Come superare l'anorgasmia coitale?

Inviata da Pei · 17 nov 2014 Anorgasmia

Recentemente ho scoperto questo termine che risponde a tutti gli effetti al mio problema.
Sono una ragazza di 21 anni che da quando ha avuto il primo atto sessuale (14 anni) non ha mai raggiunto l'orgasmo durante l'amplesso.
Attualmente sono fidanzata con un ragazzo a cui tengo moltissimo ma questa situazione mi sta creando tante ansie.
Penso che a causare questa situazione siano il mio eccessivo autocontrollo , ansie da prestazione, un passato di abusi e attualmente sono in cura da due anni per disturbi alimentari (bulimia) ma che recentemente ho riscontrato un grande miglioramento.
Anche il mio approccio verso la sfera sessuale è diventata più aperta (in casa è considerato un argomento tabù) ma questo problema persiste.

Le mie domande sono:
Ci sono altri *rimedi* a questo problema oltre alla psicoterapia?(es. Esercizi di stimolazione)
E nel caso della psicoterapia che costi comporterebbe (sono di Torino)?

Grazie per l'attenzione.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 17 NOV 2014

Gentile Sara,
in effetti caratteristiche personologiche incidono non poco sulla capacità orgasmica. Tuttavia se ci sono stati abusi pregressi allora prima di una terapia sessuologica preceduta da valutazione è necessaria una psicoterapia per rielaborare il trauma subito.I tempi ed i costi solitamente sono relazionati ai risultati della valutazione clinica.
dr paolo zucconi sessuologo clinico e psicoterapeuta comportatale a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1570 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 OTT 2015

Buongiorno Pei, rispetto a quello che ha raccontato ed al suo passato, io non vedo alternative ad una psicoterapia. Faccia presente che l'orgasmo non è coitale, ma clitorideo, con o senza amplesso completo. Lei, probabilmente, ha scoperto questo termine (sbagliato in vero) ma che vorrebbe intendere un orgasmo durante l'amplesso. A parte questi piccoli tecnicismi, il suo passato/presente contano, eccome, in quanto il sesso, se a livello funzionale è tutto a posto, è per il 90-95% gestito da aspetti emotivo-cognitivi; per questo le dicevo che una psicoterapia da uno psicologo sessuologo potrebbe aiutarla molto. Rispetto agli esercizi, a quelli ci penserà lo specialista, ma sarà sempre lui a farle sapere o meglio, deciderete insieme, quando è il caso di cominciare con gli esercizi. Prima, credo, che ci sia altro lavoro da fare.
Buona fortuna,
dott. Massimo Bedetti,
Psicologo/Psicoterapeuta Costruttivista Postrazionalista-Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Psicologo a Roma

716 Risposte

1061 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 OTT 2015

Gentile lettrice,
non è chiara se la cura che sta facendo per i disturbi del comportamento alimentare sia di tipo psicoterapico dal momento che chiede sui costi della psicoterapia.
Quanto al sintomo sessuale sarebbe utile sapere se era presente fin dalla sua prima esperienza sentimentale/sessuale oppure è insorto in seguito.
Specie nella prima eventualità, può essere in relazione agli abusi subìti, probabilmente in epoca antecedente, se si è trattato di abusi sessuali.
In ogni caso, se non è già in psicoterapia, questo tipo di trattamento è indicato prima ancora di una consulenza prettamente sessuologica.
I costi sono evidenziabili dal tariffario dell'Ordine degli psicologi ma dovrà concordarli col singolo professionista.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7043 Risposte

20145 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 NOV 2014

Gentile Pei
la sua storia è complessa e c'è bisogno che lei rielabori fatti e situazioni per poter riequilibrare la sfera emotiva disturbata.
Credo che, a livello prettamente fisico, lei si conosca poco e abbia poca confidenza col suo corpo e coi suoi meccanismi ( pur avendo fatto esperienze sessuali precoci).
In generale deve recuperare una fiducia nella possibilità del corpo stesso di provare appagamento e piacere e mettersi nella relazione d'amore con un senso di amorevole abbandono.
E' necessario abbandonare le rigidità e le difese.
Lei ama molto il suo partner e questo può esserle di grande aiuto.
Si faccia aiutare e guidare da un Sessuologo e consideri tempo e denaro per una Psicoterapia come un regalo che lei si farà e che le sarà altamente utile.
Alla sua giovane età nulla è perduto e credo che lei possa intraprendere un percorso molto soddisfacente.
Auguri
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6993 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 NOV 2014

Come suggerito dai colleghi, chiedi il consulto di un sessuologo, attraverso l'anamnesi e la storia sessuale dell'individuo, con prescrizioni mirate, si può ottenere un buon miglioramento della vita sessuale.

Cari saluti

Claudia Popolillo - Studio Logos Psicologo a Lodi

213 Risposte

223 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 NOV 2014

Gentile Sara, dato che stai già facendo una psicoterapia con buoni risultati, ti consiglio di cercare un sessuologo nella tua città, per una corretta diagnosi sessuologica. Le disfunzioni sessuali possono avere buoni risultati con interventi di diversi specialisti. La parte psicologica la stai già riguardando, con il sessuologo ci sono mansioni specifiche che vengono date al singolo, alla coppia, esercizi per rilassare il piano perineale (muscoli della zona genitale), molto utilimse tendi a "controllare" e contrarti.
un saluto
Maria Rita Milesi
Psicologa Psicoterapeuta a Bergamo e a Milano

Dr.ssa Maria Rita Milesi Psicologo a Bergamo

140 Risposte

193 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 NOV 2014

Cara Sara,
hai descritto perfettamente la tua situazione. Non ti so dire se si tratti di anorgasmia coitale, non sono un'amante delle diagnosi fai da te. Ma, molto probabilmente, questa tua difficoltà potrebbe derivare da quello che ci hai raccontato sia della tua persona che del tuo passato, sopratutto per quanto riguarda gli abusi.
Credo che in realtà avresti bisogno di focalizzarti proprio su questo tema, che forse potrebbe anche aver portato al tuo disturbo alimentare.
Ti consiglio vivamente di rivolgerti ad uno specialista della tua città prima di pensare ad altri rimedi.
Per quanto riguarda i costi, questi sono diversi a seconda del professionista che sceglierai. Già guardando su questo sito potresti farti delle idee circa il tariffario di ognuno di noi.
Resto comunque a disposizione e ti auguro una buona giornata,


Dott.ssa Valentina Mossa in Torino

Dott.ssa Valentina Mossa Psicologo a Torino

159 Risposte

255 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Anorgasmia

Vedere più psicologi specializzati in Anorgasmia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16800

psicologi

domande 23700

domande

Risposte 85650

Risposte