Come posso smettere di vedere tutti i problemi in me stessa?

Inviata da sara fiscal · 7 nov 2016 Depressione

Buonasera, sono Sara, una studentessa di vent'anni. A gennaio di quest'anno è iniziata una situazione per me molto spiacevole. I miei genitori hanno iniziato a litigare e io in un primo momento ne ho sofferto molto. ora sembrano andare più d'accordo e non nutro più nei confronti loro (papà in particolare) l'astio che provavo nei mesi di gennaio e febbraio. Mi sono presa un anno sabbatico e ho iniziato ora l'università nel tentativo di riprendere in mano la mia vita. Scrivo qui perchè questi mesi sono stati caratterizzati da un disagio così grande da non riuscire quasi a vivere le mie giornate. Dopo le superiori mi sono fermata ed è successo qualcosa che non riesco a comprendere. Sono sempre nervosa, agitata, scontrosa. I miei stati d'animo passano dalla gioia immensa alla disperazione più totale nel giro di pochi minuti. Mi ritrovo a pensare delle cose davvero terribili su me stessa, quali il fatto che se non ci fossi non sarebbe una grave perdita. Non vedo la morte come soluzione ai problemi, affatto. Ma sono talmente affranta dalla mia difficoltà ad affrontare le situazioni che non so più cosa pensare. Quando mi trovo in mezzo a tanta gente mi manca quasi il fiato. A volte, quando mi pongono delle domande, reagisco in malo modo ed inizio ad annaspare, mi manca il respiro e devo trattenere le lacrime che, puntualmente, lascio uscire copiose ogni sera quando vado a letto. Ho conosciuto un ragazzo quest'estate che abita a due ore di treno da me. Con lui mi sono confidata come mai con nessun altro, ma non sto insieme a lui perchè realmente mi piace, ma solo perchè non mi fa sentire inutile. Mi fa sentire amata e desiderata. Si interessa (credo) a me e questa è l'unica cosa che al momento da un senso alla mia vita.
Verso il mese di maggio ho fatto una cosa di cui mi pento davvero tanto. Ho tolgo la lametta da un temperino e ho provato a vedere cosa si provasse nel sfogare il dolore in quel modo. mi piaceva, è questo il brutto. ora non lo faccio più, so che è sbagliato. Ma non posso negare il desiderio che avrei nel liberare il mio malessere sul mio corpo.
Voglio portare un altro esempio: Ieri sera ho dormito dal mio ragazzo, eravamo a letto e lui voleva che lo toccassi. (è la mia prima relazione e non ho alcuna esperienza sessuale.) Io ho avuto un attacco di panico li, con lui e me ne sono vergognata tantissimo. Mi sono girata dall'altra parte nel letto e sono scoppiata in lacrime. Ho pianto tutta la notte, lui mi abbracciava, ma io volevo solamente starmene da sola e soffrire in pace.
E mi capitano queste situazioni molte spesso, a casa con i miei genitori, a lavoro al bar (lavoro domenica mattina come cameriera), con il ragazzo.
Vivo in uno perenne stato d'ansia. Mi maledico per non riuscire ad affrontare le piccole cose della vita. Non riesco ad avere approcci sessuali per non so quale motivo: forse paura, timore di esporsi, lasciarsi andare troppo.
L'unica cosa certa è che sono davvero stanca di questa situazione. Ho perso cinque chili nel giro di un mese e ora vedo che la bilancia continua a scendere anche se molto lentamente.
Ma sono stanca soprattutto mentalmente, non sto bene con me stessa, non riesco a stare da sola, ho paura a stare da sola.
Sia nella vita che nei piccoli momenti che la compongono: se i miei genitori escono di casa io trovo subito qualcosa per tenermi impegnata, altrimenti poi inizio a pensare a non so come andrebbe a finire.
Credo di aver detto un pò tutto. Vorrei dei consigli su come affrontare meglio questi stati di panico e insicurezza, se così la possiamo chiamare.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 8 NOV 2016

Buongiorno gentile Sara,
più che di consigli Lei avrebbe bisogno di fare chiarezza dentro di se attraverso un percorso di psicoterapia in quanto il suo disagio ansioso sta a poco a poco togliendole le energie per affrontare con grinta anche l'università da poco iniziata. Mi sembra che il suo accalorarsi per la pace in famiglia sia stato qualcosa di troppo grande per Lei ed anche prendere un anno sabbatico alla sua età è davvero qualcosa fuori luogo. Interrompere il fluire del quotidiano che la scuola Le dava per rimanere in casa con i suoi genitori in crisi mi appare come qualcosa di deleterio che Lei ha agito nella sua vita mettendola in pausa. E' come se ci fosse in Lei un tentativo di sabotare l'energia vitale dei suoi anni... Ma questa è solo un' ipotesi che, senza conoscerla, lascia il tempo che trova. Si informi presso la sua facoltà per lo sportello d'ascolto psicologico per gli studenti ed inizi delle sedute che l'aiuteranno a dare vigore al suo quotidiano. Può anche rivolgersi al consultorio familiare pubblico spazio adolescenti per un aiuto psicologico. Si faccia coraggio e chieda aiuto di persona. Nel suo caso è necessario.
Cordialmente
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Roma

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2824 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16800

psicologi

domande 23650

domande

Risposte 85550

Risposte