Come raccontare la separazione ai figli?

Inviata da daniela mascolo · 17 ott 2014 Terapia familiare

Sto per separarmi da mio marito, mia figlia ha tre anni come devo comportarmi? Quali comportamenti è meglio evitare e cosa dire a lei? Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 20 OTT 2014

Cara Daniela, ai figli bisognerebbe dire la verità con le parole più vicine al loro mondo (evitare ad es. papà è partito) e, soprattutto,rassicurarli che i genitori rimangono sempre "mamma e papà" anche se non stanno più insieme. Spesso i bambini pensano di essere la causa delle separazioni, bisognerebbe rassicurarli del contrario. Da evitare ai bambini: accuse al partner, strane richieste (es. su orari o compagnie dell'altro partner), allontanamento dai nonnni o da altri parenti, ricatti, ecc.... Spesso i genitori presi da rabbia e nervosismo "triangolano" i bambini, li utilizzano come confidenti, alleati o sostituti del partner. Si possono effettuare degli errori che possono destabilizzare i bambini, E' consigliabile effettuare un piccolo percorso di mediazione. Inoltre le consiglio il libro di Anna Oliverio Ferraris "Prova con una storia" Fabbri Editore, c'è una lettura a riguardo.

Dott.ssa Eleonora Russo Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Trani

31 Risposte

29 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

Buongiorno signora Daniela,
la separazione dei genitori per un figlio non è cosa semplice da capire. Passerà forse un po di tempo prima che la situazione sia chiara per cui la piccola, possa riadattarsi al nuovo contesto.
Le voglio ricordare che seppur si smette di essere coniugi, si è per sempre genitori, con le responsabilità, i doveri ed i diritti.
Quindi, mai mettere in mezzo o al corrente la bimba dei vostri litigi, spartizione dei beni e quant'altro. Mai parlar male del ex-coniuge in presenza di vostra figlia. Le procurerete una grande ferita emotiva. Lasciate la bimba al proprio posticino, spiegando che ci sarà un cambiamento, dove vivrà e con chi, gli incontri ecc. Deve avere una dimora fissa e non per metà settimana con mamma e l'altra metà con il babbo.
Attraverso dei racconti potete aiutare vostra figlia; dai 4 anni "Sotto il temporale, fiabe ombrello per famiglie in trasformazione" della Maresco, as esempio.
E' un modo per parlarne indiretto, che può favorirvi molto.
Non raccontare bugie, del tipo babbo deve lavorare fuori e non tornerà a casa.
Se crede di aver bisogno di un aiuto ulteriore in questo periodo più sempre rivolgersi ad un buon psicologo.
Dott.ssa Marta Brunetti

Dott.ssa Marta Brunetti Psicologo a Ancona

1 Risposta

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

Cara Daniela,
i figli anche se piccolissimi ci chiedono semplicità, genuinità e trasparenza.
Nel comunicare la separazione dei genitori sono importanti le parole semplici, adatte all'età, e il più realistiche possibili. Molti ad esempio dicono che mamma e papà non si amano più come quando si sono sposati, spiegando che ciò accade, ma che vorranno sempre bene ai loro bambini.
Spiegare un motivo della separazione è importante perchè se la bambina non ne capisse il motivo, potrebbe crearsi dei sensi di colpa.
È importante dare una comunicazione ai figli quando la separazione è chiara ai genitori e la decisione è presa. Inutile coinvolgerli nelle incertezze degli adulti.
Altrettanto importante è dare la notizia insieme, mamma e papà, e tenere sempre una linea che rispetti l'altro. Anche se ci si separa per tradimenti o situazioni dolorose, è necessario che i bambini ne stiano fuori. L'ex partner è sempre un genitore, una figura importante, e in questo va rispettato, mai attaccato o svalorizzato.
Inoltre bisogna chiarire subito alla bambina cosa ciò significa: ad esempio, papà e mamma vivranno in due case diverse, lei trascorrerà del tempo con ciascuno, non cambierà scuola (se questo è vero), manterrà gli amici di sempre... Insomma, soprattutto con i più piccoli bisogna spiegare concretamente cosa significa ciò che mamma e papà stanno dicendo, di modo che possano comprendere, percepire di avere il controllo della situazione e, soprattutto (cosa fondamentale) possano sapere che non perderanno l'amore di uno o dell'altra.
Le riceche confermano che i bambini reagiscono adeguatamente ed elaborano la separazione dei genitori, pur affrontando magari alcuni mesi più critici, se la conflittualità vissuta tra i coniugi è bassa e se le figure adulte mostrano rispetto tra loro e attenzione al figlio.
Vi sono varie storie che aiutano i bambini in questo passaggio. Io spesso consiglio Sotto il temporale, fiabe ombrello per famiglie in trasformazione, di M. Mareso.

La vostra comunicazione alla bambina sarà l'imizio di un paziente percorso di accompagnamento in cui come genitori dovrete comunque condividere alcune scelte, nell'interesse della bambina, e in cui in varie occasione dovrete dimostrare di starle accanto ed essere adulti saggi, che sanno mettere da parte l'interesse personale per la piccola.
Buon lavoro.

