Come potrei gestire l'ADHD non trattata da adulto?

Inviata da Mat · 5 ott 2017 Psicologia risorse umane e lavoro

Sono stato tra i 17 e i 18 anni in cura presso uno psicoterapeuta. Nel percorso ha suggerito che potessi essere affetto da ADHD fin dai 4 anni di età. Tuttavia mi.ha consigliato di trovare un modo per viverla perché alla mia età non è trattabile. In famiglia per anni non ho sentito altro che "sei intelligente è che non vuoi" "sei troppo pigro" ecc. quindi non ci gli ho dato peso pensando che la diagnosi fosse sbagliata. Tuttavia ho iniziato a notare insistentemente che mostravo quei comportamenti che poi mi sono stati indicati come sintomi e che da anni attribuivo una mia scarsa capacità e, in alcuni casi di depressione, anche a una mia scarsa intelligenza. Ogni giorno che passa mi accorgo di avere un divario sempre maggiore tra me e i miei coetanei senza contare che sono ormai 4 anni indietro nel percorso scolastico e i miei comportamenti risultano troppo spesso "immaturi" specie nella gestione delle emozioni (spesso troppo forti e condizionanti) o nell"organizzazione. Io non sono stupido ma non riesco a fare quello che so fare.
Vorrei un consiglio su come fare perché vorrei avere una possibilità di migliorare la mia vita che al momento vedo senza sbocchi, anzi in realtà non riesco a vedere più lontano di quello che accadrà fra due minuti.
Grazie in anticipo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 6 OTT 2017

Buongiorno,
come suggerito dalle colleghe, Le consiglierei innanzitutto di indirizzarsi verso un centro di riferimento specializzato per intraprendere un percorso diagnostico.
Per quanto concerne poi l’eventuale trattamento, i diversi interventi terapeutici possono ridurre l’impatto negativo del disturbo nella vita quotidiana.
Si possono per esempio acquisire valide strategie per affrontare situazioni stressanti, sviluppare competenze di coping affettivo, al fine di diminuire l’intensità degli stati d’animo, la disregolazione emotiva, e lavorare sulla modificazione di modelli comportamentali disfunzionali.
Un caro saluto
Dr.ssa Meloni

Associazione Eco Psicologo a Torino

101 Risposte

43 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 OTT 2017

Caro mat, hai bisogno ,oltre che di un appoggio e di un supporto psicologico, di una buona valutazione neuropsicologica. Infatti prima di fare diagnosi di adhd Bisogna considerare diversi elementi.cerca uno psicologo che possa valutarti sotto questo profilo e poi eventualmente intraprendere anche un percorso di riabilitazione cognitiva e di supporto cognitivo: ad oggi si sono tanti training e tanti programmi che possono supportare le attività cognitive che ti creano più problemi in fase di studio o di lavoro.

Dott.ssa Virginia Valentino Psicologo a Avellino

76 Risposte

24 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 OTT 2017

Carissimo, quando si parla di Adhd bisogna prendere in considerazione tantissimi elementi. Quindi in prima battuta dovrebbe effettuare una buona valutazione diagnostica per ottenere un quadro chiaro ed in base a quello intraprende un percorso riabilitativo. Ad esempio dei training che sostengono ed aiutano i processi cognitivi che supportano le competenze necessarie allo studio. Quindi cerchi un professionista che si occupa di neuropsicologia. Sicuramente il supporto psicologico è utile...ma come primo step io le consiglio di effettuare una buona valutazione.
Saluti

Dott.ssa Virginia Valentino Psicologo a Avellino

76 Risposte

24 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 OTT 2017

Salve. Io credo che ognuno di noi abbia dentro di sé, le risorse per poter emergere e mostrare , soprattutto a se stessi, le proprie potenzialità. Ognuno raggiunge i propri obiettivi, personali e professionali, con i tempi e le modalità a lui più consoni. Valuta la possibilità di percorrere il tuo "cammino" affiancato da uno specialista che possa aiutarti a trovare la strada giusta accettando i tuoi tempi ed il tuo essere.

Dott.ssa Porrino Monica Psicologo a Pomezia

7 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 OTT 2017

Anche con i soggetti adulti è possibile effettuare un trattamento multimodale che include una combinazione di trattamenti farmacologico e non-farmacologico, quali terapia cognitivo comportamentale e programmi di training specifici, volti a far sviluppare nell’individuo strategie efficaci per ridurre al minimo l’impatto negativo del disturbo nella vita quotidiana.
Ovviamente un sospetto non fa una diagnosi per cui è di fondamentale importanza fare un'adeguata valutazione per un preciso inquadramento diagnostico.
Saluti.
Dott.ssa Marina Schiavone

Dr.ssa Marina Schiavone Psicologo a Palagiano

1 Risposta

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 OTT 2017

Gentile Mat,
certamente i propri comportamenti emotivi e relazionali influiscono nella gestione della quotidianità.
Il counseling di tipo educativo, individuale e di gestione delle emozioni può risultare utile per potenziare le risorse e fronteggiare i limiti.
Inoltre per regolare il comportamento nell'iperattività e' molto utile la terapia comportamentale.
Lei ha consapevolezza e motivazione per affrontare i problemi e riuscire nella vita. Ciò rappresenta un punto di partenza importante!
I miei migliori auguri
Dott.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2641 Risposte

2197 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 OTT 2017

Buongiorno,
intanto il sospetto non fa diagnosi, per cui la prima cosa che le consiglierei è di recarsi da un professionista psicologo che si occupa di disturbi dell'apprendimento e chiedere una valutazione per un sospetto A.D.H.D. ; la valutazione può essere fatta anche in età adulta, perché non è un disturbo che scompare. Se dovesse scoprire di avere un deficit attentivo con aspetti di impulsività, esistono farmaci che permettono di compensare ciò che il cervello da solo non riesce. Inoltre, può essere indicato un supporto di uno psicologo cognitivo comportamentale per promuovere la miglior regolazione delle emozioni e dell'impulsività.
Diversamente può essere utile intraprendere un percorso psicoterapico per comprendere...
In ogni caso si può intervenire, non perda la speranza
La saluto,

Dott.ssa Elena Maiolo Psicologo a Biella

4 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 OTT 2017

Salve,
che io sappia, non ci sono patologie incurabili in età adulta! :-D. Si tratta chiaramente di trovare un collega che la supporti nel gestire la regolazione degli impulsi e lavorare sulle sue capacità di mentalizzazione e pianficazione del comportamento (dilazione della risposta comportamentale con valutazione di startegie di coping alternative).
Forza e Coraggio!
E ricordi che la sua consapevolezza è già un segno di grande possibilità di miglioramento!
Un caro saluto

D.ssa Silvia Michelini Psicologo a Roma

162 Risposte

137 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Altre domande su Psicologia risorse umane e lavoro

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16550

psicologi

domande 22900

domande

Risposte 84200

Risposte