Confusione, malessere, dubbi sulla propria relazione

Inviata da Anna · 31 mar 2016 Terapia di coppia

Buonasera, vorrei cercare di spiegarvi ciò che mi sta succedendo in quest'ultimo periodo.
Innanzitutto ho 18 anni e sono fidanzata da un anno.
Sono circa tre settimane che sto vivendo in uno stato di confusione e malessere. Passo dal riso al pianto senza una specifica motivazione, ho continui attacchi d'ansia, mi sento vuota e distaccata dalla realtà; soprattutto ho dei dubbi sulla mia relazione di coppia.
Per essere più precisi, in questo periodo non faccio altro che piangere. A volte piango per i dubbi che mi vengono sul mio fidanzato, a volte piango perché è l'unica cosa che mi riesce di fare.
Gli attacchi d'ansia li ho sempre avuti. Da bambina ne avevo quando pensavo alla morte; allora cercavo di distrarmi in qualsiasi modo, anche guardando la tv e la cosa passava. Però circa due anni fa, scoprii che mio zio aveva un tumore e la cosa mi ha turbato così tanto che da allora gli attacchi d'ansia si sono fatti seri e non bastava una semplice distrazione per farli passare. Questa situazione è durata un anno, fino a quando mi sono fidanzata con il mio attuale fidanzato. Gli attacchi sono passati gradualmente.
Ora però con questa nuova situazione sono tornati, senza che io ne capisca il motivo.
La giornata però non è solo fatta di ansia e pianti. Ho dei momenti di lucidità nel quale sto bene e anche il rapporto con il mio ragazzo va benissimo. Sento di amarlo e ho voglia di stare con lui. Quando poi sto male i dubbi ritornano e non so a cosa pensare. Non capisco se il problema sono proprio io o c'è qualcosa che non va nella mia relazione. Lui ovviamente sa tutto di questa situazione e nonostante i miei dubbi e i miei molti momenti di sconforto mi è molto vicino.
Vorrei però dirvi che sin da bambina non ho avuto una bella situazione familiare. Sono anni ormai che mio padre non lavora e la pessima situazione economica pesa in famiglia. Inoltre non c’è più l’amore di un tempo tra i miei genitori ed essendo l’unica confidente di mia madre tutta questa situazione pesa sulle mie spalle. Mi sento stressata e sono anche sotto pressione per l’esame di maturità che dovrò sostenere.
Per questo non riesco a capire se tutto questo malessere sia dovuto ad uno stress momentaneo o ad un trauma più profondo.
Spero di esser riuscita a spiegare bene ciò che sento. Grazie per le risposte che riceverò

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 31 MAR 2016

Gentile Anna,
da quanto racconti sembra che la tua ansia abbia delle origini lontane e non imputabili alla tua relazione tanto più che il tuo fidanzato ti sta vicino e cerca di rassicurarti.
E' probabile che la concomitanza di più fattori di stress (la situazione economica negativa, l'allontanamento emotivo-affettivo tra i tuoi genitori, l'avvicinarsi dell'esame di maturità, la grave malattia di tuo zio) abbia comportato la riacutizzazione del tuo problema.
Pertanto, pur senza allarmarti, ti suggerisco di correre ai ripari ed iniziare una psicoterapia.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7088 Risposte

20219 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 MAR 2016

Gentile ragazza,
l'esame di maturità che si avvicina certamente non giova al suo disturbo d'ansia.
Dal momento che successivamente al suo mettersi con un ragazzo l'ansia è diminuita sembrerebbe da escludere che la relazione sia all'origine dei suoi sintomi, semmai potrebbe essere il contrario: l'ansia disturbare la relazione.
Ad ogni modo per una valutazione occorre consultare uno psicologo psicoterapeuta. Tenga presente che i disturbi d'ansia si risolvono piuttosto facilmente ad es. con le Terapie Brevi.
Cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

723 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 MAR 2016

Ciao Anna,
sei stata molto chiara nell'esprimere quello che hai provato e stai provando. Mi sembra anche che sei riuscita a individuare alcune delle case che mantengono in vita e alimentano la tua ansia (la situazione economica a casa, il rapporto tra i tuoi genitori, l'esame di maturità e in passato la malattia di tuo zio).
Credo sia arrivato il momento per te di affrontare attraverso un percorso psicoterapico le tue problematiche, in maniera tale da poter esplorare cosa c'è dietro questa ansia , i dubbi e le crisi di pianto. Se non riuscissi ad avere la possibilità economica di effettuare questo percorso privatamente, puoi rivolgerti ai consultori sia pubblici che privati della tua città che hanno dei prezzi veramente modici.
In bocca al lupo,
Dr.ssa Heyra Del Ponte

Heyra Del Ponte Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Pescara

70 Risposte

42 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24200

domande

Risposte 86900

Risposte