Conflitto familiare...paura dell'abbandono.

Inviata da maria. 27 set 2012 11 Risposte  · Autorealizzazione e orientamiento personale

sono una ragazza di 32 anni e vivo un periodo molto difficile. Vorrei andarmene per un po' poichè sono stufa di continuare una vita a chiedere a mia mamma un avvicinamento che da parte sua non c'è; ho vissuto in comunità e in collegio solo perchè sono stata abbandonata e per tutto quello che vivo attorno a me, mi trovo da sola e conto solo su di me. Sono stanca e non ce la faccio più.
Ho pensato pure di farla finita, ho 2 bambini e un marito solo che sono veramente stanca di lottare per una cosa che non potro mai avere perchè le persone non cambiano dopo un certa età quindi sarà impossibile visto tutti i tentativi che ho fatto con i genitori separati.
Sento che la mia vita è finita qui, me ne vado e mollo tutto.

paura , marito , genitori , ragazza , mamma , vita

Miglior risposta

Buongiorno Signora Maria,
credo che sia opportuno per Lei e per la sua famiglia che si rivolga al consultorio più vicino alla sua residenza o al servizio di psicologia dell'ospedale più vicino, per dei colloqui con uno psicologo. Ci scrive che è stata abbandonata da sua madre eppure sarebbe propensa a fare la stessa cosa con i suoi bambini... Riesce a vedere la similitudine? La sua sofferenza necessita di un aiuto di persona e con urgenza, da qui, on line possiamo solo orientarla mentre lei ha bisogno di cure adeguate.
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Gentile maria,
nel susseguirsi del suo scritto si percepisce il travaglio che sta vivendo e anche la genesi, lontana nel tempo. Credo che lei abbia in sé tutte le risorse e potenzialità per uscire da questo momento buio,
Chiede aiuto ad un professionista della sua città. Di sicuro poter parlare senza temere critiche ,giudizi o pregiudizi, potrebbe alleggerirla e aiutarla a fare chiarezza.
Auguri di cuore.
Dott. Annalis Orsenigo

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

3 OTT 2012

Logo Dott.ssa Annalisa Orsenigo Dott.ssa Annalisa Orsenigo

38 Risposte

15 voti positivi

Buonasera Maria,

comprendo il suo dolore ma lei ha già dimostrato formando una famiglia, crescendo due figli, di avere le risorse per andare avanti e superare difficoltà e sofferenze. Probabilmente non riuscirà mai ad avere il rapporto che desidera con su madre e da figlia questo è per lei doloroso e inaccettabile, però può capitare. Le consiglio quindi di affrontare con l'aiuto di uno psicoterapeuta, rivolgendosi a privati o a servizi pubblici, questa relazione problematica che ancora oggi le genera tale sofferenza.
Cordiali saluti
Dott.ssa Barbara Testa

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

2 OTT 2012

Logo Dott.ssa Barbara Testa Dott.ssa Barbara Testa

97 Risposte

74 voti positivi

Appare evidente dalle tue parole che la tua vita è stata ed è piena di difficoltà. Questo non significa che tu non possa affrontarle e superarle, ma per farlo hai bisogno dell'aiuto di un professionista. Ti suggerisco di rivolgerti ad uno psicoterapeuta o al servizio territoriale che si occupa della salute mentale. Con l'aiuto adeguato puoi ritrovare la voglia di vivere e l'energia per crescere i tuoi bambini. Ti faccio i miei più sinceri auguri

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2012

Logo Dott.ssa Roberta Dal Toe' Dott.ssa Roberta Dal Toe'

7 Risposte

3 voti positivi

Salve Maria, certamente una madre lontana le ha dato una bella dose di sofferenza, e, come lei stessa riferisce, tuttora questo avvicinamento non c'è...vorrei dirle altre cose, ma è possibile che l'avvicinamento non arriverà neanche in futuro. E allora cosa può fare? Può decidere: o continuare a star male per qualcosa che non avrà mai, oppure decidere di essere felice a prescindere da questa situazione. Lo so, fa male. Ma si possono trovare altre figure che 'accudiscano' nel momento del bisogno o anche solo per uno sfogo. Che rapporto c'è tra lei e suo marito? Pensa di potersi appoggiare a lui quando ne ha bisogno? Potrebbe anche rivolgersi ad uno psicoterapeuta per sostenerla nel viaggio dentro il suo dolore e per riemergere, finalmente. buona giornata

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2012

Logo Simona Rosati Simona Rosati

39 Risposte

23 voti positivi

Buongiorno,
Le citerò un modo di dire che sicuramente avrà già sentito. Ha già fatto trenta perché non fare trentuno? Se per lei è così importante recuperare il rapporto con la madre non molli ora!
Cordialità
Dott.ssa Elisa Fedriga

