Consigli per la fobia sociale

Inviata da Emanuele il 15 apr 2019 Fobie

Buongiorno dottori, sono un ragazzo di 28 anni che vorrebbe vivere una vita piena, ma c è un problema, ho sempre il timore di parlare, di espormi e vivo in un continuo stato di ansia ed angoscia praticamente ogni volta che devo aprire bocca o esprimere un mio giudizio su qualcosa. Per farla più semplice possibile, la sensazione è esattamente quella che si vive di fronte ad un esame orale, di fronte al professore.
Questa cosa succede con tutti, anche in casa con i miei genitori o fratelli, ho ansia di parlare, di guardare chiunque parli con me, comincio ad avere nausea e altri disturbi fisici. Durante la mia infanzia non era comunque così, ero un bimbo solare, giocavo con tutti e non faticavo a farmi amici, non ero timido, così ci sono diventato.
Quando esco con i miei amici mi sento a mio agio, anche se negli ultimi tempi tutto sta cronicizzando e qualche volta mi sento in ansia anche ad uscire con loro, vorrei riuscire ad esprimermi liberame senza sentire questo senso di ansia, angoscia, inferiorità, vorrei esprimere me stesso e le mie emozioni senza avere paura nonostante io mi rendo conto che tutto questo non ha senso, vorrei essere libero perché mi sento dentro una gabbia e non riesco ad uscire... Quali consigli per me gentili dottori?
Cordiali saluti

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno Emanuele,

L'ansia, quando compromette in modo negativo la quotidianità va necessariamente contrastata. Le consiglio di intraprendere un percorso psicologico al fine di iniziare a vivere più serenamente.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, se vuole mi può scrivere
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1535 Risposte

1136 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Emanuele,
il suo scritto è all’insegna di una condizione di ansia generalizzata che sta coinvolgendo la sua parte fisica con somatizzazioni. L’ansia è un segnale della parte psichica che dice qualcosa non va, indagalo! Come la febbre è il segnale della parte fisica che si indaga e se dura da tempo si cura. Il consiglio è di rivolgersi a uno Psicoterapeuta e dare una conoscenza, significato alla sua ansia.
Disponibile per approfondimenti
Dr.ssa Elisabetta Ciaccia Milano

Dott.ssa Elisabetta Ciaccia studio di psicologia Psicologo a Milano

217 Risposte

48 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Emanuele,
La condizione che descrivi, davvero invalidante, va analizzata nel quadro più ampio della tua vita. Sorgono spontanee delle domande quando dici che prima non eri così e ci sei diventato, e penso che il problema abbia a che fare con l' idea che hai di te stesso e con una serie di paure che vanno affrontate. Ti consiglio percio di richiedere aiuto e di iniziare una terapia breve mirata che possa invertire rapidamente il circolo vizioso in cui sei caduto.
Cordiali saluti
Dr.ssa M. Sara Sanavio
Perugia
O via Skype

Dr.ssa M.Sara Sanavìo Psicologo a Perugia

225 Risposte

93 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ciao Emanuele probabilmente é accaduto qualcosa o una serie di cose che hanno fatto mutare il tuo modo di emozionati ed esporti così alle esperienze relazionali rendendoti meno sicuro di te. Occorre trasformare ciò che ti fa stare male ciò. Che non ti permette di sentirti vivo e libero nelleesprimerti nel mondo. Anche con l'utilizzo della tecnica Dell EMDR ci si può riappropiare a pieno della propria vita e anche meglio di prima. Sono a disposizione per sciogliere eventuali dubbi.

Dott. Davide Milanese Psicologo a Tortona

171 Risposte

53 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno, con una consulenza breve riuscirà a superare tranquillamente le sue paure. Ad esempio, potrà utilizzare una strategia chiamata ' amplificare per ridurre' e così gestire la sua ansia nel parlare in pubblico. Queste paure, che toccano tutti noi in certi momenti della vita, verranno meno poco alla volta. Poi potrà iniziare a approfondire gli aspetti problematici della sua vita, ma avrà già risolto le sue paure in breve tempo. Cordiali Saluti

Monticone Alessandra Psicologo a Asti

171 Risposte

70 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno ti dovrebbe fare un percorso per comprendere da dove nascono queste sue paure. Ad esempio dove ha "imparato" che si deve aver paura di parlare. Mi scriva in prima proverò ad aiutarla perché sono convinta che la sua paura le sia invalidante.

Dott.ssa Giorgia Vesce Psicologo a Pescara

29 Risposte

11 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Fobie

Vedere più psicologi specializzati in Fobie

Altre domande su Fobie

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19700

domande

Risposte 77250

Risposte