Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Conflitto interiore pensieri forti e ossessivi

Inviata da manuel il 26 gen 2015 Disturbo ossessivo compulsivo

Salve a tutti sono un ragazzo di 25 anni...fin da piccolo sono sempre stato timido ma non mi facevo un gran problema all’inizio...poi all’età di 15 anni data la mia situazione famigliare che mi ha costretto ad avere poche amicizie e trovandomi quindi quasi sempre solo ho notato che la mia timidezza o altro comunque mi davano problemi a stare insieme ai miei coetanei e da lo iniziano i problemi. .questo è il problema di partenza ma adesso c'è un problema ancora pii grande che mi sono creato io stesso. Da quando avevo circa 17 anni mi sono dato alla lettura a libri di meditazione ecc e mettevo in pratica solo le tecniche con la speranza che potessero cambiarmi ma dopo circa 2 anni di testardaggine mi sono creato dentro di me un sistema forte di pensieri che oggi mi turbano tantissimo...non riesco a vivere senza pensiero forti ossessivi ripetitivi che proprio mi tolgono l attenzione. ..io per stare diciamo non male devo proprio tenere duro e bloccare questi pensiero forti. So che bisognerebbe lasciare in qualche modo di non bloccarli ma io proprio non riesco a conviverci ma portano la mente ad uno stato di pazzia e perdo il controllo e mi sento troppo male. Premetto che non sono mai riuscito a ricostruirsi una vita sociale quindi i miei bisogni di divertimento di condivisione ecc sono chiusi bloccati. Che consiglio mi date.? .grazie tanto..saluti manuel

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gent.le Manuel
Il primo passo da fare è pensare di non poter risolvere le cose da solo: dato che ha problemi anche da un punto di vista relazionale e sociale, tutto ciò non si affronta in solitudine. Se possibile lo condivida con i suoi cari e chieda aiuto ad uno psicoterapeuta. Una psicoterapia, magari ad orientamento dinamico, riuscirebbe a sbloccare le sue risorse interne. Descrive dei pensieri ossessivi, su cui ha poco controllo e d è normale che, nel tentativo di controllarli (da solo!) Disperda un sacco di energie. Provi con una psicoterapia
In bocca al lupo!

Dott. Alessio Orlando Psicologo a Ferrara

43 Risposte

94 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Manuel, mi dispiace per quello che scrivi perchè immagino che la situazione da gestire è molto complessa e difficile da risolvere da solo. il tema centrale di cui tu parli è proprio il controllo, sarebbe utile conoscere meglio la tua vita per capire come sicuramente da piccolo fino ad oggi questo funzionamento si sia alterato lentamente fino a portarti ad oggi a rimuginii e pensieri continui dai quali non riesci a staccarti. un lavoro terapeutico integrato è quello che sarebbe necessario, si tratta di un lavoro che lentamente ti può permette di recuperare quella capacità di allentamento sano che hai perso, è ovvio che da solo non si può fare. La metodologia Funzionale è una di queste. Mantenere attività come yoga, meditazione potrebbero essere un aiuto al lavoro di terapia ma da sole non risolvono il problema come già tu hai visto. putroppo con il passare del tempo i disfunzionamenti possono peggiorare pertanto ti suggerisco di riflettere sull'idea di intraprendere un lavoro su di te.
Un in bocca al lupo grande...
Dr.ssa Cristiana Salvi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Manuel,
nel suo caso sarebbe opportuno effettuare una valutazione di base per chiarire la natura dei suo pensieri intrusi vi in modo da poter impostare un efficace protocollo di trattamento volto a la riduzione della sintomatologia e all'acquisizione di maggior controllo e consapevolezza del suo disturbo. La terapia cognitivo comportamentale sulla base di svariati risultati empirici si è rivelata la più indicata per il trattamento dei disturbi di natura ossessiva così come i disturbi d'ansia sociale.
cordiali saluti

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Io non ho un ossessione del tipo l ossessione di avere tutto in ordine o pensieri ripetitivi su qualcosa in particolare. Da quando ho iniziato a non accettarmi ho iniziato a pensare a ragionare ed elaborare delle strategie per uscire dalla mia situazione..mi sono fatto delle teorie con i libri e mi si sono create appunto delle idee fisse su come in realtà dovrei essere e dovrei fare per cambiarmi..siccome ho fatto questo per moltissimo tempo ora ho in testa dubbi e confusioni a tal punto che sento una corrente forte di pensieri automatici che risuonano forte nella testa..mi si è creato proprio un sistema di pensiero uno schema fisso che appunto mi toglie dalla realtà è io per vivere discretamente devo bloccare questo flusso di pensieri ma facendo questo creo molta tensione dentro di me...chiedo se la terapia cognitivo comportamentale e utile per trovare la causa di questo schema è sciogliere in modo da non avere questo tipo di ragionamenti che mi si fanno nella testa..ripeto sento proprio questi pensieri come se risuonano ad alto volume e io o entro nel ragionamento che fanno loro oppure devo cercare di distrarmi ma sento che proprio vado contro me stesso e creo forte tensione..grazie ancora per i consigli

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Manuel.
Di certo continuare a vivere prigioniero dei suoi stessi pensieri intrusivi ed ossessivi, non può migliorare il suo stato di salute psicofisica.
Consiglio di consultare uno psicoterapeuta per cercare di dare un senso ed un significato a questi pensieri, che attualmente bloccano il normale corso della sua vita.
Sicuramente non potrà che giovarle.
Resto a disposizione.

