Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come si trova una via d'uscita?

Inviata da Stella il 10 apr 2018 Ansia

Salve. Sono qui perché non so dove sto andando. Soffro di autolesionismo da 3 anni, da piccola ho sofferto di un disturbo dell'ansia a causa di un trauma e attendo da sempre il giorno in cui inizierò davvero a vivere.
Più passa il tempo, più peggioro. In questo periodo ho sempre l'ansia e non riesco a studiare, non riesco a concentrarmi, cambio sempre umore e trovo scuse per non andare a scuola, non solo per i compiti non fatti ma perché mi provoca ancora più ansia. Voglio vivere ma allo stesso tempo non voglio, non riesco proprio a capire cosa ho di sbagliato in questa testa dalla nascita. Purtroppo non è l'adolescenza, è la mia vita. Sono 16 anni che nemmeno guardando nel periodo più profondo ed innocente e spensierato della mia vita, riesco a trovarci un minimo di spensieratezza.
Mi sono allontanata dalle mie amiche perché le odio, odio che abbiano avuto la fortuna di essere così serene e io no. In classe non parlo più con nessuno perché odio anche loro e odio i professori che invece di interessarsi al mio umore, mi dicono che così non vado bene. Provo una rabbia immensa.
Ho l'ansia perché l'anno scorso mi sono sentita presa in giro da un ragazzo di cui ero emotivamente ossessionata e dai suoi amici, sono stata stupida e nonostante abbia passato un anno ad ignorare la mia tristezza, ogni volta che lo vedo mi sento la persona più schifosa sulla terra e mi sale l'ansia.
Sono consapevole di aver bisogno di aiuto, io voglio prendere in mano la mia vita, ma non so come fare né come parlarne. Non posso andare da mia madre e dirle questo, ho sempre finto di stare bene e sarebbe un trauma per lei. Vorrei scriverle una lettera, ma non so dove e quando fargliela leggere, ma soprattutto cosa scrivere. So solo che mi odio profondamente ma amo troppo il mare, il cielo, la terra, per smettere improvvisamente di ammirarli. Voglio essere aiutata e sono stanca di fingere che vada tutto bene. Esiste una via d'uscita?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Stella,
mi dispiace molto per tutto questo dolore e sofferenza che lei vive da tempo. Queste emozioni necessitano di essere ascoltate e comprese per evitare che la propria rabbia la riversi su se stessa.
Compia un atto di coraggio, ne parli con i genitori chiedendo un aiuto specifico, è la soluzione migliore, mi creda. Sapranno ascoltarla e capiranno la situazione.
Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento
Cari saluti
Dott.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2442 Risposte

2061 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Certamente esiste una via di uscita e consiste nel comprendere le ragioni profonde del Tuo stato emotivo. Le cose che racconto non sono vere, nel senso che sono sintomi che hanno le loro causali inconsce, che sfuggono perciò alla coscenza.
L'aiuto di un bravo terapeuta Ti permetterà di conoscerle e quando le avrai conosciute non avranno più il potere di farTi soffrire. E sarai libera e potrai vivere felicemente.
Io resto a Tua disposizione e Ti saluto con viva cordialità.
Dr. Marco Tartari, Roatto Asti

Dott. Marco Tartari Psicologo a Roatto

701 Risposte

402 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Stella, ti trovi bloccata in una situazione che ti sembra senza uscita: vuoi un aiuto ma senti che non puoi e non sai come chiederlo, odi tutto e tutti ma in qualche modo sei legata alla vita, non ti sopporti e ti fai del male ma provi a cercare delle soluzioni per riprenderti in mano la tua vita....arriva molto forte la tua sofferenza, la ferita che ti porti dentro da sempre e che probabilmente hai percepito come non vista e non compresa da chi ti sta vicino, al punto da dover fingere e fare fatica a metterti a nudo nelle tue fragilitâ. Il mio invito ě, invece, proprio quello di darti fiducia: hai tutte le carte in regola per iniziare a vivere davvero, e puoi farcela ad esprimere il tuo disagio alla tua famiglia. Spesso pensiamo che se diciamo che stiamo male ammettiamo che siamo fragili e che abbiamo fallito: al contrario, ammettere le proprie difficoltâ puó essere un primo passo per iniziare a migliorarsi, avvicinare le proprie paure le rende meno grandi di quello che sono...sei minorenne e per avere un sostegno psicologico ė necessario avere il consenso dei tuoi genitori. Parli di traumi passati, di sentimenti che fai fatica a gestire, di difficoltâ relazionali: lavorare su queste cose all'interno di una relazione psicoterapeutica protetta puó essere davvero un primo passo per prenderti cura di te stessa. Non chiuderti, datti davvero una possibilitá. Un in bocca al lupo di cuore, dott.ssa Daniela Cannistrâ.

Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Seregno

580 Risposte

225 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Stella, arriva forte e chiara la sofferenza che provi da tanto....ě evidente la ferita che ti porti dietro, e che percepisci come non vista da chi ti sta accanto. Arriva anche la voglia di prenderti cura di te e fare qualcosa: non aver paura di chiedere aiuto, ammettere le proprie difficoltâ significa essere forti. La psicoterapia ė una strada utile per prenderti cura di te, devi solo darti fiducia e non chiuderti in te stessa, ma parlare con i tuoi genitori. Hai tutte le carte in regola per riprenderti in mano la tua vita! Un augurio di cuore, dott.ssa Daniela Cannistrâ.

Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Seregno

580 Risposte

225 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Stella,
Potresti dire a tua mamma che vorresti essere aiutata per difficoltà relazionali ( scuola e amicizie) e poi spiegarle come ti senti con l'aiuto di una psicoterapeuta. Potresti rivolgerti ai servizi territoriali della tua zona o privatamente. Se senti il bisogno di essere aiutata assecondalo, non chiuderti in te stessa. Se hai bisogno scrivimi pure.
Buona giornata.
Dott.ssa Verena Elisa Gomiero

Dott.ssa Gomiero Verena Elisa Psicologo a Padova

85 Risposte

17 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15500

psicologi

domande 20100

domande

Risposte 77950

Risposte