Confusione e paura

Inviata da Mara · 27 feb 2017 Terapia di coppia

Buongiorno. Ho scritto ieri che dopo un momento di alti e bassi il mio ragazzo è andato via di casa ma nonostante tutto mi ha sempre cercata e ci eravamo ravvicinati. Domenica scorsa abbiamo avuto una discussione e da quel momento è sparito. Poi dopo qualche giorno mi ha scritto e ci siamo organizzati per vederci sabato sera a cena in quanto io necessitano di chiarimenti. Un po controvoglia ha accettato. Ieri sera a cena nonostante le mie domande mi sono "scontrata" con un muro di "è colpa mia,sono stato uno stupido. Mi sono fatto convincere dalla tua insistenza. Per me era finita già a novembre. Pensavo che qualcosa potesse cambiare ma non è così.Non è colpa tua sono io che non mi dovevo fare trascinare da te"
Gli ho fatto presente che se uno si fa trascinare,resiste una settimana...due ma poi tronca. Lui ha continuato con la storia di cui sopra. Al che gli ho detto che trovavo assurdo l'invitare a cena fuori una persona che non vuole più vedere e la risposta è stata? "Tu hai insistito io te l'ho detto che non avrebbe portato nulla di buono ma non mi hai dato retta. E io scemo ho pensato che tu potessi farmi passare un ultima serata piacevole tra due persone mature." Io davvero non ho parole per esprimere la delusione. Vedere che una persona con cui ho condiviso un percorso si comporta in maniera così fredda e distaccata mi ha ferita profondamente. Al punto di chiudermi io stessa,che di solito invece sono molto comunicativa e socievole. Finita la cena mi propone di andare a bere qualcosa,accetto sperando che il murotolo che ha alzato si disgreghi e si possa parlare. Mi rendo conto che così non è e inizio a giochicchiare con il telefono,lui si altera e mi dice che per uscire con una che si fa i fatti propri era meglio andare a casa. Usciamo dal locale e sulla via del ritorno gli dico che covunque lui non ha voluto ascoltare mezza parola di ciò che gli dovevo dire io,si è dimostrato ostile e aggressivo nei miei confronti fin da quando è salito in macchina e lui mi ha detto "certo,sei arrivata a prendermi e hai fatto il giro della'isolato 2 volte,arrivati al ristorante hai sbagliato strada,al pub hai preso il menu e lo hai fatto cadere.Io mi vergogno ad andare in giro con te e portarti nei locali,sembri una rincoglionita cerebrolesa. Io voglio una persona da ammirare. Non una stupida a cui dire cosa fare passo dopo passo sennò fa solo cazzate"
A quel punto,per quanto io abbia cercato di rimanere calma tutta la serata io sono esplosa. Gli ho detto che sono stufa di essere sminuita e insultata,che lui sta dimostrando di non avere il minimo rispetto per la mia persona. Che mi ha umiliata troppe volte in questi mesi,dal farmi mangiare una torta che inavvertitamente ho bruciato a prendermi per un orecchio e portarmi alla porta per sbattermi fuori da casa sua. E lui ha replicato che non è nulla in confronto a quando io l'ho messo alla porta quando vivevamo insieme.Lui ha deciso di andarsene perché io l'ho cacciato. Ma non è stato proprio così. L'ho cacciato perché ero stufa di sentirmi dire le stesse cose che mi ha detto prima.

Gli ho detto che entro domattina deve liberare il garage dalle cose che ha lasciato lì come in deposito.
Lui ha detto che sarebbe venuto.
Gli ho detto come mai,se per lui era finita e non ci saremmo piu visti non mi ha portato un sacchetto con dentro le mie 4 cose.la risposta è stata che non pensava di doverle portare quella sera,perché lui è uscito di casa sabato mattina e poi è andato a lavorare mica come me che non lavoro (devo inaugurare il mio locale a breve) e posso pensare a tutte le cazzata di questo mondo.
Gli ho detto che vorrei indietro le mie chiavi di casa e lui ha risposto che appena arrivati alla macchina me le avrebbe date visto che le aveva li.

Oggi non è ancora arrivato per prendere le sue cose e ieri non mi sono presa le chiavi di casa perché ero davvero stanca ed esausta e mi sono scordata di chiedergliele di nuovo.

Lui ovviamente non penso mi cercherà più. Le mie amiche dicono che invece prima o poi spunterà come ha sempre fatto con qualche scusa o pretesto(è successo prima della convivenza e dopo quando per un motivo o un altro mi scriveva anche di cavolate). Perche io sono il suo sfogo preferito. Ma non capisco me stessa. Da una parte vorrei riuscire a eliminare ogni traccia di sentimento nei suoi confronti e dall'altro spero mi cerchi ancora. Non so che motivo avrebbe di cercarmi però... il non portarmi le mie cose e non venire a prendere le sue è solo un modo per tenersi aperto uno spiraglio da parte sua o sbaglio? Io ieri credo di essere stata abbastanza dura e di aver dato un taglio netto. Ma ricorrere le mie cose e soprattutto vorrei che lui si portasse via ciò che ha lasciato qui da 4 mesi.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 28 FEB 2017

Cara Mara, sembra davvero un periodo di grande confusione, purtroppo le separazioni non sono mai semplici dato che ci impongono di fare i conti con le nostre ferite narcisistiche; fin quando resterai concentrata su questo sterile rimpallo delle "responsabilità di fine rapporto" credo sarà difficile mettere a posto veramente le cose. Magari una consulenza psicologica, anche breve, con un professionista potrebbe aiutarti a vedere le cose in modo più chiaro. Cordialmente, dott.ssa Caccavale Carmela, Psicologa Afragola (NA).

Dott.ssa Caccavale Carmela Psicologo a Afragola

81 Risposte

151 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17000

psicologi

domande 24100

domande

Risposte 86750

Risposte