Come rivelare il vero sé senza paure?

Inviata da Melissa (Mell). 7 nov 2018 3 Risposte  · Crisi adolescenziali

Salve mi chiamo Melissa e ho 20 anni. Qualche giorno fa, parlando insieme ad un mio amico mi ha detto che sono una persona estremamente chiusa, che si nasconde e con questo concordo.
Non riesco ad aprirmi e quando parlo con le persone mi ritrovo impacciata.
Però poi quando sto bene parlo, gesticolo (almeno così dice lui, che quando sono entusiasta si vede bene) anche se spesso faccio fatica anche con lui per il fatto che siamo entrambe persone introverse.
E insomma.. mi sono resa conto che io sto male perché non riesco ad essere me stessa con le persone, anche se mi piace molto il mio modo di esprimermi ma non riesco con quasi nessuno.
Per dire.. io amo ballare e cantare (ovviamente non sempre), cerco di avere enfasi quando parlo e altro ma purtroppo non riesco, è come se avessi delle pareti protettive intorno a me e non so come farle crollare..
Vorrei sapere da voi qualche consigio per riuscirci, se per caso esiste qualche modo, oltre al socializzare, utile per riuscire ad aprirmi.
Anche se credo che tutto questo si sia evoluto nel tempo, per cause varie, e non so se anche grazie ad un aiuto psicologico tutto questo possa finalmente svanire..
Anche se tendo ad auto-sabotarmi, nel senso che quando penso di potercela fare mi tornano in mente i giudizi delle persone con cui uscivo e con cui ora ho perso i rapporti e ho paura di sentirmi ancora così giudicata e criticata..
Sarebbe più utile una psicoterapia o uno psicologo? E è possibile aprirsi di più e lasciare andare tutte queste barriere che esistono solo nella mia testa?

Miglior risposta

Buonasera Melissa,
le consiglio di prendere in carico questa questione e di intraprendere un percorso psicologico con qualcuno che le ispiri fiducia. Non sottovaluti questi problemi relazionali, sono molto importanti per stare bene. Psicologo, psicoterapeuta o psicoanalista, dipende dal tipo di terapia che vuole intraprendere. Non è facile darle una risposta così velocemente. Le posso dire da psicoanalista che un percorso di analisi è di sicuro un buon lavoro completo sulla sua persona, per recuperare la sua storia e lavorare a fondo sulle sue problematiche con pazienza e costanza.
Certamente è possibile lasciar andare le barriere ma sono da superare le resistenze che anche a livello inconscio ciascuno di noi ha. L'importante è creare un buon rapporto di transfert con il suo analista per poter creare una partnership e lavorare con lui o lei.
Rimango a disposizione.
Buoni Pensieri
Dott. G. Gramaglia


Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Melissa, il suo è un problema molto comune. Sono molto più di quanto non si pensi le persone timide e/o introverse. Ora, la questione è che alcune tutto sommato sono contente di avere pochi amici, ma buoni, come si dice, altre invece, come mi sembra il suo caso, vivono una insoddisfazione profonda. Migliorare è sempre possibile, ma il percorso richiede un certo impegno. Potrebbe iniziare una terapia di tipo cognitivo-comportamentale, più breve di altre psicoterapie. Dovrebbe aiutarla a rilassarsi nelle situazioni sociali con tecniche adeguate, ed anche ad esporsi gradualmente a situazioni via via più impegnative. Si parla proprio di "gerarchia delle situazioni ansiogene". Solo se questo non funziona, potrebbe considerare una psicoterapia di tipo analitico, più lunga e costosa. Cordialmente
dr. Leopoldo Tacchini

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

9 NOV 2018

Logo Dott. Leopoldo Tacchini Dott. Leopoldo Tacchini

110 Risposte

42 voti positivi

Melissa,
il tuo problema è assolutamente superabile però non esiste la bacchetta magica dato che tu sei una persona e non una macchina che se si guasta la porti dal meccanico e massimo 3 giorni si aggiusta. Pertanto ti direi di contattare uno psicoterapeuta. Nel frattempo inizia col focalizzare cosa ti spaventa dell'altro. La risposta potrebbe già aiutarti. Però da quanto racconti potrei ipotizzare che ti spaventa il "giudizio negativo" ... Forse nella tua storia hai l'esperienza che se ti esprigiona e dici la tua allora sei stupida ... perchè così ti dicevano seppur non vero!

Dott.ssa Cantone Stefania Psicologa e Psicoterapeuta

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

8 NOV 2018

Logo Dott.ssa Cantone Stefania Dott.ssa Cantone Stefania

30 Risposte

7 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Caso senza speranza

3 Risposte, Ultima risposta il 29 Settembre 2016

Rapporto tormentato con una donna, come gestirlo?

5 Risposte, Ultima risposta il 09 Dicembre 2015

Malpractice?

2 Risposte, Ultima risposta il 27 Settembre 2017

Abbandonare l’universitá si o no?

1 Risposta, Ultima risposta il 29 Maggio 2018

Periodo stressante, seguito da ansia

1 Risposta, Ultima risposta il 13 Dicembre 2016

Cambiare percorso?

3 Risposte, Ultima risposta il 03 Marzo 2018

Pensieri ossessivi, dubbi, non vivo più.

1 Risposta, Ultima risposta il 16 Gennaio 2018

Ho bisogno di aiuto ma ho paura della terapia

8 Risposte, Ultima risposta il 29 Ottobre 2013

Non so più cosa provare

1 Risposta, Ultima risposta il 13 Marzo 2017