Come posso superare la cosa?

Inviata da chiara · 24 feb 2017 Terapia di coppia

Ciao a tutti mi Chiamo Chiara ed ho 25 anni, mi trovo ad affrontare un problema che x me risulta essere abbastanza logorante... da 7 anni sto con un ragazzo che pensavo fosse l'amore della mia vita, il ragazzo perfetto che nessuna vorrebbe mai perdere e spera di trovare, il classico principe azzurro. Per tutti questi anni mi ha sempre riempita di affetto e di attenzioni, fatto sta che qualche mese fa abbiamo avuto una bruttissima crisi, lui non sapeva più cosa voleva dalla vita, eravamo andati da qualche mesetto a convivere e all'improvviso se ne arriva chiedondomi una pausa, motivo? Si era preso di una ragazza che ogni tanto va dove lavora lui, si sono solo sentiti x telefono ma lui entra in crisi e non capisce più cosa prova per me . All'inizio non realizzai bene... pensavo non fosse possibile che una cosa del genere capitasse a noi.. che eravamo sempre stati una coppia fantastica, piena di interessi, amici, cose in comune, siamo praticamente cresciuti insieme, in questi anni abbiamo quasi passato ogni giornata insieme perchè non riuscivamo a separarci. Morale della favola, dopo una settimana di indecisioni, sceglie lei, mi lascia. Aveva un atteggiamento del tutto irriconoscibile, menefreghista, freddo come non è mai stato, non lo riconoscevo, non lo riconosceva nessuno. E' stato con questa ragazza per un mesetto, in questo mese ha avuto più volte crolli tornando da me e tornando da lei perchè a volte "diceva di tornare in se" e si pentiva di tutto quello che aveva fatto, ci abbiamo riprovato per "un giorno e mezzo" perchè ha avuto un crollo in cui diceva di amarmi, che gli mancavo ma poi è tornato da lei, ci chiudo completamente e sparisco. Dopo qualche tempo che non ci sentivamo più, mi ricontatta chiedendo il mio perdono, dicendo che ha capito che ama me e che senza di me non sarà mai felice, che con l'altra ragazza era solo attrazione fisica ma che è me che ama, vengo a sapere tramite amici e messaggi che l'ha lasciata lui e che mi ha cercata dopo una settimana in cui è stato completamente solo ed ha realmente capito cosa vuole dalla vita, inizialmente lo ignorai per un po di tempo, poi ricedetti perchè lo amo davvero andando contro il mio orgoglio e la mia dignità. Ora stiamo di nuovo insieme da qualche mese, è felice, convinto, più innamorato di prima, mi dice che ora è davvero convinto della sua scelta e che l'abitudine non gli faceva capire la fortuna di avermi al suo fianco e quanto mi amasse.
Sembrerebbe tutto perfetto, il problema è che però per capire lui ha distrutto me,
non mi fido più come prima, sono perennemente in allerta, mi sento scoraggiata e la mia autostima è arrivata sottoterra perchè so che quella ragazza esteticamente gli piaceva molto più di me, non credo più al per sempre, non riesco a pensare al futuro, mi chiedo perennemente per quanto tempo sarò felice prima di ripiombare nella depressione se se ne riandasse, insomma sono a pezzi.
Prima ero una ragazza molto allegra, solare, giocherellona, convinta di me stessa, ora l'opposto... questa cosa mi ha completamente spiazzata, ho avuto una famiglia che non è mai stata tale, i miei genitori si odiavano e sono cresciuta sola, lui era l'unica luce nella mia vita ma quando se n'è andato mi ha lasciata da sola a vagare nel buio, il problema è che il buio mi ha cambiata, mi sento meno felice, ho crisi di pianto improvvise, attacchi di rabbia allucinanti se penso a cos'ha fatto... come posso superare questi sentimenti contrastanti? Come faccio a passare oltre? Come faccio a credergli? Come faccio a superare il fatto che per un mese e mezzo abbia preferito lei a me? COME? Sono passati mesi ed ho ancora queste crisi... non so davvero cosa fare perchè lo amo....ma mi ha distrutta.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 25 FEB 2017

Cara Chiara, capisco benissimo i tuoi sentimenti e poche righe forse saranno insufficienti a chiarirti le idee. Ti consiglio perciò di fare qualche incontro di sostegno con uno psicologo che ti aiuti a fare chiarezza! Dopo 7 anni di perfezione è duro affrontare la realtà. Ma vedi Chiara la perfezione non esiste e questa prova che hai dovuto affrontare lo dimostra. Esiste però la vita vera che ci mette alla prova con le sue cadute. Stai insieme al tuo ragazzo da molti anni ed eravate molto giovani. Escludere che uno dei due prendesse una sbamdata era impossibile. La quotidinItà ci mette di fronte a tentazioni, miraggi....che solo l'esperienza ci insegnerà a evitare. Il tuo ragazzo, privo di questa esperienza non ce l'ha fatta ma proprio questa realta gli ha fatto verificare la solidità dei suoi sentimenti. Adesso lui è molto più saldo è convinto di te della vostra storia, proprio perché ha sperimentato! Lui è cresciuto proprio grazie a questo. Adesso è un uomo più consapevole di se stesso. Ora sta a te superare, è difficile ma se lo ami, ed è solo questo che importa, abbi fiducia. Sbagliare fa parte di noi. Amare un ragazzo perfetto è facile. Riaccogliere e riabbracciare una persona dopo un errore è segno di maturità e consapevolezza! Ed è proprio questo che farà di voi, da adesso in poi, una vera coppia! Auguri dr. Annalisa Lo Monaco

