Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Confusione di identità e problemi di coppia

Inviata da Serena il 11 ago 2016 Problemi sessuali

Salve, sono una ragazza di 23 anni, e sto attraversando ormai da tempo una fase di crisi sia personale che nel rapporto di coppia, senza riuscire a capire cosa devo fare. Dopo varie riflessioni e anni di confusione, ho capito che provo per gli uomini un interesse incompleto: penso a un rapporto di coppia immaginandomi sempre solo con ragazzi, ed è un'immagine che mi piace, mi ritrovo tantissimo in tutto ciò che riguarda l'aspetto romantico del rapporto con un uomo (dalle attenzioni al corteggiamento, al trascorrere del tempo insieme, all'idea di una convivenza), ma appena si arriva alla parte fisica perdo ogni interesse. Solo pensando al fisico femminile provo eccitazione, e anche a livello di "ruolo" se penso di essere io un ragazzo e di poterlo fare con una donna, comincio a sentire un'emozione e un coinvolgimento in nulla paragonabili ai rapporti etero che ho avuto. Di contro, però, se penso a una convivenza/futuro con una donna, l'idea non mi attrae. Sono una persona senza inibizioni, sia nel sesso che nel pensare a una possibile omosessualità, all'inizio le ho vissute come fantasie, "integrazioni" alla mia vita di coppia a cui non ho dato peso, perché a livello sentimentale ho sempre provato qualcosa di forte e reale per i ragazzi con cui sono stata. Ma sto capendo che provo per i ragazzi sentimenti romantici, non fisici. Questo sta pesando tantissimo nella mia ultima storia. Non sento nessuna attrazione, eppure io provo dei sentimenti profondi per questo ragazzo, adoro il suo viso, i suoi occhi e il suo modo di essere, la sua anima e la sua essenza. Non vorrei perderlo, vorrei costruire qualcosa di serio e duraturo con lui, ma ho questo problema. Lo so che l'amore dovrebbe portare anche a passione, coinvolgimento e attrazione, ma io, non so come spiegarlo, vivo in una sorta di scissione, sono sicura di amarlo, di volere stare con lui, ma non mi eccita niente durante i rapporti. L'orgasmo lo raggiungo di solito, questo potrebbe far pensare che allora non ci sono problemi, ma il problema c'è, perché lo vivo solo come una cosa meccanica, una risposta a uno stimolo, la mia mente non è appagata, non traggo alcun appagamento o eccitazione da quello che vedo, che tocco e vivo, e questo mi porta un grande dolore. Ho bisogno del parere di un esperto per capire se sto sbagliando qualcosa, se la passione si impara e costruisce o se invece (come credo io) ti travolge e coglie all'improvviso essa stessa. Mi manca un parere esterno, un consiglio e un'opinione. Mi scuso per l'essermi dilungata, grazie mille di cuore a chi leggerà e mi risponderà.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Serena tu scrivi: "Ho bisogno del parere di un esperto per capire se sto sbagliando qualcosa, se la passione si impara e costruisce o se invece (come credo io) ti travolge e coglie all'improvviso essa stessa.."

La passione per come tu la descrivi, quella che ti travolge ....ecc, è uno dei modi con i quali si entra in contatto con la sessualità durante l'adolescenza. L'essere travolti in un esperienza totalizzante, non richiede un pensiero consapevole su chi sia realmente l'altro ne sui tuoi reali bisogni, perché l'altro è sempre colmo di buone cose e di amore e non potrà mai deludere, pertanto in questa fase di innamoramento la soddisfazione è totale. Una fase in cui sei tutto o nulla, ti amo totalmente o per nulla, senza vie di mezzo. Quando si passa da una fase della vita ad un altra, come potrebbe essere il passaggio dall'adolescenza all'età di "giovane adulta", ci si potrebbe trovare in confusione, che tu chiami scissione, tra quella che è stata la tua esperienza amorosa in precedenza, e lo stato attuale, più riflessivo, maturo, meno idealizzante dell'altro, in cui prevale la ricerca di qualità più profonde, dove la parte erotica non occupa più un posto primario, ma deve integrarsi con altri aspetti di te e dei tuoi bisogni, che sono cambiati. In queste situazioni sarebbe utile riflettere su quale possa essere il bisogno che non viene soddisfatto all'interno della relazione amorosa.
dr.ssa Fernanda Zanier