Dr.ssa Francesca Conti

Dr.ssa Francesca Conti Psicologo a Poggibonsi

23 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

gentile Manuel, è difficile capire cosa potresti fare per alleviare la tua sofferenza, in quanto ci sarebbe bisogno di approfondire molte dinamiche sottostanti. Per fare questo, quindi, hai bisogno dell'aiuto di un professionista.
Affiancato a questo, potresti parlarne con qualcuno che ti è più vicino (genitori, fratelli,parenti o amici sene hai) , altrimenti puoi comunque trovare un po' di sollievo leggendo le testimonianze di chi ha il tuo stesso problema.
Dott.ssa Caterina Scarciglia

Dott.ssa Caterina Scarciglia - Studio Di Psicologia Psicologo a Spongano

12 Risposte

24 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Manuel,
non ho colto il contenuto di questi pensieri ossessivi e non hai ben spiegato quale sia la situazione famigliare che ti ha portato, nel tempo, ad avere una ristretta vita sociale.
Ti consiglierei di valutare queste situazioni con uno specialista nella tua città che saprà sicuramente aiutarti a cogliere la natura dei pensieri ossessivi e a ricostruire con te le vicissitudine famigliari che potrebbero aver portato a questa formazione e all'allontanamento dalla vita sociale.
Sei molto giovane e sono certa che riuscirai a superare questo momento.
Un caro saluto,

Dott.ssa Valentina Mossa, Torino

Dott.ssa Valentina Mossa Psicologo a Torino

159 Risposte

249 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Manuel,
i tuoi tentativi di risolvere le difficoltà che fin da prima ti assillavano non erano sbagliati ma non adeguatamente impostati in quanto auto gestiti. La meditazione per es., è una ottima pratica, però non è mai opportuno gestirla senza una guida e così per quanto riguarda altri eventuali tentativi di sopprimere le manifestazioni indesiderate della propria personalità.Ora ne stai pagando le conseguenze e pertanto è giunto per te il momento di rivolgerti ad un professionista tra i miei colleghi/e della tua zona che ti aiuti ad uscire dall'impasse che hai creato tu stesso. Non indugiare nel continuare a pensare ma agisci perché da solo, come ti sei reso conto, non fai che alimentare la produzione di pensieri ossessivi. Ciao
Dott.ssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

620 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Manuel,
innanzi tutto complimenti, perchè è difficile ammettere di avere un problema e chiedere aiuto. Però sulla base di ciò che hai descritto non è possibile farlo concretamente con poche parole qui.
E' importante che tu ti rivolga ad uno psicoterapeuta, ancor meglio se Cognitivo - Comportamentale, che ti aiuti innanzitutto a comprendere l'origine del tuo problema e che ti guidi mediante un percorso mirato facendoti comprendere le risorse che hai e a come spenderle in modo funzionale, affinchè tu prenda in mano la tua vita attraverso una prospettiva differente.

Dott.ssa Roberta Famulari
Psicologa Cognitivo Comportamentale

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera Manuel, per quello che leggo mi sento di consigliarle di fissare quanto prima un incontro con uno psicologo, intanto perchè le problematiche che riporta mi sembrano incidere nella sua quotidianità in maniera rilevante, poi dalle sue parole traspare la preoccupazione per una situazione che sente sfuggirle di mano.. immagino che lo stato d'ansia con cui vive tutto questo sia elevato, proprio per questo le consiglierei di non temporeggiare ulteriormente.
Sperando di esserle stato di aiuto, rimango a disposizione per eventuali domando o necessità.

Cordialmente
Dott.ssa Muschetto

Dott.ssa Monica Muschetto Psicologo a Padova

22 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Manuel
è difficile poterle essere d'aiuto con così poche informazioni. Sarebbe importante conoscere il contenuto di questi pensieri ossessivi e, soprattutto che attinenza hanno con le tecniche e le letture di meditazione? E quando parla di testardaggine cosa intende? Ma quali tipi di pensiero potrebbero portare la sua mente ad uno stato di pazzia? E riguardo a che cosa potrebbe perdere il controllo? Il mio consiglio, Manuel, è rivolgersi a uno psicologo che possa aiutarla. In ogni caso, per problemi come il suo esistono dei protocolli costruiti ad hoc per trattare i pensieri ossessivi con prescrizioni comportamentali adatte. Potrebbero essere sufficienti poche sedute, anche on-line, con il programma Skype.
Spero di esserle stata utile
un saluto
dott.ssa Maria Giovanna Zocco

Dr.ssa Maria Giovanna Zocco Psicologo a Modica

162 Risposte

264 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Vedere più psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Altre domande su Disturbo ossessivo compulsivo

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19250 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19250

domande

Risposte 78250

Risposte