Dott.ssa Annalisa Lo Monaco Psicologo a Roma

551 Risposte

833 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 FEB 2017

Gentile Chiara, da tutto il discorso che hai scritto, si deduce una delusione forte, dovuta a una idealizzazione sia del vostro rapporto, che sembrava a tre metri sopra il cielo, finchè non avete cominciato a convivere, cioè a scendere coi piedi per terra.
In secondo luogo hai idealizzato lui, addirittura paragonandolo a un Principe azzurro , quello delle favole? non bisognerebbe mai scivolare in questi errori, perchè le persone vanno prese per ciò che sono. I principi azzurri, nonostante le favole di quando si è bambini, non esistono proprio. Sono persone coi loro pregi e difetti, coi loro problemi , anche irrisolti.
Premesso ciò, la vostra lunga relazione, di ben 7 anni, è iniziata quando eravate ancora due ragazzini, probabilmente eravate ambedue alla vostra prima esperienza importante. Il rapporto si è mantenuto sullo stile "favola perfetta" fino a quando la convivenza ha mostrato il quotidiano, le abitudini, forse anche qualche giornata in cui avete cominciato ad annoiarvi.....e, in questo scendere nel mondo reale, il, tuo fidanzato si è reso conto, se pure inconsciamente, delle opportunità che si era precluso nel corso della sua post adolescenza, chiudendo se stesso e te in una coppia che viveva di se stessa, come foste quasi già "sposati".
Succede spesso in queste coppie "storiche", che invece di vivere la propria giovinezza, iniziano una relazione che li taglia fuori da altre possibili esperienze. Alcuni se ne rendono conto tardi, magari intorno ai 30- 35 anni, quando il mondo esterno improvvisamente bussa alla porta. In diversi casi queste coppie si scoprono non più innamorate, in altri casi devono riconoscere che ornai da anni non lo erano più, che si trattava di affetto, di vicinanza, di aiuto reciproco, ma la passione e l'attrazione erano ormai solo un ricordo.
Altri ancora, come voi, entrano in crisi dopo aver cominciato a convivere, per poi ripiegarsi sui propri sensi di colpa e fare marcia indietro. Il rischio della vostra coppia, al di là del non fidarsi da parte tua, del tutto plausibile, potrebbe essere quello di esservi adattati a una specie di amicizia intima e affettuosa, della quale vi siete nutriti, ma che non ha più nulla dell'innamoramento. Perciò queste crisi potrebbero riproporsi sia da parte di lui che da parte tua...se già cominci a non fidarti e non puoi superare il "tradimento", forse sarebbe proprio il caso di vivere separati e metterci del tempo in mezzo. Il mio parere è che avete bisogno di vivere in modo non interdipendente l'uno dall'altra, di vivere cercando la propria individualità, i propri interessi e un proprio progetto di vita. Se ci sono dei flirt, concedersi di viverseli con serenità. Insomma, avete bisogno d "crescere" come individui singoli, per la coppia c'è tempo. Occorre la maturità dell'esperienza. E' possibile che il tuo "Principe" sia tornato con la coda tra le gambe più spinto dai sensi di colpa e anche un po' per la paura di ritrovarsi solo. Credo quindi che , per ritrovare un po' di serenità, sarebbe meglio scegliere di staccarvi per un periodo, non basta un mese, ci vogliono diversi mesi, forse ancora di più, in cui essere liberi di vivere la vostra vita. In seguito si vedrà se il vostro è vero amore , o se vi può essere stato di sostegno per crescere.
Un caro augurio ad ambedue
Dott.ssa Paola Federici . Psicologa psicoterapeuta
Ricevo a Binasco (Mi)

Centro Psicologico della Dott.ssa Paola Federici Psicologo a Binasco

111 Risposte

56 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 FEB 2017

Cara amica, i tradimenti son così li si perdona lì per lì, perché si rivuole indietro ciò che si sente che ci è stato tolto, ma la verità è che poi rimane l'insicurezza e l'orgoglio ferito, (l'ultima cosa che guarisce), il dolore per ciò che l'altro ci ha fatto passare. È così che si arriva al bivio e ci si chiede se si vuole ancora questa persona che ci ha fatto soffrire tanto, se ne vale ancora la pena. Io le consiglierei di darsi tempo. Il suo cuore le farà capire se quest'uomo è quello in cui lei ancora può trovare fiducia e dunque, continuare questo rapporto o se non lo è più e dunque, con coraggio è arrivato il momento di chiudere.
Sono a disposizione se lo volesse.
Saluti.
Dott.essa Barbara De Luca

Dott.ssa Barbara De Luca Psicologo a Catanzaro

667 Risposte

316 voti positivi

Fa terapia online

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30000 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18800

psicologi

domande 30000

domande

Risposte 102150

Risposte