Confusione e blocco totale

Inviata da Marco · 30 nov 2020

Buonasera, cercheró di essere il più breve possibile nella descrizione della situazione che mi riguarda in prima persona.

Lo scorso anno, più precisamente a ottobre 2019, durante un weekend con un amico in un’altra città, ho conosciuto una ragazza (2 anni più piccola di me, quindi 24) di cui mi sono letteralmente invaghito da subito. Un feeling come non mai, lei complice sin dal primo momento ed estremamente attratti l’uno dall’altro, abbiamo iniziato ad approfondire la nostra conoscenza nonostante la distanza e cercato di vederci il più possibile. Le cose andavano bene, fin troppo bene.. ció che mancava era la mia predisposizione ad una nuova relazione essendo uscito da una di 6 anni l’anno precedente. L’idea quindi di iniziare qualcosa di impegnativo, che andasse oltre il flirt e la passione, un po’ mi spaventava ed è per questo che dopo solo 3 mesi ho deciso volontariamente di allontanarmi per non arrecarle danni.

Inutile nascondere che col passare del tempo abbiamo continuato a sentirci, anche se poco.. come se da parte di entrambi continuasse ad esserci interesse. Durante l’estate di quest’anno, più propenso io a volerla rivedere, mi faccio risentire e lei mi dice che era impegnata da poco tempo con un altro ragazzo e che questa cosa diventava chiaramente un ostacolo per il nostro reincontrarci. Al secondo tentativo da parte mia, lei mi dice che probabilmente era il periodo sbagliato e che se mi fossi fatto vivo prima lei ci sarebbe sicuramente stata. Ciò nonostante, ci vediamo un paio di volte e passiamo una mezza giornata insieme davvero bene senza andare oltre, o meglio non totalmente oltre.. Ma puntualmente lei precisa che non ci sarebbe potuto essere nulla tra noi nonostante l’interesse da parte sua. Decido così di mollare sul serio la presa.

Dopo circa un mesetto inizia a cercarmi con sempre più frequenza.. notato ciò, le chiedo a cosa è dovuto il suo farsi risentire e lei mi dichiara di non aver in realtà mai smesso di pensarmi probabilmente perché (parole sue) il suo fidanzato in poco tempo le aveva già mentito e lei risentiva di tale trattamento. Iniziamo a sentirci con frequenza nonostante il suo fidanzamento, e dopo circa una 20ina di giorni decido di tornare da lei per rivederci. Lei al settimo cielo per questa cosa, quando arriva il giorno di rivederci si fa prendere dall’ansia (che potesse accadere qualcosa tra noi e quindi tradire, ho pensato) e con molta fatica alla fine si lascia andare all’incontro. Nulla di particolare, una cena ma nient’altro. Successivamente ribadisce il suo voler concentrarsi sul suo ragazzo, anche se quello che faceva in pratica era l’opposto.

Ho provato a chiedere spiegazioni ma non ci è mai riuscita del tutto, mi diceva di sentirsi attratta da me in tutto e che non avrebbe fatto mai a meno di me.. quasi sminuendo il suo ragazzo, che a suo dire, non avrebbe mai lasciato!

Passano diversi giorni e il mio essere impaziente prendeva il sopravvento. Decido così quasi di non farmi sentire per vedere la sua reazione, ed il giorno che andavo da lei per farle una sorpresa mi scrive che le mancavo e che non capiva perché la stavo evitando. Dopo 10 minuti da questo messaggio ero sotto casa tua, lei su di giri e felice come una bambina si precipita tra le mie braccia e passiamo una serata come due fidanzatini col finale delle nostre labbra che si sfiorano.

Ci siam visti 3 gg su 3, come fossimo fidanzati, condividendo storie, raccontandoci qualsiasi cosa ed entrambi col cuore a mille, ed alla fine le riesco a rubare un bacio. E non solo.

Inutile purtroppo nascondere i suoi sensi di colpa nei confronti del ragazzo, alla fine di queste giornate.

