Come posso trasmettere più forza mentale e fisica a mia figlia?

Inviata da Benedetta · 22 lug 2021

Salve dottori,
Sono una mamma di quattro figli, due donne e due uomini magnifici che mi hanno reso una donna abbastanza felice. Abbastanza perché ci sono stati e ci sono alti e bassi, come tra l’altro in ogni nucleo familiare.
Vorrei fare il punto su mia figlia, una ragazza ormai diciannovenne che sin dalla più tenera età si è sempre ammalata spesso, talvolta, gettandomi nella più totale preoccupazione. Mi rendo conto di essere una mamma iper-protettiva e che spesso le abbia trasmesso le mie paure, ma essendo una persona sensibile e super empatica, in qualità di mamma, non riesco a non soffrire quando i miei figli stanno male. Vi spiego, durante l’infanzia di Cecilia, sono stata costretta per motivi economici, a lavorare ininterrottamente per garantire una discreta qualità di vita ai miei figli, consapevole del fatto di doverli, a malincuore, “abbandonare” per qualche ora. Ora mia figlia è cresciuta, è diventata una donna amata, bellissima, è molto corteggiata, ma nella vita privata, è molto fragile, insicura, paranoica e spesso si ammala e quando lo fa diventa logorroica, piange e ha il timore di peggiorare, a tal punto da svenire. I medici dicono che non dovremmo preoccuparci perché a livello fisico sta benissimo, ma quello che mi preoccupa è il suo stato emotivo. A parte quando si ammala, mia figlia dimostra di essere una ragazza forte, capace e coraggiosa e lo ha sempre dimostrato anche a scuola, pure da piccina, quando era vittima di bullismo. Una volta parlando con lei, mi sono accorta che si porta dietro una serie di maltrattamenti psicologici e prese in giro che non ci aveva mai raccontato durante quegli anni, ne soffre tutt’ora, facendomi sentire una cattiva madre, non so come sia riuscita a tenersi tutto dentro. So solo che gran parte della colpa è stata mia, non accorgendomi dei suoi continui stati d’ansia, arrivava addirittura a immaginarsi degli abusi che non esortavano e che oggi lei racconta con pudore, di essere stata vittima di una forte ansia. Lei è sempre stata così, si tiene tutto dentro ed esplode solo quando oltrepassa il limite. Ora è a casa per via dell’influenza e la vedo molto giù di morale, come se la sua vita fosse finita. Cosa mi consigliate di fare, dottori? Cosa potrebbe avere mia figlia? Sarei disposta ad affidarmi ad un professionista se solo ne parlasse e abbattesse quel muro impenetrabile che si è costruita durante gli anni per scappare dalle sue ansie e dalle sue paure. Ho paura che rimanga vittima di se stessa, ha un enorme potenziale, ha tutte le carte in regola per trionfare nella vita, ma non ne è consapevole. Cosa posso fare per motivarla? Per renderla una persona più forte e indipendente?
Aiutatemi per favore.
Buon pomeriggio!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 27 LUG 2021

Cara Benedetta,
comprendo bene la preoccupazione che prova nei confronti di una delle sue figlie, per una madre talvolta può rivelarsi difficoltoso il passaggio dei figli dall'infanzia all'età adulta e spesso questo induce nel genitore sentimenti di insicurezza e apprensione rispetto allo stato di salute o rispetto alla realizzazione personale di questi ultimi.
Per rispondere alla sua domanda di partenza, come poter trasmettere più forza a sua figlia, mi verrebbe da dire che potrebbe essere utile aver fiducia nella sua competenza di giovane adulta.
Fare un passo indietro da parte sua potrebbe rinforzare la possibilità che sia sua figlia a farne uno in avanti, anche chiedendo aiuto qualora lei stessa lo ritenga opportuno. Questo modo di gestire la sua preoccupazione potrebbe incentivare inoltre la ragazza ad aprirsi maggiormente con lei, pubblicando i suoi pensieri autonomamente e autenticamente, a beneficio del rapporto.

