Conoscenza ambigua

Inviata da Mary · 11 dic 2017 Terapia di coppia

Salve dottori,sono una donna di mezza età, nubile,vivo sola e ho da sempre difficoltà di relazione. Mesi fa ho conosciuto su internet un uomo di qualche anno più giovane di me,che abita a 100 km di distanza,il quale dopo un inizio scoppiettante, tante belle parole e false promesse,ha iniziato ad avere un comportamento ambiguo e sfuggente. Lunghi silenzi, sparizioni di settimane, nessun contatto... Poi tornava sempre come se niente fosse e io non ho mai chiesto spiegazioni per paura di perderlo definitivamente. A me ha detto di essere scapolo e senza figli,perciò a maggior ragione non capisco questo atteggiamento. Voglio dire,non penso abbia una doppia vita da nascondermi, a meno che non mi abbia mentito. Io non l' ho mai cercato per prima,per orgoglio,per timidezza e perché sono stata cresciuta con la convinzione che debba essere l' uomo a cercare la donna e non viceversa. Lo cercavo solo se per primo lo aveva fatto lui e restavamo al telefono per ore,sapeva farmi sentire una regina quando voleva,mi ascoltava, mi capiva... Qualche tempo fa mi ha fatto un' improvvisata venendo nella mia città per lavoro,ci siamo incontrati dal vivo per la prima volta e siamo finiti a fare sesso a casa mia. E da allora è definitivamente sparito,da oltre un mese ormai,benché mi avesse detto che sarebbe tornato presto. Non c'era mai stato un silenzio così lungo prima,e io non vivo più. Non so cosa devo fare,se restare passivamente ad aspettare un suo improbabile ritorno,o se muovermi a cercarlo io benché questo vada contro i miei principi. Le mie amiche mi danno pareri contrastanti,confondendomi ancora di piu'. Non voglio perderlo definitivamente,non voglio altri uomini né tornare da sola a fare la vita-non vita che facevo prima di conoscerlo, quando mi sembrava di guardare il mondo attraverso una tenda nera. Sono in un limbo che mi sta facendo impazzire. Il nostro incontro è andato maluccio,non essendo stato preparato con cura,io non ero presentabile e la casa era sporca e disordinata. Ma non ho potuto rimandarlo perché lui doveva ripartire e io non volevo perdere quell'occasione unica di conoscerlo di persona, sfuggente com'è... Ora continuo a chiedermi quale sia il vero motivo della sua sparizione. E non so come agire per riallacciare i rapporti con lui. Io sono timida,impacciata,lui mi piace molto,soprattutto a livello di aspetto fisico perché è davvero un bell'uomo, ma non solo, c'era anche sintonia mentale, e non voglio peggiorare le cose più di così,ammesso che ci sia ancora qualcosa di salvabile.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 11 DIC 2017

Gentile Mary,
Gli appuntamenti virtuali sono sicuramente eccitanti e trasgressivi, permettono di uscire dalla solita routine. La persona che ha conosciuto potrebbe non averle detto la verità sulla propria vita. Il siilenzio prolungato non declina a suo favore. Forse è stata solo un flirt passeggero.
Lei segua ciò che sente, può sbilanciarsi e prendere l'iniziativa oppure lasciar perdere.
Altra alternativa interessante è concentrarsi in relazioni reali e concrete nelle vicinanze del proprio ambito di residenza. In tal modo spezzerebbe la routine ed eliminerebbe la tenda nera che descrive.
Resto a disposizione
Dott.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2757 Risposte

2240 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 DIC 2017

Salve Mary lei dice che ha da sempre difficoltà di relazione, esattamente riesce a definire quale siano le sue difficoltà ?
Per quello che le è accaduto sembra che abbia avuto questa relazione telefonica e virtuale su cui fantasticare e che proprio quando c è stato un passo concreto sia terminata. Probabilmente le sue domande sono troppe o inadeguate perché se le fa da sola mentre in una relazione dovrebbe esserci reciprocità. Sembra ragionare troppo con la testa e poco con la pancia e l'istinto come se questi fossero assopiti. Forse una spiegazione la troverebbe se ascoltasse il suo istinto.
Un punto di riflessione potrebbe essere la sua modalità di assecondare l' altro: ho fatto questo per paura di .... .
Mi scriva ancora se ha bisogno.

Dott.ssa Silvia Rotondi Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Roma

125 Risposte

45 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17300

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88550

Risposte