Di lì ai successivi 20 giorni iniziamo a sentirci continuamente, a scavare a fondo l’uno nella vita dell’altro, a condividere pensieri, a fare progetti basandoci sul nostro rapporto e tanto altro. Il tutto andava di pari passo con l’allontanamento da parte sua dal suo ragazzo che, nel frattempo, stava immaginando che ci fosse qualcosa di rotto tra loro. Lei gli confessa infatti la sua confusione rimandando il confronto e quindi senza andare a fondo alle motivazioni che la spingevano a distaccarsi da lui. Quest’ultimo non fa nè domande nè considerazioni, quasi come fosse impassibile di fronte a questo accettando di doverne parlare di persona.

Io finalmente iniziavo a vedere una piega in questa situazione, e continuavo a sentirmi sempre più coinvolto. Vederla, abbracciarla e baciarla mi fa un effetto incredibile.. e lei ha sempre ricambiato tutto. Mi dice che con me paradossalmente si è creato un rapporto molto più solido, maturo, trasparente e sincero e che lei si sente molto più affine a me che a lui.. per non parlare dell’attrazione fisica.

Incontra lui 3 voltee un po’ per volta ammette di essere confusa e che tale confusione sia dovuta a me, quindi una terza persona. La sua reazione, oltre ad uno dei più classici pianti, è stata immediatamente un “ti perdono, andiamo oltre per favore”... senza chiedere nè di chi si trattasse e nè di cosa fosse successo.. non so se riconducibili a immaturità, a mancanze di sicurezze o assenza di vero sentimento nei confronti di lei. Ma lei riesce finalmente a togliersi questo macigno e a distaccarsi.

Io e lei ci siamo rivisti, ma in questo periodo di confusione totale lei ha chiesto anche a me, oltre che a lui, un po’ di tempo per sè stessa e delle distanze. Mi ha chiesto come mai, se fosse davvero attratta da me come lei stessa pensa, non abbia ancora lasciato lui del tutto e non si sia lasciata andare tra le mie braccia. Le ho detto che sarebbe stata una follia il contrario, mi sembra invece lei sia molto dentro questa situazione e che non stia assolutamente prendendo decisioni affrettate anzi molto ponderate.

Le “distanze” comunque non le sta del tutto rispettando, almeno con me, dal momento che continua a farsi sentire.

Son quasi 3 mesi che va avanti questa storia, sono stremato.. i suoi cambiamenti di umore, i suoi pensieri contrastanti, il suo “tu sei unico, meraviglioso peró sai anche lui..”, la sua estrema trasparenza con me mi ha fatto cadere tutto il peso della situazione addosso. Lei non ne ha voluto parlare con amiche, si è tenuta tutto dentro e si sfogava con me. È mortificata dal suo comportamento degli ultimi mesi nei confronti di sè stessa, me e lui..

A volte credo che la cosa giusta sia mollare e con mollare intendo chiudere tutto o almeno provarci, anche per questione di orgoglio. Son sempre del pensiero che una persona se ti vuole ti prende, non siamo noi a far cambiare idea a qualcuno anzi, dovremmo lasciare l’altra persona più libera possibile da influenze per poter capire dove arriva. A volte invece credo sia lecito insistere, proprio ora che lei sia riuscita a “sbloccarsi” e a prendere una pausa da lui, e quindi farsi sentire sempre presente e continuare a darle attenzioni.

La mia richiesta, oltre a considerazioni da parte vostra, é come continuare a gestire la situazione.
Specifico che lei segue una psicoterapia, e da quanto mi riferisce le é stato detto che questo suo blocco, o situazione di stallo é riconducibile alla perdita del papà per cui avevo tanto lottato. Più precisamente il suo non saper prendere posizione é dovuto al fatto di non voler rischiare delusioni preferendo la comfort zone attuale.
Anche se credo che essendoci la base ci si debba buttare a capofitto in un’avventura.

Grazie e buon proseguimento a tutti.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 30 NOV 2020

Caro Marco, credo che non sia tanto importante trovare una spiegazione al comportamento di questa persona, quanto concentrarsi sul come sta Lei, in tutta questa faccenda. E' giusto dare del tempo alla ragazza con cui si è frequentato, ma trovi il modo anche di capire come pensa che possa farLa stare questo rapporto, ad oggi, poco definito e chiaro. E' giusto che Lei metta al primo posto se stesso e il Suo benessere, quindi investire su ciò che davvero possa farLa stare bene!
Buona fortuna!
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1615 Risposte

872 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30000 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18800

psicologi

domande 30000

domande

Risposte 102150

Risposte