Come si guarisce dal binge eating disorder?

Inviata da Anonimo · 4 dic 2014 Bulimia

Buongiorno,
credo di soffrire di binge eating disorder da alcune settimane. Non riesco a metabolizzare la fine di un importante rapporto sentimentale e temo che questa sia la reazione distorta che sta avendo il mio corpo. Tutto questo mi sta provocando forte preoccupazione e tensione, ho paura di ammalarmi sul serio, anche fisicamente. Non mi sono mai rivolta ad uno psicologo/psicanalista, ma credo fermamente negli effetti benefici che questo tipo di supporto potrebbe darmi.
Qualcuno può aiutarmi?

Grazie,
Irene

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 5 DIC 2014

Gentile signora ,
la guarigione è possibile, particolarmente se giovane e con disturbo (da diagnosticare di persona) ad esordio recente. A distanza non è possibile né fare diagnosi e neppure fare una specifica terapia personalizzata al suo specifico caso. Psicoterapeuti competenti si trovano e possono aiutarla prima a capire poi intervenendo specificatamente prima possibile.
paolo zucconi sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale in friuli venezia giulia

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 DIC 2014

Gentile
la reazione del suo corpo relativa all'assunzione disordinata di cibo è la
risposta
al senso di vuoto causato dalla recente fine del rapporto sentimentale di
cui lei ci parla!.
Credo dunque sia importante per lei "elaborare" la fine della relazione e
comprenderne tutti gli aspetti in modo che la cosa venga, adeguatamente,
rielaborata.
Tutte le esperienze che si fanno divengono, una volta comprese e una volta
"assorbito" il dolore, un utile "nutrimento per l'Anima" (come lo chiama
Thomas Moore celebre Psicoanalista della corrente Junghiana), e, pertanto il
suo attuale disturbo alimentare (presente su base reattiva) troverà
soluzione.
Per questo lavoro occorrerà l'aiuto di uno Psicoterapeuta al quale le
consiglio di rivolgersi con molta fiducia e con molta apertura.
Un caro saluto
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7009 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 DIC 2014

Buon giorno,
le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapeuta ad indirizzo cognitivo-comportamentale. All'interno di una relazione terapeutica potrete dare un significato al suo comportamento disfunzionale, comprendere quali fattori non le permettono il cambiamento e modificarli in modo tale da avere una maggiore libertà ed auto-consapevolezza. Le consiglio l'indirizzo cognitivo-comportamentale perchè ha dato le migliori prove di efficacia in questo ambito.

Un caro saluto,
Dott.ssa Monica Palla
Pisa

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 DIC 2014

Gentile signora ,
si può guarire ma non sempre. Dipende dai risultati della valutazione clinica che viene fatta su lei e sul problema lamentato. Infine la diagnosi va accertata da competente psicologo clinico.
dr paolo zucconi sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

9 DIC 2014

Gentile
la reazione del suo corpo relativa all'assunzione disordinata di cibo è la
risposta
al senso di vuoto causato dalla recente fine del rapporto sentimentale di
cui lei ci parla!.
Credo dunque sia importante per lei "elaborare" la fine della relazione e
comprenderne tutti gli aspetti in modo che la cosa venga, adeguatamente,
rielaborata.
Tutte le esperienze che si fanno divengono, una volta comprese e una volta
"assorbito" il dolore, un utile "nutrimento per l'Anima" (come lo chiama
Thomas Moore celebre Psicoanalista della corrente Junghiana), e, pertanto il
suo attuale disturbo alimentare (presente su base reattiva) troverà
soluzione.
Per questo lavoro occorrerà l'aiuto di uno Psicoterapeuta al quale le
consiglio di rivolgersi con molta fiducia e con molta apertura.
Un caro saluto
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 DIC 2014

