Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come si impara ad amarsi?

Inviata da BTris il 17 apr 2018 Terapia di coppia

Buongiorno, mi trovo in una situazione di stallo da qualche mese e non so come uscirne. Ho 25 anni e ho avuto una relazione per 9 anni (dai 14 ai 23). Ero molto innamorata di lui, ma il rapporto si è lentamente trasformato in un grande affetto, più materno che romantico. Per una serie di ragioni, mi ero sempre calata nei panni della sua salvatrice e un anno e mezzo fa ho deciso di lasciarlo per provare a vivere la mia vita, senza dovermi costantemente preoccupare anche per lui. Questa scelta è stata da un lato molto liberatoria per me, ma dall'altro mi è mancata la stabilità che avevo sempre trovato in lui. Inoltre, la spinta per compiere questa scelta è giunta dall'incontro con un altro uomo, che rappresentava tutto quello che il mio ex non era. Era maturo, intraprendente e si prendeva cura di me. Insomma, nel giro di poche settimane mi sono invaghita perdutamente, salvo poi scoprire che era fidanzato da anni con un'altra ragazza. La delusione è stata cocente, ma non è bastata ad allontanarmi. Mi dicevo che prima o poi l'avrebbe lasciata e che avrebbe capito il nostro grande amore. Ovviamente non è successo e io ho trascinato questo rapporto tra addii e riappacificazioni per più di un anno. Infine, a dicembre scorso ho avuto il coraggio di troncare riversandogli addosso tutto il mio risentimento. Non di meno, lui è stata la mia ancora dopo la fine del mio lungo fidanzamento e mi ritrovo spesso a pensare di rivolgermi a lui in caso di bisogno, nonostante mi abbia sempre fatto più male che bene. Tutta questa premessa per spiegare come nell'ultimo anno e mezzo io sia scesa in una lunga spirale che mi porta a pensare di valere qualcosa solo se inserita in un contesto a due. Ho preferito una relazione tossica e alcuni altri brevi rapporti palesemente senza valore alla solitudine. Nei periodi in cui non esco con nessuno o non conosco nessuno che trovo un minimo interessante tendo a mancare di stimoli e di voglia di fare. Come se il mio valore si misurasse solo e soltanto in relazione agli altri. In tutto ciò, sono razionalmente consapevole dei miei pregi e dei miei difetti, eppure ho bisogno di specchiarmi negli occhi altrui per volermi bene. Infine quindi vi chiedo: come si impara ad amare se stessi? Come ci si attribuisce un valore senza aspettare che sia un uomo a darcelo? Come si impara a desiderare una relazione perché ci migliori la vita e non perché la renda degna? Sono stanca di rendermi lucidamente conto di quanto io attenda costantemente gesti d'affetto da altri, delle ore in cui aspetto un messaggio da persone che non mi interessano nemmeno troppo, solo per poter pensare "mi cerca, allora valgo". Sono stufa di sentirmi così e vorrei davvero ricominciare a respirare aria fresca. Voglio vedermi e amarmi come so di meritare, anche seguendo un percorso terapeutico qualora necessario. A chiunque abbia letto ed eventualmente risposto mando un sentito ringraziamento e auguro una serena giornata. B.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Hai preso una consapevolezza, hai bisogno di specchiarsi nell'altro per sentirti. Ti manca un tassello per poterti amare, capire quale meccanismo inconscio metti in atto che ti spinge a sentirti e vederti sono in coppia e questo puoi farlo solo con un percorso psicoterapico. Bastare a se stessi e amarsi, infatti é la base per costruire relazioni sane. Buona giornata

Dottoressa Rosa Ranieri Psicologo a Bari

68 Risposte

23 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19250 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19250

domande

Risposte 78200

Risposte