Come si esce da una depressione senza fine?

Inviata da Simona Sassi · 3 ott 2016 Terapia di coppia

Io e Ahmed ci siamo conosciuti nel 2009, io uscivo da una storia di dieci anni e lui era tutto quello che mi faceva stare bene, un ragazzo pacifico, sempre calmo e sorridente, capace di farti dimenticare qualsiasi problema. Dopo un anno i nostri caratteri agli antipodi hanno prodotto i primi contrasti....ma la decisione di andare avanti insieme è stata presa dopo la notizia di una bimba in arrivo. In quei nove mesi mi sono davvero innamorata di lui, lo immaginavo padre della mia bambina e mi accorgevo di quanto bello fosse tutto tra di noi...eravamo invincibili....ma una sera il mio pancione di 40 settimane non si muoveva più...e quella perdita mi ha distrutto.
Sono passati 5 anni ormai....e abbiamo due bimbi bellissimi di 4 e 1 anno....ma le cose sono diventate un inferno.
Premetto che le nostre vite lavorative ed economiche sono devastanti...io ho un carattere terribile e sono una despota...lui vegeta in uno stato depressivo assurdo. Non so più cosa fare...dice che io sono la causa di tutto il suo male (chissà se include la morte della nostra bambina) che mi odia e non si fida di me...sono terrorizzata dall'idea di stare da sola, sola senza di lui...ma le sue continue umilianti parole mi stanno ormai facendo anche dubitare dei sentimenti che provo.
Sono arrabbiata perché oltre a quello che abbiamo passato la vita ci regala anche questo..la fine di un amore, di una famiglia? Vorrei che facessimo qualcosa insieme ma non so trovare la strada per farlo, né tanto meno riesco più a comunicargli nulla, nemmeno cosa vuole per cena...tempo fa gli ho proposto una terapia di coppia e ha detto che lui ha già deciso di non stare più insieme.
Aiuto...sono sommersa dai sensi di colpa ed estremamente arrabbiata e confusa.
Simona

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 OTT 2016

Gentile Simona,
si rechi lei da sola da una psicologa psicoterapeuta perchè tale professionista dovrebbe riuscire a migliorare la comunicazione con il suo compagno, anche in sua assenza, parlando soltanto con lei.
Migliorando la comunicazione inevitabilmente si migliora anche la relazione.
L'appproccio della terapia della Gestalt può essere molto efficace e velocissimo.
Se vuole approfondire, occorre un rapporto professionale.
Cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

751 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 OTT 2016

Buongiorno Simona,
non è possibile costringere qualcuno a fare qualcosa che non vuole, quindi se Ahmed non vuole intraprendere una terapia di coppia non può fare molto da questo punto di vista. Così come non può costringerlo a restare con lei nel caso in cui dovesse veramente prendere questa decisione in modo definitivo.
Quello che può fare è intraprendere un percorso individuale visto che è un po' confusa sui suoi sentimenti e che sta affrontando da sola una situazione oggettivamente difficile e stressante. Inoltre, è possibile che attraverso una consulenza individuale riesca a individuare delle modalità diverse di rapportarsi e di comunicare con Ahmed che potrebbero migliorare anche il rapporto di coppia e, forse, sollevarlo almeno un po' dal suo stato depressivo.
Buona fortuna

Dott.ssa Erica Tinelli Psicologo a Orte

234 Risposte

314 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 OTT 2016

Cara Simona,
comprendo la sua confusione e la paura che questa relazione finisca.
Premetto che una terapia di coppia non é volta a far sí che due persone stiano insieme ma piuttosto a lavorare sulle reciproche difficoltà. La decisione di rimanere insieme o meno é una scelta di coppia e come tale viene affrontata in terapia ma la decisione non puó che rimanere assolutamente personale. Forse questo puó rassicurare il suo compagno rispetto all' intraprendere una terapia che via aiuti a sviscerare le difficoltà e comprendervi meglio e non che vi obblighi necessariamente a stare insieme.
Tuttavia mi chiedo anche: cosa vi sta tenendo uniti ora? Perché non vi siete ancora separati se questo é l'intento del suo compagno? Come avete gestito la perdita della vostra bambina? Come vivete la vostra vita familiare? In cosa consiste la depressione del suo compagno? Che peso ha in questa famiglia?
Ecco, tutto questo potrebbe essere materiale di lavoro utile.
Rimango a disposizione.
Cordialmente

Annalisa Anni
Psicologa Psicoterapeuta Padova

Alternativamente-Centro di psicologia di Annalisa Anni Psicologo a Padova

505 Risposte

931 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30100 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18850

psicologi

domande 30100

domande

Risposte 102550

Risposte