Confusione con il mio fidanzato

Inviata da Luisa · 29 ago 2016 Terapia di coppia

Io non capisco più se sto impazzendo io o se è impazzito il mio fidanzato. Tutto è iniziato otto mesi fa, il mio fidanzato mi ha lasciata senza motivo e senza spiegazioni, niente di niente. Ho provato a chiamarlo a scrivergli ma non mi rispondeva. I primi tempi è stata dura ma poi mi sono detta e convinta che dovevo pensare prima di tutto a me stessa e ho iniziato a uscire a divertirmi con le mie amiche stavo bene in quei momenti. All'improvviso vedo dopo circa un mese e mezzo una sua chiamata, non ho risposto allora lui ha iniziato a insistere con messaggi e chiamate insistenti, è venuto persino sotto casa perché doveva dirmi una cosa importantissima. L'ho incontrato e mi ha detto che si era allontanato da me perché aveva una massa allo stomaco e doveva fare una biopsia per vedere di cosa si trattava e in quel momento era rimasto sconvolto e non voleva vedere nessuno. Poi ci ha pensato con calma e ha deciso di volermi vicino e allora vista la gravità della cosa io sono tornata a insieme a lui, non me la sentivo di lasciarlo da solo. Ha fatto la biopsia, almeno così mi ha detto, io chiedevo spesso se avesse avuto i risultati di chiamare il dottore visto che passavano i giorni e poi i mesi e lui dopo cinque mesi mi dice che aveva chiamato il dottore e gli aveva detto che i risultati erano andati persi e doveva rifare l'esame! Ma non voleva rifarlo! Mi ha detto: se era qualcosa di grave sarei già morto! Ora un mese fa mi ha chiamato e mi ha detto che aveva una colica renale e stava al pronto soccorso. Gli hanno dato una cura con antibiotici, cortisone e antinfiammatori e subito dopo la cura ha iniziato a dire che si sentiva debole, gli ho chiesto di fare gli esami del sangue e l'ha fatto. Mi ha chiamato mi ha detto che c'era una infezione anzi precisamente una malattia infettiva, gli aveva detto la dottoressa che le medicine che aveva preso per la colica renale gli avevano abbassato le difese immunitarie. Mah io non sono dottore ma mi sembra tutto strano! Mi ha detto che sarebbe andato dal suo dottore il pomeriggio del giorno dopo, poi non si è fatto sentire allora gli ho scritto un messaggio ''ricordati che devi andare dal dottore oggi pomeriggio! Come stai perché non mi hai inviato nemmeno un messaggio per farmi sapere come va?" La sua risposta: "il medico è in ferie e tu stai sempre a malignare che cosa è". Io sono rimasta allibita, ma che malignare? Dopo questo messaggio è sparito, da cinque giorni non risponde ai messaggi. Io in questo momento non so più cosa pensare, ho una confusione totale. Da una parte mi dico: se sta male e non vuole farsi vedere? Poi mi dico: allora perché mi ha cercata e mi ha detto che mi voleva vicino? E poi ancoram, è possibile che in un ospedale i risultati si perdano? E se non è vero? E la colica renale? Lui diceva di vedere sangue nelle urine ma nelle analisi delle urine non c'era nulla. E che c'entra la malattia infettiva ora? E perché è sparito di nuovo? Questa situazione mi sta facendo stare male, non so che fare, mi sento la testa vuota e confusa, non so come comportarmi né che fare.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 30 AGO 2016

Gentile Luisa,

le situazioni confuse rendono le persone confuse.

Continuare a domandare e a domandarsi in questo caso non faranno che aumentare il suo senso di insicurezza e frustrazione.

E' permesso chiedere ma le risposte non si possono pretendere. Può essere utile nel suo caso, lasciare andare i pensieri, concentrarsi su di se e fare le cose che le piacciono.

Il tempo e il prendere le distanze dalla situazione, l'aiuteranno a cogliere il senso di quanto sta accadendo.

Dott.ssa Elena Consenti
Psicologa - Psicoterapeuta Latina

Dott.ssa Elena Consenti Psicologo a Latina

42 Risposte

699 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 AGO 2016

Gentile Luisa,
comprendo la preoccupazione per la salute di questo ragazzo e la confusione derivante dalle incongruenze della sua storia. Effettivamente è piuttosto strano e insolito che dei risultati di esami siano stati persi e debbano essere ripetuti e che quando lei chiede ragguagli lui risponda che il dottore è andato in ferie o che lei sta a malignare e se fosse stato qualcosa di grave, sarebbe giá morto. Solitamente una persona preoccupata per la propria salute, non reagisce in questo modo, per questo ritengo strano il suo comportamento. Quello che lei racconta lascia pensare che lui potrebbe essersi inventato queste malattie usandole come espediente per riavvicinarsi a lei, cosa che ogni tanto capita agli ex che non accettano la chiusura di una storia. Sperava forse con questo atteggiamento di farla riavvicinare facendo leva sul suo lato compassionevole ed evidentemente ci è riuscito. Quelle che faccio sono ipotesi, e la invito a verificarle chiedendo ai suoi amici, parenti o anche al medico di base, ma non direttamente a lui, perché se si tratta di malattie inventate, difficilmente ammetterá che non erano vere e che erano solo un modo per riavvicinarsi a lei.
Una volta saputa la veritá sul suo stato di salute, rifletta e decida lei riguardo al da farsi con lui. Se verrá fuori che sono state tutte malattie inventate e che erano solo un modo per tornare con lei, si aspetti altri tentativi da parte di lui per tenerla stretta, per esempio si aspetti che arrivi anche a dire che è depresso e vuole tentare il suicidio se lei non rimane con lui. Qualunque cosa lui dica per tenerla legata a sé, se lei ha deciso di non stare con lui, non ceda ai suoi ricatti emotivi e rimanga ferma sulle sue posizioni, anche interrompendo i contatti con lui. E se si dovesse fare troppo insistente nonostante i tentativi di tenerlo fuori dalla sua vita, non esiti a informare le forze dell'ordine di quanto accade. Queste ultime che ho fatto sono ipotesi su ció che potrá avvenire in futuro, non è detto che succederá, ma se dovesse accadere, si tenga pronta a tutto questo.
Le auguro tutto il meglio.

Cordiali saluti,

dott.ssa Elisa Canossa, psicologa psicoterapeuta, Sustinente (Mantova)

Dott.ssa Elisa Canossa - Studio di psicologia e psicoterapia Psicologo a Sustinente

726 Risposte

2199 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 AGO 2016

Buongiorno gentile Luisa,
la stranezza di quanto descrive mi porta a riflettere e a porgerle alcune domande: Lei si rende conto di quanto è alla mercè di questo suo fidanzato? E' come se Lui la tenesse in pugno con questa sofferenza e preoccupazione... Lei ha modo di sapere se è davvero molto malato? Conoscerà la madre o i parenti o amici prossimi a lui, può domandare a loro? Troppe incongruenze portano a pensare che questo ragazzo non ha ancora deciso di cosa è malato. Credo che sia il caso di parlare francamente con lui, se ancora non l'ha fatto, e poi deciderà cosa fare.
Cordiali saluti
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Roma

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2831 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24200

domande

Risposte 86900

Risposte