Come potrei risolvere?

Inviata da Motopropulsore · 26 apr 2016 Autostima

Salve Buonasera . Ho bisogno del vostro aiuto, spero di ricevere una vostra risposta.
Vi spiego in breve la mia situazione.
Ci tengo a precisare che non ho mai avuto una grandissima autostima, mi sono sempre visto bruttino ecc.
Ho 23 anni, ho avuto 3, 4 storie tutte dai 5 ai 9 mesi.
Praticamente all' inizio di queste ero innamoratissimo, pensavo fossero davvero le ragazze giuste. A distanza di qualche mese però mi accorgevo che non erano le ragazze adatte a me, mi vergognavo ad andarci in giro. Mi chiedevo: cosa penserà le gente? "Madoo" guarda quanto è brutta la ragazza di Roberto?.
Tempo fa però, ho conosciuto la ragazza che ho sempre desiderato, sia fisicamente che caratterialmente. Mi ha colpito sin dal primo momento che l ho vista. La ragazza in questione è sempre stata fredda nei miei confronti, mai un complimento in otto mesi di relazione non mi ha mai chiamato amore. Anche con gli amici non esterna più di tanto. Premetto che lei non era mai stata fidanzata prima.Questa storia mi ha fatto crollare, sentivo di amare una persona che non mi voleva, mi ha fatto perdere del tutto l'autostima. Mi sentivo brutto, incapace e soprattutto non all'altezza della situazione. Sembrava lei facesse tutto forzatamente e non perché avesse piacere. Ero molto geloso di lei anche perché lei studia in un altra città a 200 km dalla nostra, quindi spesso era fuori. Sentivo di perderla da un momento all'altro infatti a settembre 2015 mi ha lasciato e subito dopo ho perso anche il lavoro. Credo di essere in depressione, penso che non riuscirò più a trovare una ragazza come lei. Penso di essere ancora innamorato di lei, perché quando la vedo ( lei studia fuori) sento un vuoto seguito da rabbia, rabbia che si trasforma in tristezza.
Credo di aver bisogno di un professionista, vorrei andarci con tutto il cuore da uno psicologo, ma purtroppo non posso permettermelo, sono ancora disoccupato.
Cosa posso fare dottoressa??
Ho bisogno di qualche consiglio concreto per favore
Spero in una vostra risposta.
Grazie mille buona serata.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 26 APR 2016

Buongiorno gentile ragazzo,
da quello che scrive potrebbe esserci in Lei una difficoltà di fiducia relazionale che le impedisce di vivere serenamente il rapporto sentimentale sia con le ragazze avute in precedenza, sia con la ragazza che ultimamente l'ha lasciato. C'è un giudizio interno a Lei intenso... Per risolvere efficacemente è necessario lavorare partendo da lontano, fin dalla sua infanzia, nel rapporto con le figure significative della sua vita e sui suoi vissuti in rapporto ad esse. Può recarsi presso la sua ASL di appartenenza e richiedere dei colloqui psicologici, pagherà solo il ticket previsto per la sua fascia economico sociale. O in alternativa, si può rivolgere al consultorio giovani, pubblico. Come vede le alternative ai professionisti privati ci sono.
Cordiali saluti
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Roma

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2831 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 MAG 2016

Gentile signore,
capisco l'esigenza di mantenere l'anonimato , ma sopra ogni altra cosa , mi ha colpito l'assenza di un nome, un qualsiasi nome proprio, con cui connotarsi e presentarsi. Certamente da ciò che racconta di sè , è possibile evincere un problema di autostima , ma direi anche più profondamente un problema con la propria identità ,dal momento che Lei ,si connota come oggetto e non come persona.
Detto questo, il fatto di stancarsi abbastanza in fretta di alcuni tipi di ragazze, non aderenti ad un modello di bellezza e avvenenza tali da suscitare l'ammirazione di parenti o conoscenti, fa pensare ad una grande superficialità nell'approcciare l'altro sesso e ad un bisogno che pare corrispondere più ad esigenze di riparazione narcisistica ,che non ad un vero bisogno di una relazione d'amore. L'ultima ragazza con cui si è accompagnato, probabilmente possedeva la qualità di farla sentire più appagato sul piano della conferma narcisistica e quel certo distacco che essa ha mostrato verso di lei, è uno degli atteggiamenti più atti a stimolare in persone con le sue caratteristiche di personalità ,un senso di sfida che può essere scambiato per amore, ma che spesso null'altro è che la voglia di vincere e di piegare l'altro alle proprie esigenze. Il senso di sconfitta che può derivare dall'essere stato lasciato da una donna come questa, quindi, può essere bruciante e risultare inaccettabile.L'essersi appassionato ad una donna che le ha mostrato una cauta tiepidità di sentimento , quando non una decisa freddezza, fa riflettere su quale sia stato il tipo di "dieta" affettiva, con la quale lei è cresciuto e credo, sia questo uno dei più importanti motivi che la dovrebbero spingere a consultare uno psicoterapeuta quanto prima. Ricordi comunque che gli effetti di un "lutto" da abbandono, si supera normalmente in pochi mesi , soprattutto quando la relazione è stata di così breve durata.
Cordiali saluti
Dott.ssa Giuseppina Cantarelli