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2012

Logo Dott.ssa Fedriga Elisa Dott.ssa Fedriga Elisa

9 Risposte

8 voti positivi

Gentile Maria,
dalle sue parole si percepiscono l'esasperazione, la frustrazione e il dolore di una vita trascorsa lottando; emerge però anche il fatto che lei abbia delle buone risorse su cui contare, che le hanno permesso finora di crearsi una famiglia tutta sua. Sicuramente ci sono momenti in cui ci si sente stanchi e demotivati, in cui l'energia sembra venire meno, come forse quello che sta vivendo lei attualmente. In questi momenti può esserci di aiuto confrontarci con qualcuno che possa offrire un supporto e uno spazio in cui portare le proprie sofferenze senza timore di essere giudicati. Potrebbe rivolgersi ad uno psicologo con cui intraprendere questo percorso, che le potrà servire anche a rafforzare le sue risorse e a metterle in campo nel migliore dei modi. Un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2012

Logo Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani

992 Risposte

449 voti positivi

Cara Maria,
comprendo il suo malessere per questa situazione, ma mi viene da chiederle: come mai per Lei è così importante riconciliarsi con sua madre? e la sua famiglia attuale, suo marito, che ruolo ha in tutto questo?
e i suoi due bimbi? Vuole abbandonarli, così come è stato fatto con lei? Tutto questo che senso ha? I problemi non si risolvono fuggendo, ma affrontandoli.
Ha ragione Lei: le persone non cambiano, ma non dobbiamo neanche pretendere di cambiarle. Semmai possiamo migliorare la relazione che abbiamo con queste persone, modificando, almeno in parte, i nostri atteggiamenti.
Si rivolga a uno psicoterapeuta familiare a lei vicino che la possa aiutare a riflettere sulle sue possibili scelte future.
In bocca al lupo!
Dr.ssa Valentina Segato

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2012

Logo Studio Di Psicologia Dott.ssa Valentina Segato Studio Di Psicologia Dott.ssa Valentina Segato

45 Risposte

26 voti positivi

Gentile Maria,
credo di poter comprendere la rabbia nei confronti di una madre (da come la descrive) apparentemente "incapace" come pure il desiderio che questa possa cambiare. Tuttavia, così come lei stessa ha compreso, per cambiare bisogna volerlo. Invece, chi potrebbe cambiare è lei: potrebbe concedersi uno spazio appropriato dove poter parlare, raccontare e riflettere. Un buon percorso psicoterapeutico le consentirebbe nel tempo di guardare al passato in modo diverso e di riappropriarsi del suo presente come pure del suo futuro.
Un caro saluto
Dr.ssa Alessia Serra

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2012

Logo Dott.ssa Alessia Serra Dott.ssa Alessia Serra

76 Risposte

51 voti positivi

Buongiorno Maria,

la sua richiesta di aiuto è molto esplicita. Lei oltre che essere figlia è anche mamma e potrà comprendere che i genitori non si possono scegliere, purtroppo alle volte. I figli desiderano essere ascoltati come a loro piacerebbe, in base ai loro schemi mentali, alle loro credenze e convinzioni. Ciò si incontra e scontra, mi viene da dire, con altrettanti schemi, credenze e convinzioni dei genitori. Non sempre sin incontrano e non è detto che si possano mai incontrare. Ciò dipende da tantissime variabili legate ai bisogni di ognuno, alle storie passate...Penso che quando si diventi genitore, si possa ridimensionare il ruolo di figlia, che non vuol dire cancellare e ammettere di avere avuto una famiglia eccellente e dei genitori fantastici; bensì ciò che è mancato in passato nella vita, lo si ouò sfruttare come risorsa per dare a chi si ama, nel suo caso i figli e il marito. Farne di una crisi, di un passato doloroso un'opportunità è la migliore strategia per sè stessi, anche se faticosa e dolorosa. Per questo ci sono, gli psicologi e gli psicoterapeuti che potrebbero aiutarla.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2012

Logo Dott.ssa Roberta De Bellis Dott.ssa Roberta De Bellis

227 Risposte

127 voti positivi

Gentile Maria, credo che prima di pensare di mollare ed andare lei abbia il diritto/dovere (poiché ha dei figli) di farsi aiutare da uno psicologo, ne contatti al più presto uno, ed inizi una terapia, di certo saprà sostenerla in quello difficile momento.
Cordiali saluti.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2012

Logo Dott.ssa Angela Virone Dott.ssa Angela Virone

315 Risposte

206 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Ansia da conflitti familiari

4 Risposte, Ultima risposta il 21 Luglio 2015

Come risolvere i conflitti familiari?

10 Risposte, Ultima risposta il 05 Novembre 2013

Conflitti familiari.

4 Risposte, Ultima risposta il 07 Marzo 2017

Conflitto familiare

37 Risposte, Ultima risposta il 15 Gennaio 2014

Conflitto familiare per via di una gravidanza

1 Risposta, Ultima risposta il 26 Gennaio 2018

paura dell'abbandono

5 Risposte, Ultima risposta il 31 Maggio 2017

Come aiutare mia figlia a superare la paura dell'abbandono?

3 Risposte, Ultima risposta il 23 Giugno 2016

la paura dell'abbandono

6 Risposte, Ultima risposta il 05 Febbraio 2018

Paura dell'abbandono e della solitudine

7 Risposte, Ultima risposta il 15 Settembre 2017