Come superare le indecisioni e imparare a dire no?

Inviata da Gg il 29 dic 2015 Assertività

Salve, ho 32 anni e ho bisogno di un consiglio... Sono una persona abbastanza chiusa e restia ad esprimere i miei stati d'animo, e per me è spesso complicato prendere decisioni (non sulle cose importanti per fortuna!), spesso mi impantano su sciocchezze (accontentare l'amico che vuol fare un qualcosa che a me non va molto, una cortesia richiesta che mi mette in difficoltà,...) ,e questo si è sempre riflesso sui miei rapporti di coppia, complementare alla mia scarsa capacità di dire "no". Le mie piccole indecisioni mi paralizzano, con il timore di scontentare gli altri, e nascono inevitabili discussioni. Che, a loro volta, mi spaventano perché temo sempre che rovinino le cose e che niente sarà più come prima. Entro in questi "cul de sac" e me ne accorgo quasi sempre quando ormai è tardi. Come posso disinnescare questo odioso meccanismo? Ho un rapporto bellissimo con il mio attuale fidanzato,sono molto innamorata, e vorrei fare il possibile per evitare di logorare questa storia... Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno Gg,
questa sua difficoltà a dire no alle perosne anche quando non vuole fare qualcosa la mette nella condizione di sentire le richieste degli altri come un dovere da compiere. Dovrebbe farsi aiutare a sbloccare i meccanismi cognitivi che la portano a comportarsi così nei confronti degli altri. Un terapeuta cognitvo potrebbe fare al caso suo.
Spero di esserle stata di aiuto.
Cordiali saluti

dott.ssa Miolì Chiung
Studio di Psicologia Salem
Milano

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara,
considera che la capacità di prendere decisioni comporta vari momenti: il primo è quello di ponderare attentamente le cose; Il secondo è quello di prendere la decisione, senza rimandarla all'infinito, pur se non al 100 per 100; il terzo è quello di mantenere la decisione presa perché il tiramolla è infruttuoso e ambiguo.
Questa capacità decisionale s'impara e si sviluppa ma presuppone coraggio e una fiducia nella propria capacità di discriminare e di portare avanti il processo.
Decidere aumenta le energie della persona, il non decidere porta dissipazione e inconcludenza, quindi arresta lo sviluppo.
Non dire di no è un modo ambiguo e contorto di tentare di piacere a tutti e farsi accettare.
Del tutto inconcludente in quanto non porta in risalto il carattere vero della persona. In realtà nessuno ama le persone che percepisce senza carattere e con personalità neutra. Nessuno si fida di loro.
Quindi cerchi, quanto prima, di correggere questo difetto di carattere.
Un augurio sincero.
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6695 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Lettrice,
imparare a dire dei No è rispettare se stessi, facendosi rispettare. Al contempo, è importante che i No siano rispettosi dell'altro.

Questo gioco del rispetto, di sè e dell'altro, consente equilibrio, fiducia in se stessi e permette di migliorare le proprie relazioni.

Uno strumento utile sono i training all'assertività. Contatti uno psicologo (della sua zona oppure online, scelga di pancia!) e chieda di lavorare sull'assertività.

Un caro saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2019 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile utente,
il suo è un problema di scarsa assertività e di bassa autostima che ha delle ripercussioni negative anche sul suo rapporto di coppia.
Le suggerisco un percorso di psicoterapia preferibilmente di tipo cognitivo-comportamentale che includa tecniche di training dell'assertività.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6464 Risposte

18112 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Gg,
per disinnescare l'odioso meccanismo, come dice lei, sarebbe opportuno comprendere le dinamiche emotive che ne stanno alla base e che lo sostengono, dal momento che questa sua difficoltà a dire "no" si manifesta anche nelle piccole scelte quotidiane e indubbiamente le crea profondo disagio. Certamente potrebbe esserle di grande utilità rivolgersi ad uno psicologo. Per qualsiasi informazione rimango a sua disposizione.
Cari saluti,

Dott.ssa Valentina Bua
Psicologa
Roma

Dott.ssa Valentina Bua Psicologo a Roma

52 Risposte

19 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Assertività

Vedere più psicologi specializzati in Assertività

Altre domande su Assertività

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15250

psicologi

domande 19650

domande

Risposte 77200

Risposte