà che fa per te, in quanto ti riduce momenti di convivialità e occasioni per fare sport.
Piuttosto, se ancora non hai intrapreso un percorso psicologico, alla luce delle gravi forme d'ansia e depressive che hai da un anno e che ti hanno portato a rimettere il cibo, non indugiare oltre.
È molto importante approfondire eventuali episodi dolorosi derivati dai tuoi contesti di appartenenza, (familiare, universitario, sentimentale etc) in modo da scongiurare un eventuale ritorno dei sintomi, per il fatto che non si è andati alla radice del problema.

Sono a tua completa disposizione, anche online.

Dott.ssa Francesca Orefice.

Dott.ssa Francesca Orefice Psicologo a Bologna

594 Risposte

195 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 31200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 19350

psicologi

domande 31200

domande

Risposte 107050

Risposte