Psicoanalista Junghiana
Parma

Dott.ssa Giuseppina Cantarelli Psicologo a Parma

191 Risposte

652 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 MAG 2016

Gentile Motopropulsore,
da quello che scrivi sembra che il nucleo centrale sia nella difficoltà di entrare davvero in intimità nelle relazioni e con questo non mi riferisco all'aspetto sessuale ma al piano affettivo.
Sembra infatti che sei capace di innamorarti e avere relazioni anche abbastanza facilmente, ma appena queste diventano più intime hai bisogno di "fuggire" svalutando la partner ("è bruttina, perchè ci sto insieme?") e attivando profonde insicurezze molte delle quali fondate su giudizio esterno ("chissa cosa penseranno di me?).
Non a caso hai perso davvero la testa per una persona poco disponibile affettivamente (fredda come tu definisci) che in qualche modo ti tiene "al sicuro" dall'intimità che temi, anche se ciò è fonte di sofferenza.
C'è sicuramente bisogno di fare ordine e capire l'origine di tali meccanismi.
Se non hai la possibilità di un consulto privato, concordo con i colleghi nel suggerirti di rivolgerti alle strutture pubbliche (ASL o consultorio). Alcune funzionano bene e spero che quelle della tua zona siano fra queste.
Sinceri auguri.
Dott. Michele Vecera
Psicologo - Psicoterapeuta, Cagliari

Studio di Psicologia Clinica e Psicoterapia dr. Michele A. Vecera Psicologo a Cagliari

25 Risposte

22 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 APR 2016

Salve Moto
allora, appena letto la tua lettera mi risalta agli occhi che per avere 23 anni e considerarti "bruttino" le ragazze non ti sono mancate e, seppure le tue storie sono state limitate entro l'anno, hai sicuramente fatto delle esperienze interessanti.
Queste storie ti hanno dato l'opportunità di osservare alcuni tuoi "meccanismi psichici" che, all'interno delle storie stesse, tendevano a ripetersi e quindi rappresentano qualcosa di significativo.
Come tu ci racconti... dopo un po' le ragazze iniziavano a sembrarti "bruttine" e perdevano il loro fascino iniziale tanto da indurti ad interrompere la storia.
L'ultima ragazza invece ti piaceva tanto ma, probabilmente anche perché si è sempre mantenuta, in qualche modo, irraggiungibile psichicamente ed emotivamente fredda e distaccata.
Certo tu ora soffri molto nell'averla persa come, d'altronde soffrivi nello stare con lei non sentendoti sicuro e amato.
Tutto questo a me fa pensare che tu "utilizzi", inconsciamente, questi elementi legati all'aspetto fisico per tenerti lontano dall'affetto e dall'amore perché ne hai paura e questa paura certo è dovuta ad insicurezza magari legata a timore di essere tu rifiutato.
Ti chiedo: come vivi la tua vita fuori dalle relazioni sentimentali?
Faccio la domanda perché in realtà mi sembra che tu sia, in generale, più attento ai "dettagli della vita" che alla vita stessa e che tu sia, in qualche modo, stato abituato all'esteriorità e quindi rimasto in superficie delle cose.
Così fosse si spiega anche il perché ti consideri "bruttino" e non riesci a piacerti ed accettarti totalmente come sei.
A te sembra un dato oggettivo ma invece è puramente soggettivo.
Qui deve concentrarsi il tuo sforzo e la tua attenzione dovrebbe essere posta maggiormente sull'interiorità e sull' importanza dei valori che possono darti una carica del tutto diversa ed eccezionalmente attraente.
Conosci la storia di Nick Vujicic? non voglio toglierti la sorpresa di sapere lui com'è esteticamente, ti dico soltanto che ha una moglie "mozzafiato" e un figlio bellissimo.
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci Psicologa Psicoterapeuta.

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7031 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 APR 2016

Gentile Roberto,
sembra che per te l'autostima sia basata soprattutto sulla fisicità, il che è un errore!
Quanto all'ultima ragazza che esteticamente ti piaceva, hai dovuto dopo un pò accorgerti che caratterialmente non andava bene, a differenza di quanto pensavi inizialmente. Infatti, in una relazione che funziona, il requisito più importante è la reciprocità che nel tuo caso non c'era.
Inoltre, a prescindere dalla gelosia che è l'altra faccia della bassa autostima, dovresti evitare di scegliere ragazze fuori sede e quindi evitare relazioni a distanza.
Dal momento che poi, a seguito di questo abbandono stai vivendo frustrazione, rabbia e tristezza, puoi capire che sono le stesse emozioni provate probabilmente dalle ragazze "bruttine" che hai lasciato tu.
In ogni caso, per elaborare meglio questo malessere e curare la tua bassa autostima puoi rivolgerti ad uno psicoterapeuta del servizio pubblico visto che adesso sei senza lavoro, mentre non riesci a trovarne un altro.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7126 Risposte

20287 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 APR 2016

Carissimo,
capita spesso di avere esperienze con persone con cui non sentiamo un particolare legame e di incontrare poi qualcuno che ci coinvolge profondamente, risvegliando in noi insicurezze e timori se il suo comportamento non soddisfa i nostri bisogni e le nostre aspettative. Non preoccuparti se adesso le emozioni che ti accompagnano sono rabbia e tristezza, la fine di un rapporto è caratterizzata proprio da questo tipo di sentimenti, così come dal timore di non poter incontrare nessuno come lei. Ciò che puoi fare adesso è vivere il dolore del distacco ma darti anche la possibilità di uscire e di introdurre nuovi stimoli nella tua vita. Le opportunità ci capitano se diamo loro il permesso di accoglierle e di crearcele.

Buona vita,
Dr.ssa Ilaria Terrone, Bari

Dott.ssa Ilaria Terrone Psicologa Bari Psicologo a Bari

160 Risposte

231 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autostima

Vedere più psicologi specializzati in Autostima

Altre domande su Autostima

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24700

domande

Risposte 88200

Risposte