Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Confusione, periodo difficile e rapporto in crisi

Inviata da Anna il 6 nov 2015 Terapia di coppia

Salve, mi rivolgo a voi disperata. Sto attraversando un periodo molto difficile per me, sono molto triste con un " uno stato d'animo depresso" piango spesso, sono molto confusa, sono distratta in questi pensieri che mi assillano. Sono infelice e insoddisfatto di tutto da tanto tempo. Mi trovo ad un bivio e sento di dover dare una svolta alla vita.
Ho 21 anni e sono fidanzata da 7 anni. Il rapporto è complicato, ci siamo conosciuti e fidanzati in prima superiore. Passavamo più o meno molto tempo insieme stavamo tutte le sere insieme. Ero molto possessiva e gelosa per le altre ragazze della sua classe, litigavamo spesso per questo. I litigi sono continuati per delle divergenze caratteriali, io sono molto sensibile ho bisogno di presenze di gesti, di attenzioni, lui molto sulle sue non si è mai aperto con me come io ho fatto con lui. Io sono molto melodrammatica mi piace scrivere, sfogarmi scrivendo lunghissimi messaggi spiegando i miei pensieri, le mie paure, i miei desideri. Mi piace aprirmi con le persone e pretendo questo anche dalla persona che mi sta accanto. Attualmente ho smesso di disperarmi di pretendere attenzioni, l'ho lasciato libero di fare quelo che si sente di fare. Mi sono allontana e chiusa. Lui lavora e abita non proprio vicino quindi ci vediamo 1/2 volte a settimana, anche prima quando non lavorava ci vedevamo di rado e io mi disperato e non capivo perché non passavamo più tempo insieme anche quando ne aveva possibilità faceva e fa altro . Ci siamo allontanati parlavamo e ci vedevamo poco io ero impegnata con lo studio lui pensava alle sue cose. Ora non mi va più bene questa situazione, non so se lo amo e se l'abbia mai fatto, non gli ho mai detto ti amo e non mi suscita da tanto tempo emozioni e sensazioni, non lo desidero neanche sessualmente, forse perché non sento un legame mentale non mi sento coinvolta nella sua vita ne mentalmente ne fisicamente. È un bravo ragazzo lavora non è sbandato però non capisco se è l'uomo che voglio avere accanto così diverso da me, distaccato freddo, mi ama e mi desidera però non riusciamo a risolvere questa situazione, io non riesco a capire i miei sentimenti, vorrei qualche segnale non capisco neanche se sento la sua mancanza o se è soltanto un'abitudine e paura di lasciarlo, non riesco a prendere una decisione.
Si è aggiunto un altro problema a questa situazione drammatica, ho conosciuto un ragazzo all'università, molto particolare interessante, intrigante, è intelligente, legge, mi piace parlare con lui, mi piace aprirmi e parlare dei miei problemi cosa che non riesco più fare con il mio ragazzo. Sento un forte trasporto, lo penso tanto e ho voglia di parlare con lui. Forse mi attira anche fisicamente, mi fa provare sensazioni strane anche allo stomaco. Credo di interessargli un po' però lui è distaccato per la mia situazione. So che è sbagliato provare questo interesse e mi sento in colpa. Non so come interpretare questo trasporto e come comportarmi a questo punto con il mio ragazzo e se gliene dovrei parlare . O forse è il caso di fare prima chiarezza dentro di me. Non so cosa fare, questo rapporto così si trascina da tanto tempo e devo prendere una decisione per me stessa.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Anna,
il fatto di esserti fidanzata, e quindi impegnata, giovanissima, ti ha precluso la possibilità di conoscere altri ragazzi e fare una scelta più consapevole in merito.
E' come se tu fossi ormai prigioniera di una abitudine che però non ti fa sentire appagata e gratificata e sembra che questo rapporto vada avanti più per inerzia che per altro.
Purtroppo il tuo fidanzato sembra "dormire" e non si accorge di questo tuo malessere interiore.
Questo è male perchè penso che la persona che si ha vicino dovrebbe saper fare in automatico e continuamente una buona lettura del nostro stato d'animo senza nemmeno che noi parliamo!
Stando così le cose e comprendendo come tu ti possa sentire, mi sembra opportuno che quanto meno tu gli parli restituendogli la sua "cecità" e la tua frustrazione e chiedendogli una pausa di riflessione di qualche mese.
Forse questa cosa ti angoscerà e penserai di non farcela ma credo che sia per te una cosa necessaria per poterti chiarire le idee nel mentre continuerai a conoscere l'altro ragazzo. Sarà anche un modo per verificare quanto ti mancherà, se ti mancherà, il primo.
Sono situazioni difficili ma vanno affrontate con un pò di coraggio se si vuole capire di più e uscire da un limbo stagnante e insoddisfacente.
Se ti accorgi di non farcela prova a parlare con uno psicoterapeuta della tua zona per un approfondimento e, se ti va, tienici informati.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6578 Risposte

18420 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Anna
ti sei fidanzata a 14 anni con un ragazzo ed ora hai 21 anni e sei in crisi.
Inoltre tu dici anche che non sai se lo ami e neppure se lo hai mai amato e non sai se lui ti ama.
Dal tuo scritto emergono molte differenze caratteriali e non si comprende bene come abbiate fatto a stare insieme tutto questo tempo.
Lui comunque è un bravo ragazzo come, certamente, lo sei anche tu.
Penso che tu sia sinceramente legata a lui e che tu gli voglia molto bene; siete cresciuti insieme e siete abituati a "pensarvi" insieme dato che è stato così per molto tempo. Immagino anche la tua sofferenza perché staccarsi non deve essere facile; però non vi vedete spesso e vivete mondi separati e neanche sessualmente vi cercate.
Se non foste una coppia così giovane mi sembrerebbe di stare parlando di due 50enni e oltre.
Cara Anna così non va... dovrai prendere una decisione e tornare a vivere i rapporti e le relazioni come una ragazza di 21 anni.
Forse non vorrai deludere la tua famiglia nel lasciarlo ma, se così fosse, se questo fosse l'ostacolo che ti trattiene (oltre al'attaccamento che provi per lui), sappi che queste non possono essere motivazioni valide per mantenere in vita il vostro rapporto.
Avete entrambi il bisogno di recuperare entusiasmo e di arricchirvi di nuove esperienze. Bisogno di uscire da questa zona grigia e riscoprire nuovi colori e nuovi sentimenti ...esperienze nuove.
Fidati di ciò che il corpo, ti dice di fare. Il tuo sentire si è troppo chiuso nella mente e il cuore è troppo silenzioso....fallo parlare.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6721 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15500

psicologi

domande 19050

domande

Risposte 77950

Risposte