Come si cura il vaginismo legato a blocchi psicologici?

Inviata da Sia Luna · 30 mar 2020 Vaginismo

Salve a tutti/e, sono una ragazza di 18 anni con non pochi problemi legati alla sessualità.
Ammetto di aver avuto poche e dolorose esperienze che hanno provocato in me il timore e il dolore per e durante l'intimità.
L'esperienza più significativa risale a circa un anno fa dalla situazione traumatica con il mio ex ragazzo il quale mi maltrattava sia psicologicamente che verbalmente, arrivando addirittura ad avere atteggiamenti aggressivi e manipolatori, specialmente nei momenti in cui rifiutavo di accettare le sue condizioni.
Una volta in particolare, mi aveva obbligato a vivere l'intimità con lui contro la mia volontà.
Oltre questo, voglio chiarire anche un dettaglio che potrebbe essere altrettanto significativo, ossia il fatto di essere cresciuta in una famiglia esageratamente all'antica e di sani principi, secondo i quali vivere l'intimità è sbagliato se la vivi per puro piacere e se non è fine a sé stessa. Inoltre per i miei genitori, il male maggiore che potrei arrecare loro è di rimanere incinta. Una volta affrontando questo discorso con mia madre, mi ha detto che in un caso del genere terrebbe il bambino, assicurandomi che se succedesse una cosa simile sarei la sua più grande delusione e che probabilmente non mi guarderebbe più con gli stessi occhi di prima.
Quando penso di vivere l'intimità penso spesso anche alla possibilità di rimanere incinta e mi vengono i brividi, pur usando delle precauzioni.
Se c'è qualcosa che deve accadere, accade e basta. In poche parole, le mie esperienze negative e il timore di essere giudicata dalla mia famiglia per aver bruciato le tappe così precocemente, mi hanno portato ad avere un blocco psicologico molto forte nei confronti dell'intimità.
Molte volte ho avuto l'opportunità di conoscere ragazzi davvero speciali, ma per me sono importanti sia l'aspetto mentale che quello fisico, quindi ho paura che questa mia impossibilità di vivere a pieno la sessualità mi porti conseguenze negative con un mio eventuale partner.
Leggendo su internet vari pareri, credo che con molta probabilità io soffri di una grave forma di vaginismo.
Quello che più mi fa stare male è il fatto di non poterne parlare con nessuno, quantomeno con la mia famiglia (molto severa e tradizionalista).
Le amiche, invece, non capiscono la situazione e chiaramente la sottovalutano.
Io però ho tanta voglia di innamorarmi e vivere serenamente la sessualità con il mio partner.
Vi prego di aiutarmi, magari con un vostro consiglio da esperto che mi sollevi il morale perché è davvero molto difficile per me vivere costantemente con dubbi, timori e ansie senza poterli esternare.
Grazie in anticipo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 31 MAR 2020

Cara Luna,
leggere di esperienza così negative alla tua età, mi rattrista. In un mondo ideale nessuno dovrebbe essere costretto tanto nei sentimenti quanto nel corpo. A nessuna età. Eppure succede ed è un esperienza dolorosissima.
Il primo impulso è proprio quello di cercare informazioni su internet che di informazioni ne ha tante e, a volte, attendibili. Non è però possibile fare una diagnosi ed arrivare a chiarire la presenza di problematiche come il vaginismo in questa modalità. E' necessario invece, da un lato fare una visita ginecologica, e dall'altro rivolgersi ad uno psicologo che possa affiancarti nel comprendere cosa ti sta succedendo. Comprendere il perché e risolvere certe problematiche è un percorso.
E in questo percorso potresti anche scoprire di non avere questa problematica...alla tua età hai tutto il diritto di voler vivere serenamente l'amore. E se per far questo e superare le cicatrici delle esperienze negative del passato sceglierai di incontrare uno psicologo, io sarei lieta di ascoltarti.

Un saluto
dott.ssa Adriana Rosa

Dott.ssa Adriana Rosa Psicologo a Vicenza

4 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 MAR 2020

Buongiorno Luna, trovo che Lei abbia una straordinaria consapevolezza rispetto ai possibili motivi che potrebbero influenzare negativamente il Suo rapporto con la sessualità. Le auguro di continuare a "prendersi cura" di questi possibili motivi, così come a distinguere i Suoi bisogni da quelli dell'Altro (ex fidanzato o famiglia di origine, per esempio). Le auguro di continuare a conoscersi e imparare ad amarsi, di modo da poter conoscere e amare l'altro, anche da un punto di vista sessuale.

Dott.ssa Martina Bianchi Psicologo a Milano

29 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Vaginismo

Vedere più psicologi specializzati in Vaginismo

Altre domande su Vaginismo

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16550

psicologi

domande 22900

domande

Risposte 84200

Risposte