Come rivelare una verità senza avere paura della sua reazione?

Inviata da 1991.ail · 20 lug 2022 Autorealizzazione e orientamento personale

Buonasera a tutti, ho 30 anni e sono sposata da 4 anni. Purtroppo ho commesso un errore dove lavoro, parlando con la mia titolare ha deciso che non mi vuole licenziare ma darmi una possibilità. Così abbiamo l'esperienza un accordo le ho dato le dimissioni e lei tra un paio di settimane mi riassume con contratto a tempo determinato, prima ero a indeterminato. Non l'ho ancora detto a mio marito ho pura della sua reazione, ho paura che si arrabbi e che mi lasci. Come faccio a parlarne con lui?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 22 LUG 2022

Buonasera 1991.ail,
pensi che tuo marito si arrabbi perchè hai dato le dimissioni? Non sei poi così sicura che la tua titolare ti voglia veramente assumere a tempo determinato? E credi che lui intuisca che c'è qualcosa di poco chiaro in ciò che è accaduto?
Ce l'hai anche tu questo dubbio ed è proprio questo che ti fa prefigurare una reazione avversa da parte di tuo marito.
Capita a tutti di sbagliare e gli errori che ci mettono più in imbarazzo sono quelli in cui, l'ingenuità e il senso di colpa offuscano il nostro giudizio.
Secondo me potresti cominciare col dire questo a tuo marito, forse si arrabbierà un po' meno.
Occorre restare sempre vigili nei rapporti di lavoro, purtroppo non tutti sono corretti nella difesa del loro tornaconto. E quando una proprosta sembra un po' insolita o poco chiara è bene chiedere tempo per rifletterci (e per parlarne con chi vive vicino a noi ).
Mi auguro di sbagliare in ciò che mi è sembrato di leggere fra le righe, me se così non fosse allora ti invito a non esagerare con i sensi di colpa. Diventiamo adulti migliori anche perchè impariamo dai nostri errori.
Non credo che tuo marito ti lascerà per questo, specialmente se vedrà che sei veramente consapevole di quello che è accaduto (anche se la consapevolezza fa proprio male qualche volta).
Se ti serve un sostegno psicologico non esitare a chiamare.
dott.ssa Rinalda Sabbadini

Dott.ssa Rinalda Sabbadini Psicologo a Arese

44 Risposte

36 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 LUG 2022

Cara,

sarebbe importante approfondire come mai teme che la reazione di suo marito sia così estrema, al punto da lasciarla per un errore nel suo posto di lavoro? Pare quasi che sia suo marito il vero datore di lavoro che potrebbe licenziarla da un momento all'altro. A questo proposito, sarebbe importante che lei abbia modo di approfondire il suo rapporto con lui in un percorso psicologico, in modo da fare chiarezza a se stessa sulla reale percezione di sicurezza e appartenenza nel matrimonio.
A questo proposito, sono a sua completa disposizione, anche online.

Dott.ssa Francesca Orefice.

Dott.ssa Francesca Orefice Psicologo a Bologna

786 Risposte

276 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 LUG 2022

Buon pomeriggio,
Sorge spontaneo chiederle perché teme una simile reazione da parte di suo marito. Commettere errori è normale ed all’interno di una coppia funzionale, bisognerebbe trovare nel partner un appoggio ed un sostegno su cui poter contare nei momenti di difficoltà, potrebbe essere d’aiuto approfondire questo timore, che mi pare la angosci più del fatto stesso di aver commesso un errore a lavoro.
Resto a disposizione, buona serata!

Gabriele Altimani Psicologo a Sassuolo

15 Risposte

9 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 LUG 2022

Salve,
partendo dal presupposto che lei è una persona adulta e che può prendere le decisioni che reputa più consone per sé, mi chiedo, le chiedo, come mai teme di raccontare questo evento al suo compagno? Perché mai lui dovrebbe arrabbiarsi? E perché mai dovrebbe lasciarla per questo?
I motivi per far arrabbiare l'altro sono ben altri, ma se questa è la sua paura evidentemente c'è qualcosa che glielo fa pensare e che meriterebbe di essere approfondito perché da come scrive lei non si sente libera di fare ciò crede sia meglio per sé.
Non dovremmo aver paura della reazione di un altro rispetto a una nostra decisione su noi stessi, soprattutto se questo Altro è il nostro compagno, persona che ci sta vicino anche nelle situazioni più difficili e che ci riconosce come persona in grado di fare delle scelte.
Se queste sue paure la mettono in difficoltà nel parlarne con il suo partner la invito a farlo con l'aiuto di un professionista.
Spero di esserle stata in qualche modo utile e se vuole parlarne io sono qui, disponibile anche online.
Un caro saluto,
Dott.ssa Martina Pallottini

Dott.ssa Martina Pallottini Psicologo a Fermo

159 Risposte

59 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 LUG 2022

Buongiorno,
resto disponibile se vorrai crearti uno spazio tuo personale di ascolto e supporto per gestire e contenere l'emozione negativa e i pensieri che ti impediscono di parlarne con tuo marito.
Cordialmente.

Dott.ssa Margherita Romeo

Dott.ssa Margherita Romeo Psicologo a Roma

1788 Risposte

549 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 LUG 2022

Gentile utente, mi chiedo come mai invece di pensare che suo marito le starà accanto e la sosterrà teme chea lasci. In una coppia funzionale le difficoltà si affrontano insieme, se l'altro viene visto non come un alleato ma come una minaccia c'è bisogno di capire come mai. Non esistono parole o modi di comunicare che garantiscono la reazione dell'altro che noi vorremmo, molto dipende da quanto è solida la relazione. Se è solida può scegliere le parole che preferisce.

Un caro saluto, Luisa Fossati

Dott.ssa Luisa Fossati Psicologo a Firenze

509 Risposte

532 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamento personale

Vedere più psicologi specializzati in Autorealizzazione e orientamento personale

Altre domande su Autorealizzazione e orientamento personale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 35600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 20900

psicologi

domande 35600

domande

Risposte 121000

Risposte