Cara
non so se nel suo caso si potrebbe parlare di un disturbo alimentare,sono molte le domande che sarebbe necessario fare ma se c'è comunque un cambiamento dei suoi comportamenti alimentari dopo la fine di un rapporto,é bene rivolgersi ad uno specialista. É stata bravissima a rendersene conto così presto,spesso passa del tempo prima che si prenda coscienza di aver cambiato atteggiamento con il cibo. Una terapia può aiutarla ad affrontare la fine della sua storia e il suo atteggiamento nei confronti del cibo.
Un caro saluto
Dott.ssa Daniela Ciccarelli

Dott.ssa Daniela Ciccarelli Psicologo a Pozzuoli

11 Risposte

7 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 DIC 2014

Cara parlare di disordine o disturbo alimentare solo dopo due settimane credo che sia eccessivo....probabilmente la fine di un rapporto ti ha creato un forte disagio , un vuoto ed uno stato d'angoscia che la tua mente ha tradotto e trasportato nel corporeo. Al di là del fisico ci sono i sentimenti, gli affetti e le emozioni. Dovrai impararle a conoscere, a dargli un nome e ad attraversarli.. solo così slegherai tutti i tuoi nodi e ti sentirai libera di amarti ed amare. Un caldo ed affettuoso abbraccio. Dott.ssa Pagliuca Mariarita

Dott.ssa Pagliuca Mariarita PSICOLOGA / PSICOTERAPEUTA Psicologo a Pescara

2 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 DIC 2014

Cara,
prima di procedere con auto-diagnosi soffermiamoci sul fatto che stai vivendo un momento doloroso e che stai riversando il tuo malessere in un rapporto disordinato e malsano con il cibo. Questo fatto sicuramente merita di essere affrontato e come scrivi nella tua mail sembri intenzionata a cercare l'aiuto di un professionista. Io mi occupo di problemi legati all'alimentazione a roma. Non so da quale città tu stia scrivendo ma per qualunque cosa contattami pure. un saluto e resto in ascolto.
D.ssa Ilaria Beltrami, Psicologa Clinica - Roma

Dr.ssa Ilaria Beltrami Psicologo a Roma

76 Risposte

118 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 DIC 2014

Salve,
se ha notato una modificazione nel suo rapporto con il cibo, o la comparsa di qualsiasi altro sintomo/comportamento che le crea disagio e sofferenza soltanto nelle ultime settimane potrebbe essere prematuro formulare una diagnosi chiara e definita. Tuttavia ciò non implica che lei senta di aver bisogno di elaborare quanto successo di recente nella sua vita, in modo da poterlo accettare e superare in maniera sana ed equilibrata. Credo che qui, in questo portale, possa trovare un terapeuta del suo territorio che possa aiutarla in questo processo di scoperta interiore. Provi a ricercare quello che le ispira più fiducia. Per la risoluzione di un problema alimentare le consiglierei un orientamento cognitivo comportamentale, ma penso che l’essenziale sia trovare un terapeuta con cui si trovi a suo agio.
A disposizione per ulteriori informazioni
Un caro saluto,
Dott.ssa Chiara Francesconi

Anonimo-127163 Psicologo a Fano

319 Risposte

256 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 DIC 2014

Cara,
non sono un'amante della autodiagnosi ma, per arrivare ad avere questa opinione di quello che ti sta accadendo, ci sono sicuramente dei sintomi e dei comportamenti che non bisogna trascurare.
Sarebbe importante dirci quanti anni hai, perchè è finita questa relazione, da quanto tempo andava avanti: insomma, un po' più di informazioni su di te.
Nonostante ciò credo che, qualunque sia il problema alimentare che ti sta affliggendo- seppur da poco tempo- sia necessario una valutazione da parte di uno specialista della tua città che saprà aiutarti e sostenerti in questo periodo.
Mi permetto solo di rassicurarti: dai problemi del comportamento alimentare si può guarire!
Spero tu possa presto trovare l'aiuto di cui hai bisogno.
Un caro saluto,

Dott.ssa Valentina Mossa in Torino

Dott.ssa Valentina Mossa Psicologo a Torino

159 Risposte

255 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Bulimia

Vedere più psicologi specializzati in Bulimia

Altre domande su Bulimia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17000

psicologi

domande 24100

domande

Risposte 86750

Risposte