Rimango disponibile in caso di chiarimenti,
Dott. Giancarlo Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

708 Risposte

333 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 LUG 2021

Carissima Benedetta,
il lavoro di mamma non finisce mai, continua finchè una persona ha fiato in corpo.
Da quello che scrive però sembra che non permetta a sua figlia di trovare un suo equilibrio, cerca sempre di sostenerla senza aiutarla a trovare in sé stessa gli strumenti e le risorse per farlo in autonomia.
Se sua figlia non ha voglia di confidarsi non può costringerla, potrebbe solo suggerirle di trovare un professionista, qualcuno che la aiuti a superare quello che ha vissuto in un ambiente protetto e non giudicante.
Per quanto riguarda lei, anche per lei un sostegno potrebbe servirle per "separarsi" da sua figlia, per sostenerla certo ma senza sostituire le risorse e la forza che dimostra a quelle che dovrebbe avere sua figlia.
Sono a disposizione .
Un caro saluto
Dott.ssa Stefania Barbaro
(ricevo anche on line)

Dottoressa Stefania Barbaro Psicologo a Milano

551 Risposte

159 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 LUG 2021

Buongiorno carissima, capisco bene cosa prova, ifigli ci fanno preoccupare sempre, se poi oltre a stare male fisicamente dimostrano di non riuscire a superare le situazioni difficili, questo è per noi ulteriore sconforto. Dovrebbe cercare di fare capire a sua figlia che ciò che sente non è che il frutto di ciò che si porta nella sua mente. La cosa importante nella vita è stare bene e bisogna e bisogna pensare principalmente a stare bene. Dunque è necessario che la ragazza cerchi di mettere da parte ciò che si porta nella mente e cerchi di vivere solo ciò che può vivere ovvero il presente. Il qui e adesso sono gli unici spazi che contano. Io sono a vostra disposizione per qualsiasi chiarimento. Sono disponibile anche per incontri on line. Cari saluti.
Dottoressa Barbara De Luca

Dott.ssa Barbara De Luca Psicologo a Catanzaro

667 Risposte

315 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 LUG 2021

Gentile signora, comprendo le sue preoccupazioni. Da madre è legittimo il suo stato d’animo e la premura per sua figlia.
Sicuramente preoccuparsi insieme a sua figlia non è utile a trasmetterle forza d’animo e senso di sicurezza. Quando si trova in situazioni in cui si accorge che sua figlia è in ansia o preoccupata, sposti la sua attenzione dal malessere sia suo che di sua figlia, e provi a immaginare di essere una fonte di incoraggiamento e rassicurazione per lei.
Cosa le direbbe se fosse nei panni di un motivatore?Questo semplice esercizio potrebbe aiutarla a distaccarsi, per qualche minuto, dal ruolo e dai sentimenti materni.
Ad ogni modo,ogni sintomo porta con sè un messaggio. Un percorso di psicoterapia potrebbe essere molto utile a sbloccare questo meccanismo che coinvolge entrambe e non vi permette di evolvere e lasciar andare la sofferenza emotiva. Resto disponibile, cordiali saluti, dr.ssa Valentina Romeo Psicologa Psicoterapeuta.

Dr.ssa Valentina Romeo Psicologo a Roma

36 Risposte

30 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

23 LUG 2021

Buongiorno Benedetta,
Essere vittima di bullismo può portare a sviluppare poca autostima e difficoltà a gestire l’ansia.
Nessun di questi disagi è irreparabile.
Una buona terapia può aiutarla a recuperare un sano concetto di sé e a vivere con pienezza la sua età.
Mi permetto di consigliarle un percorso di emdr, una terapia molto efficace per la desensibilizzazione di traumi legati ad esperienze negative.
Rimango a disposizione e auguro a lei e alla sua splendida famiglia il meglio
Dott.ssa Oriana Parisi

Dott.ssa Oriana Parisi Psicologo a Bari

488 Risposte

299 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29750

domande

Risposte 101200

Risposte