Dr.ssa Mara Gallo - Psicologa Psicologo a Torino

32 Risposte

53 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

Buongiorno Daniela,
la scelta che sta per effettuare è delicata non solo per sua figlia ma immagino per entrambi. Sua figlia è molto piccola, ma probabilmente avrà percepito qualcosa che in casa non andava più tra lei e suo marito... magari discussioni, tensioni etc...
Potrebbe darmi alcune informazioni aggiuntive? Ad esempio da quanto tempo vivevate insieme, gli ultimi periodi o episodi importanti a cui la bambina ha assistito?
Come vi siete accordati con suo marito circa la possibilità di vedere la bambina? sarà libero oppure vincolato?
Probabilmente il messaggio da far passare è quello che entrambi i genitori vorranno bene alla bambina ma solo che tra di loro non c'è più l'affetto di prima, seppur una parte importante è continuare e permettere ad entrambi (sia lei che a suo marito) di far parte della vita di sua figlia.

Resto a disposizione.
Dr.ssa Roberta Fuga
Psicologa - Psicoterapeuta cognitivo - comportamentale e Grafologa

Dr.ssa Roberta Fuga Psicologo a Roma

59 Risposte

85 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

La separazione è un evento traumatico che segna la fine di una relazione affettiva e come tale provoca dolore e sofferenza per tutta la famiglia e necessita di un tempo più o meno lungo per essere rielaborato e integrato. Per quello che riguarda i bambini il trauma è ancora più grande in quanto il mondo dove hanno vissuto non sarà più lo stesso. Fondamentale è l'atteggiamento degli adulti perché tanto più sarà equilibrato e rassicurante tanto meno l bambino si sentirà minacciato e impaurito.La chiusura di un legame coniugale non sancisce anche la rottura della coppia genitoriale, anzi. Importante quindi rassicurare sempre sull'amore che i genitori provano, sul fatto che papà e mamma ci saranno sempre anche se abitano uno in una casa e l'altra in un'altra. E che loro possono vederli e sentirli sempre quando voliono. Fondamentale è che gli ex coniugi mettano il bene dei figli al primo posto. Sono a disposizione per ulteriori informazioni, buone cose Dottssa Rosanna Tartarelli

Dott.ssa Rosanna Tartarelli Psicologo a Lucca

113 Risposte

94 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

Buongiorno Daniela
la bambina deve continuare a sentire il completo e totale amore e appoggio emotivo da parte di entrambe i genitori.
Vanno evitate liti e discussioni e vanno stabiliti e gestiti con flessibilità tempi e modi per stare con la bimba fuori da ogni competizione tra i genitori.
Il tempo e lo spazio che è giusto dare alla bimba non deve essere sostituito con regali, regalini e regaletti, giochi e giochetti... i bambibni hanno bisogno dei genitori e del loro totale affetto sia che siano insieme o separati.
Non sono tanto le spegazioni verbali da dare ad un bambino di tre anni quanto la sensazione di continuare ad essere figlio voluto ed amato.
Per poter fare quanto le dico lei capirà che è assolutamente necessario che la separazione avvenga in uno stato di consapevolezza di Rimanere ed essere per sempre genitori di questa bambina e quindi è fondamentale mantenere buoni rapporti con l'ex partner, comunicazione, adeguato sostegno e quanto altro attiene ad affetto reciproco.
Tutte cose che sono molto difficili e che spesso sono distrutte dalla separazione stessa ma che sarebbe fondamentale conservare.
Dott.ssa Silvana Ceccucci

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7339 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

Buongiorno Daniela,
ai bambini piccoli come la tua non si danno spiegazioni ma si mettono nelle condizioni di vivere i vari passaggi della vita senza farli pensare a questioni che non sono in grado di comprendere. Pertanto, vanno giustificate le inevitabili assenze dell'altro genitore con motivazioni che non alterino il loro stato emotivo. Nel prosieguo va mantenuta per quanto più possibile la presenza della coppia genitoriale nelle varie occasioni di incontro che verranno stabilite dall'Istituzione di competenza. Ti suggerisco di farti aiutare da un/a psicoterapeuta perché generalmente, è facile commettere degli errori a causa delle implicazioni emotive dei genitori stessi.
Resto a tua disposizione per un eventuale supporto da qui. Auguri
Dottssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

682 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

Gentile Daniela,
Le consiglio di raccontare alla bambina cosa sta succedendo, con un linguaggio adatto a lei. Non litigate davanti a lei e fatele comprendere che lei non c'entra e che mamma e papà le vorranno bene esattamente come prima.
Cordialmente,
Dott.ssa Gerbi

Dott.ssa Martina Gerbi Psicologo a Asti

143 Risposte

262 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 OTT 2014

Gentile signora Daniela Mascolo
è preferibile far parlare sua figlia con una capace psicologo età evolutiva
dr paolo zucconi sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a Udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1590 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18900

psicologi

domande 30150

domande

Risposte 103100

Risposte