Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come superare l'ansia e la paura di stare male?

Inviata da Alessandra · 2 ott 2019

Buonasera. Mi trovo a leggere forum e siti e ho deciso di scrivere qui perché sono ormai due mesi che faccio davvero fatica a vivere. Ho 32 anni e sono prossima alla laurea magistrale. Percorso universitario brillante ma segnato da molti eventi. Nel corso degli anni ho affrontato varie patologie e terapie. A 19 anni ho assunto methotrexate per un'artrite erosiva.... ci ho messo tempo per archiviare la faccenda visto che poi mi hanno diagnosticato una connettivite indifferenziata. A 26 anni ho combattuto contro una algodistrofia alla caviglia che mi ha fatto provare un dolore indescrivibile. Dopo tanta fisioterapia, antidolorifici e bifosfonati si è placata. Nello stesso anno, (5 anni fa) ho cominciato progressivamente a respirare male e a ciò si è aggiunta tachicardia.. dopo due mesi mi hanno ricoverata per una tromboembolia polmonare. Ora sono ancora in terapia con l'anticoagulante ma la tachicardia è rimasta. Di solito compare sotto sforzo e comunque ho sempre gestito la situazione. In questo ultimo anno, ho fatto mille cose tra lavoro, tirocinio e università e in un anno e tre mesi ho concluso gli esami. Il mio problema è nato questa estate in cui per la pressione bassa, la tachicardia è stata spesso presente e in me è andata crescendo la paura di stare male, di morire. Sto ultimando la tesi ma la paura mi fa chiudere sempre di più in un circolo vizioso che mi logora e mi frustra. Non riesco più a prendere l'autostrada (che prendo da anni) senza avere una paura enorme... devo chiamare qualcuno e chiacchierare per superare il tragitto. La cosa sta degenerando e io ho paura che questo periodo (tutti dicono che molto sia dovuto allo stress della tesi) non finisca più. Mi sento inutile e stupida, perché non capisco come una situazione nota ora debba pesare tanto da rendermi così fragile e impaurita. Grazie mille a chi risponderà.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Alessandra,
Mi pare abbia lottato per diverso tempo contro varie malattie, forse sentendosi anche sola in questa battaglia, e questo suo corpo che si è messo a far le bizze le ha impedito, forse, di vivere con spensieratezza gli anni universitari.
Ora si avvicina alla conclusione di un capitolo. Che l'inconscio non stia forse cercando di fare i conti, a modo suo, con questo lutto?
Che la paura non abbia a che fare con la novità che è dietro l'angolo, appena si laureerà?
Forse, non ha più voglia di continuare a lottare da sola e desidera acquisire più forza e più fiducia per godere a pieno della vita che ha davanti?
Coraggio!

Dott.ssa Marta Cricelli Psicologo a Rho

20 Risposte

7 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Alessandra
La paura e l'ansia sono qualcosa di davvero pesante da vivere e da portare con sè per tanto tempo, possono davvero intralciare la vita e far diventare anche le cose belle e facili dolorose e impossibili da affrontare.
Ciò che mi colpisce tuttavia è il fatto che lei abbia vissuto così tante difficoltà fisiche che poi ha brillantemente superato. Significa che in questi anni di cose dolorose ne ha vissute ma che poi è stata anche capace di superare gli ostacoli che le si ponevano di fronte.
Io credo che la stanchezza e la fatica di tutto ciò che ha fatto in questo momento stiano creando un peso imponente su di lei causandole questa situazione di paura e di malessere.
Sarebbe importante lei si prendesse un momento di tempo per sè e tovasse uno spazio in cui portare ciò che vive e lasciarlo andare.
Lei è al punto di concludere il suo percorso e ha diritto di godersi appieno questo momento anche in virtù di tutta la fatica fatta per arrivarci. Deve tuttavia liberarsi del peso accumulato e per farlo è necessario avere un posto in cui ritrovarsi.
La invito quindi a contattare un collega in zona per fare un percorso di lavoro su di sè. Sono certa potrà giovarle
Se desidera approfondire il discorso mi scriva pure
Laura Gaido

Dott.ssa Laura Gaido Psicologo a Grugliasco

65 Risposte

43 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Alessandra, i sintomi che descrive possono essere legati a stimoli che per lei sono diventati angosciosi. Apparentemente le sembra di non trovare significato ma spesso viviamo come minaccioso anche ciò che è noto. Per superare questa difficoltà che la sta appesantendo e preoccupando le consiglio di contattare uno psicoterapeuta in zona con il quale iniziare un percorso di ricostruzione di significati attorno ai temi che la stanno spaventando. Questo le può consentire anche di accogliere le sue parti che sente fragili o deboli.

Dott.ssa Silvia Tessarin Psicologo a Chiari

14 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Alessandra, la prima cosa che noto è che nonostante abbia avuto una carriera universitaria brillante si definisca stupida e inutile. La invito a contemplare la possibilità di intraprendere un percorso individuale con una proposta di riflessione su cosa significhi per lei raggiungere un obiettivo così importante e cosa comporti per lei in riferimento alla sua storia evolutiva e familiare.
Saluti.

Dott.ssa Viviana Cosseddu Psicologo a Benetutti

15 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16100

psicologi

domande 20800

domande

Risposte 80500

Risposte