Come vivere ed affrontare le mie paure?

Inviata da Ilaria · 19 mag 2014 Fobie

Salve,
mi chiamo Ilaria e sono una ragazza di 18 anni. Ho sempre sofferto d'ansia dalla terza media, quando sono stata operata ai piedi e mi hanno un po' traumatizzata. Subito dopo sono stata seguita da uno psicologo e questo mi è servito molto. Poi ho smesso e stavo bene. Ora invece da 3 mesi il problema si ripresenta in forma peggiore. A luglio le assistenti sociali mi hanno portato via la mia migliore amica e ci sono stata male ma tutto sommato tiravo avanti.
Nel mese di marzo invece sono successe cose che ci sono stata davvero male. In pratica è morta una mia ex compagna di classe perchè avevo una distrofia muscolare e ha avuto una fatale crisi respiratoria. Poi un mio vicino ha scoperto di avere un tumore e infine un altro signore che conoscevo ha avuto un infarto e non ce l ha fatta. sono tutte cose che mi hanno fatto pensare, sono finita anche al pronto soccorso perche avevo formicolii ovunque e mi hanno detto che è solo ansia.
Da allora però ogni minimo male penso sia qualcosa di brutto. In questo periodo ho sempre mal di testa e da qui ho paura che sia tumore, aneurisma ecc.... adesso sto andando a fare sedute in neuropsichiatria infantile ma per ora non mi ha aiutato molto.
Vorrei qualche consiglio su come fare a non pensare di avere qualche malattia.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 20 MAG 2014

Gentile Ilaria,
non è possibile non pensare qualcosa. Dal momento in cui una persona si dice "Non pensare questo", in realtà già lo fa.
Non è con la razionalità che uscirà dal circolo vizioso nel quale è entrata, non è navigando on-line e cercando il nome ed i sintomi delle malattie che smetterà di pensare, anzi...
Spesso le ansie per la salute innescano meccanismi che con il "fai da te" peggiorano.
Forse sarebbe opportuno che si rivolgesse ad un terapeuta di persona,al fine di comprendere e risolvere il problema.
Che ne pensa?

Restiamo in ascolto

Dr Mori, Psicologo Sessuologo Psicoterapeuta Psicologo a Siena

573 Risposte

378 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 MAG 2014

Cara Ilaria
gli eventi che sono accaduti nella tua vita hanno contribuito e sicuramente contribuiscono ad alimentare il tuo tratto ansioso, hai difficoltà ad elaborare serenamente alcuni eventi e per questo hai bisogno di aiuto, non so che tipo di supporto tu stia avendo in neuropsichiatria infantile e sei hai intrapreso una psicoterapia devi avere pazienza e lavorare bene con il terapeuta che ti segue, una buona relazione terapeutica è fondamentale. Comunque sento di rassicurarti, se ti lasci aiutare vedrai che sarai in grado di gestire l'ansia al meglio, questo ti servirà per il resto della vita.
cari salutii Dott.ssa Maria Antonella Schiavone

Dott.ssa Maria Antonella Schiavone Psicologo a Jesi

95 Risposte

64 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 MAG 2014

Cara ilaria
sono qui anche io per darti una mia risposta ed anche voglio un poco esserti vicina in quanto di certo devi aver passato momenti terribili a causa queste situazioni traumatiche che si sono ripetute nel giro di breve tempo una dall'altra.
In primis penso alla perdita della tua compagna di classe che in così giovane età ci ha lasciati e sono cose che lasciano un segno... poi tutti gli altri ...è triste.
Sì, Ilaria esistono la malattia ed esiste la morte e tutti ne prendiamo atto nel corso della vita "scoprendo" in qualche modo queste sofferenze.
Sappi che questo è stato lo stesso Cammino del Budda che, da un ambiente di vita "dorato" e super protetto in cui era vissuto..uscì poi in strada per scoprire la sofferenza, la malattia, la morte; una triade buia e sconfortante.
Tuttavia proprio dal considerare l'esistenza per come realmente E' può scaturire un Grande Equilibrio e una grande Saggezza, però occorre saper dare, imparare a saper dare un senso alla vita con tutti i suoi eventi e occorre pensare che il nostro corpo è comunque forte nonostante "attaccabile". Occorre inquadrare il tutto in un contesto più ampio e tentare di rispondere alle domande "esistenziali" che la vita e la morte ci pongono. Solo così si potrà riuscire ad affrontare con ansia minore e tanta più serenità tutto quanto nella vita può succedere.
Tu sei molto giovane e hai tempo per capire, per studiare, per appassionarti a filosofia e quanto altro e quello che io ti consiglio è di cercare spunti di crescita personale ed un Terapeuta ad orientamento Umanistico ti aiuterebbe molto.
Poi potrebbe insegnarti tecniche ri rilassamento valide quali Training Autogeno di base , che sono anche tecniche di autoscoperta di se stessi.
Ilaria da questo buio momento di vita sappi che può scaturire in te una Grande Forza!
Ti abbraccio e ti faccio mille Auguri di risoluzione dei problemi.
Saluti cari Dott.ssa Silvana Ceccucci in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6954 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 MAG 2014

Sicuramente le risposte date dai colleghi sono esatte. Io aggiungerei anche un lavoro sulla rielaborazione dei traumi subiti...non è infrequente, quando si va incontro a diversi traumi, sperimentare successivamente problemi di tipo ipocondriaco e/o psicosomatico.
Dott. Fabio Boccaletti

Dr. Fabio Boccaletti Psicologo a Mantova

6 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAG 2014

Cara Ilaria,
gli eventi spiacevoli o traumatici possono riacutizzare, cioè portare di nuovo alla luce, delle sensibilità che ci portiamo dietro dal passato, che magari non erano mai sfociate in disagi veri e propri.
I timori di cui scrivi sembrano essere legati alla sfera dell’ipocondria, tuttavia per approfondire meglio la tua ansia, al sua origine e per riuscire a trovare una soluzione per gestirla è necessaria una valutazione di persona con uno psicoterapeuta.
Essendo ormai grande, ti consiglierei di rivolgerti ad un terapeuta che si occupi di età adulta –adolescenziale nel settore privato, o di contattare il consultorio familiare del tuo territorio. Credo che in questo modo tu possa trovare risposte più efficaci alla tua situazione.
Un caro saluto,
dott.ssa Chiara Francesconi

Anonimo-127163 Psicologo a Fano

319 Risposte

251 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAG 2014

Cara Ilaria

Il tuo problema che hai descritto è un disturbo ben noto che si chiama ipocondria. Questo tipo di disturbo crea come effetto l'ansia dovuta ad una certezza di avere una qualche malattia. Attraverso la terapia breve strategica è possibile, seguendo un protocollo di trattamento specifico all'interno del quale vengono fornite delle indicazioni pratiche, uscire da questo tipo di disturbo.
Per ulteriori informazioni rimango a disposizione

Dott. Ioimo

Dott. Giorgio Ioimo Psicologo a Torino

33 Risposte

52 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Fobie

Vedere più psicologi specializzati in Fobie

Altre domande su Fobie

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16600

psicologi

domande 22950

domande

Risposte 84300

Risposte