Come superare una ossessione/delusione

Inviata da Simone · 20 apr 2015 Disturbo ossessivo compulsivo

La mia ossessione, ma non so se si possa definir così, nasce 4 anni or sono, quando una nuova vicina si trasferisce vicino casa mia.
Premetto io sposato con una figlia.
Questa donna, separata e con una figlia adolescente, mi ha da subito attratto parecchio, è sempre stata sorridente, simpatica e di una bellezza per me disarmante.
Comunque ognuno è andato avanti con la sua vita; negli anni però le mie casuali sbirciatine dalla finestra sono diventate un passaggio obbligato davanti alle finestre, quando ad un certo punto, non ce l'ho fatta più.
Ho preso il coraggio a due mani, mi Son creato l'occasione e le ho chiesto il numero di tel.
È iniziata così uno scambio di messaggi, che avveniva sporadicamente nella settimana, tra scherzi, allusione e battutine varie.
Ad un certo punto le ho chiesto di andare a prendere un aperitivo insieme , abbiamo passato un paio di belle ore chiacchierando, ma nel salutarci ci siamo baciati, e mi è sembrato di toccare il cielo.
La settimana successiva, ci siamo sentiti parecchio e abbiamo organizzato un pranzo, così il sabato seguente, siamo stati insieme dalla mattina e tardo pomeriggio.
È stato meraviglioso, sembravamo due fidanzatini, il cuore battere a mille, le farfalle nello stomaco, le mani che si cercano, la voglia di baciarsi e la difficoltà a staccarsi, insomma sensazioni che non sentivo da anni, cose che non dimenticherò facilmente.
A quel punto, io ho rovinato tutto.
Nel giro di una sola settimana l'ho fatta scappare.
Più le mandavo messaggi carini, per dimostrarle quanto la amassi, più si allontanava e più si allontanava, più mi sentivo mancare la terra sotto i piedi e via altri messaggi.
Ed a suon di messaggi ho fatto tutti gli errori possibili per riuscire a far scappare una donna.
Giustamente lei ad un certo punto ha detto basta, e non ho potuto far altro che darle ragione.
Non so cosa fare, il cuore mi dice che dovrei lasciar mia moglie per star con lei, ma il cuore è anche quello che mi ha fatto fare tutti questi casini.
Il problema è che vorrei vorrei aver lei, ma dopo la pessima figura che ho fatto (ritengo di non essere arrivato allo stalking, ma al malato di mente sicuro) lei non vuole più saperne.
Inoltre non è una decisione da prendere alla leggera, per inseguire un sogno, non ho più 18 anni, io e lei siamo molto differenti, ed inoltre con mia moglie sto bene.
Vorrei forse dimenticarla, ma è impossibile è sempre li sotto i miei occhi, e quando non c'è la cerco dalla finestra.
In più mi vergogno come un ladro, per il comportamento che ho avuto, ogni volta che la vedo.
In una settimana sono passato dal paradiso all'inferno...non so cosa fare...come fare...! Aiuto...

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 2 GIU 2015

Forse, in prima battuta, le potrebbe essere utile rileggere come ha esposto i fatti. La narrazione è ricca di particolari che svelano sempre come lei si è sentito, cosa ha provato.
Lei sembra percepirsi come attore e regista di questa relazione che ha immaginato, cercato, creato, fatto sì che accadesse nella realtà e poi, a quanto dice, rovinato.
E' possibile che questa chiave di lettura dei fatti sia legata a ciò che è successo e alla sofferenza che prova ("mi vergogno come un ladro").

Le consiglio di rivolgersi ad uno psicologo. In una relazione con un professionista non verrà mai giudicato, ma aiutato a capire e risolvere la ragione della sua frustrazione e dei pensieri monotematici che ha in questo periodo.
Le ha molte cose da perdere o da recuperare.
Vale la pena capire cosa sta accadendo.
I miei migliori auguri.
Dott.ssa Anna Patrizia Guarino.

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Psicologo a Ardea

197 Risposte

274 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 APR 2015

Gentile Simone,
andrebbero approfondite le motivazioni del suo attuale disagio e comportamento. Prevale un orgoglio ferito o è una vera passione? potrebbero essere formulate altre domande e l'intera situazione può essere vista anche da altri punti di vista.
Uno psicologo, meglio se psicoterapeuta, può aiutarla a chiarire i bisogni e desideri emersi in questa vicenda, anche da parte della donna, a diminuire o togliere l'ossessione e a prendere le decisioni più opportune. Cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

747 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Vedere più psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Altre domande su Disturbo ossessivo compulsivo

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18600

psicologi

domande 29600

domande

Risposte 100800

Risposte