Fernanda Zanier - Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Amaro

9 Risposte

9 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

buongiorno Serena,
porsi delle questioni e cercare delle risposte non è mai sbagliato. Inoltre bisognerebbe chiedersi "sbagliato rispetto a che cosa". La sua capacità di esaminare la situazione che descrive potrebbe essere una buona partenza per intraprendere un serio lavoro di approfondimento senza smarrirsi negli idealismi.
Cordiali saluti
Studio dr. Gramaglia Giancarlo
Torino

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

330 Risposte

124 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Serena,
come può sperimentare la sessualità è complessa e può presentare vari problemi o disfunzioni.
Le consiglierei di consultare uno psicologo psicoterapeuta per indagare meglio la natura del problema e trovarvi soluzioni.
Le segnalo che la Terapia Strategica Breve ha messo a punto diverse strategie per risolvere vari problemi inerenti la sessualità.
Cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

708 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Non credo tu abbia un disturbo di identità sessuale, transessualismo, per interderci.
Hai emozioni e pensieri femminili, non maschili.
Si potrebbe cercare di comprendere e forse, molto forse,modificare un po' l'oggetto di attrazione sessuale (da maschile a femminile) ma, sinceramente, non credo che questo sia fattibile.
Il problema sarebbe pipu semplice se tu provassi semplicemente repulsione per il sesso con un uomo, ma per l'attrazione fisica per le donne non ritengo probabile si possa fare qualcosa.
Che dire.....se questa situazione la vivi male (depressione, ansia, senso di colpa, vergogna, rabbia), rivolgiti ad uno psicoterapeuta, altrimenti,se non ti rappresenta un grosso problema, visto che l'attrazione sessuale e' praticamente non modificabile,segui le tue inclinazioni sessuali e perché no, fare sesso anche con donne.
Coraggio

Emozioni Umane - Dott.ssa Papadia Psicologo a Montebelluna

554 Risposte

381 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Serena
penso che sia importante per te poter mettere ordine in questi "vissuti" sentimentali, emotivi ed erotici che mi sembrano essere molto confusi.
Il motivo di questa confusione non ci è dato sapere se non indagando con maggior profondità nella tua storia personale.
Nel leggerti mi sembra di poter cogliere in te delle qualità di analisi e di introspezione che ti sarebbero utili in un percorso di psicoterapia...perché non decidere di farlo?
Potresti conoscerti meglio, avere chiarezza e trovare in te stessa vera "centratura".
Pensaci su.
Datti questa opportunità.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6745 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Serena,
vivere nella scissione e nella dissociazione non fa bene e non credo sia piacevole.
Tuttavia, mi sembra di capire che lei ha avuto ed ha soltanto delle "fantasie" omosessuali e può darsi quindi che stia sovrainvestendo ed amplificando il pensiero di un possibile appagamento fisico di natura omosessuale che in realtà non ha mai sperimentato.
D'altra parte lei dice che non la attrae l'idea di una convivenza o di un futuro con una donna, che nel rapporto di coppia si immagina solo con ragazzi e che attualmente ha un ragazzo che ama e che non vuole perdere.
Infine dice che non soffre di anorgasmia perchè raggiunge l'orgasmo seppure come conseguenza di una stimolazione meccanica : ma è noto che l'orgasmo è effetto di una stimolazione meccanica!
Pertanto, ritengo che la cosa migliore per lei sia di continuare (come ha fatto finora) a vivere le sue fantasie omosessuali come "integrazioni" alla vita di coppia etero che mi sembra abbia per lei più importanza.
In ogni caso, un percorso di psicoterapia con un collega che sia anche esperto in sessuologia può aiutarla a chiarire la sua confusione e ridurre o eliminare la relativa dissociazione.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6617 Risposte

18528 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Serena,
nei rapporti di coppia cosí come nella vita in generale non ci sono regole di massima che possano quantificare se una relazione funziona o meno, quello che fa da spartiacque é il vissuto personale delle persone coinvolte. Non direi quindi che sta sbagliando alcunché, semplicemente forse é arrivato un momento nella vita in cui le cose si sono fatte piú complesse, in cui le domande e i dubbi che sente giocano un peso diverso ed é forse arrivato il tempo di concedersi dello spazio per rispondervi e per ricostruire una propria dimensione personale e di coppia soddisfacente.
La inviterei dunque a pensare di intraprendere un percorso di approfondimento con un terapeuta di Sua scelta.
Rimango a disposizione.
Cordialmente
Annalisa Anni

Dott.ssa Annalisa Anni Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Padova

505 Risposte

914 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Problemi sessuali

Vedere più psicologi specializzati in Problemi sessuali

Altre domande su Problemi sessuali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15600

psicologi

domande 19350

domande

Risposte 78400

Risposte