Come posso sapere se mia figlia di 6 anni ha bisogno di uno psicologo infantile?

Inviata da Federico il 23 mar 2016 8 Risposte  · Psicologia infantile

Mia figlia è stata all'asilo e ora frequenta la prima elementare. Ha una sorella di 4 anni. Da ottobre ad oggi ha collezionato 5 note: non ascolta, non collabora, non si impegna, ignora l'insegnante. Non sappiamo più come gestirla. Qualsiasi punizione viene somatizzata. Sembra non avere paura di nulla. Alla minaccia "ti mando in collegio" la risposta è stata "si può giocare?". Chiedo un aiuto per provare ad ottenere qualche miglioramento. Grazie.

paura

Miglior risposta

Buona sera Federico,
l'immagine che mi arriva di sua figlia è di una bambina biricchina e indisponente, ma sa, a 6 anni un bambino reagisce con opposizione e provocazione per comunicare altro. Quando scrive "alla minaccia del collegio, lei chiede se si può giocare", mi viene da sorridere sia perché non comprende cosa potrebbe significare essere in collegio, sia perché, nonostante il collegio, lei si appura di poter giocare. Credo che sua figlia sia una bambina che usa questa sua condotta per veicolare qualcosa che la disturba e la fa star male. Occorre capire cosa possa essere e a questo potrebbe servire uno psicologo. Concordo con la collega circa l'inutilità delle minacce e punizioni sterili che la bambina non riesce ad afferrare. Resto a disposizione.

Dr.ssa Sonia Rossetti
Lizzano, Taranto.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Caro Federico,
sua figlia è un tipo sveglio e molto coraggiosa, anche adattabile alla realtà.
Penso che con lei gli adulti debbano essere molto credibili e autorevoli, non certo autoritari, e soprattutto, penso che debbano suscitare il suo rispetto e coinvolgere la sua attenzione, le 5 note musicali che la bambina suona bene e spesso, significano che non ritiene interessante nulla di quello che la maestra dice e fa.
Anche rispetto alle punizioni e alle minacce non risponde...infatti non c'è credibilità in questi comportamenti educativi; lei ha capito benissimo che siete in difficoltà e sente che può fare come le pare.
Un consulto da uno psicologo infantile potrebbe esservi utile per mettere in atto comportamenti educativi adeguati alla situazione.
Comunque complimenti per avere una bambina che mi ricorda "Pippi calzelunghe".
A me sembra forte!
Un caro saluto
Dott. Silvana Ceccucci psicologa psicoterapeuta.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

5 APR 2016

Logo Dott.ssa Silvana Ceccucci Dott.ssa Silvana Ceccucci

3084 Risposte

6666 voti positivi

Salve, sicuramente non bisogna sottovalutare la situazione e affidarsi ad uno specialista. Mi capita spesso di seguire bambini che anche cosi piccoli mettono in atto comportamenti-problema difficili da gestire, ma c è sempre una funzione, un motivo che spinge i bambini a comportarsi con oppositività e con sfida..occorre quindi, con persone esperte, comprendere tale funzione e agire di conseguenza. Sono daccordo anche io sull'evitare punizioni e utilizzare premi quando la bambina mette in atto comportamenti adeguati perché concentrandoci su ciò che fa di adeguato estinguiamo con il tempo e, sotto la guida di un bravo psicologo, i comportamenti non adeguati. Spero di essere stata chiara, resto a sua disposizione per qualsiasi dubbio.
Dott.ssa Francesca Barbato
Psicologa dello sviluppo e dell educazione

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

29 MAR 2016

Logo Dottoressa Francesca Barbato Dottoressa Francesca Barbato

8 Risposte

4 voti positivi

Buonasera Federico e Buona Pasqua.
Partendo dal fatto che ogni nostro comportamento offre una delle tante chiavi di interpretazione di noi stessi, rispetto a sua figlia, ciò che agisce dovrebbe essere letto come un suo bisogno di comunicare un qualcosa, con l'unico linguaggio che conosce in quell'età: la reazione impulsiva. Che, per quanto tale concetto, abbia un'etichetta negativa, non sempre lo è, soprattutto se si parla di bambini. Questi ultimi, come immagino avrà ben presto imparato, sono delle spugne che assorbono attivamente tutto ciò che il contesto di riferimento propone loro ed, altrettanto attivamente, restituiscono, attraverso una minima mediazione cognitiva (non avendone ancora completa possibilità) ma altissima mediazione emotiva. In sostanza, il clima familiare emotivo con cui quotidianamente si confronta sua figlia, potrebbe essere la chiave di accesso per come la bambina lo abbia interpretato/interiorizzato e che è la base emotiva del suo attuale comportamento.
Per questi motivi, le consiglio anche io dei colloqui con un terapeuta familiare, in quanto, è tutto il contesto familiare a dover essere coinvolto nel comprendere il problema e nel trovarne le soluzioni.
Buona fortuna,
dott. Massimo Bedetti,
Psicologo/Psicoterapeuta
Costruttivista-Postrazionalista-Roma

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

27 MAR 2016

Logo Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta

669 Risposte

947 voti positivi

Gentile Federico,
le informazioni che ci dà sono assolutamente insufficienti per comprendere i motivi dell'atteggiamento oppositivo della bambina che comunque è certamente significativo di un disagio non altrimenti esprimibile.
Più che somministrare punizioni e minacce sarebbe utile approfondire dal vivo con uno psicoterapeuta la questione per trovare quanto prima le soluzioni più adatte.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo,psicologo clinico,psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

26 MAR 2016

Logo Dott. Gennaro Fiore Dott. Gennaro Fiore

6362 Risposte

17746 voti positivi

Gentile Federico,
qualche nota in prima elementare, dovuta al comportamento, ci può stare. I bambini hanno bisogno di capire il giusto atteggiamento e comportamento da tenere in una scuola nuova, con più regole e richieste. Sembra quasi che la bambina non sia stata abituata, nel percorso scolastico della scuola dell'infanzia, a seguire le piccole regole e le richieste didattiche. Non vi hanno mi riferito nulla le insegnanti? Mi viene da chiedere inoltre, al di fuori della scuola, come si comporta con voi genitori? Vi consiglio di farvi aiutare da uno psicologo della vostra zona per un eventuale parent-training. Saprà aiutarvi a colmare una lacuna educativa che si è creata probabilmente nella scuola materna. Non tutti i bambini sono "facili e mansueti" e acquisiscono le regole con facilità. Vostra figlia è fra quei bambini che nascono con un carattere più oppositivo e hanno bisogno di una gestione che richiede più sforzo e organizzazione da parte di famiglia e insegnanti.
Cordiali saluti
Dott.ssa Sabrina Fontolan

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

25 MAR 2016

Logo Dott.ssa Sabrina Fontolan Dott.ssa Sabrina Fontolan

203 Risposte

227 voti positivi

Gentile Federico, spesso i bambini piccoli ci parlano della loro "sofferenza" attraverso comportamenti poco adeguati, alle volte questo è il solo metodo che conoscono per parlare di disagi che vivono negli ambienti che frequentano di più come la scuola e la famiglia. Sarebbe importante cercare di approfondire il problema con l'intero sistema familiare e cercare di farsi un'idea se il problema è all'interno del gruppo classe o a casa. Per tale motivo consiglio di rivolgervi ad uno psicoterapeuta familiare della sua zona.
Cari saluti
Dott.ssa Barnaba - Taranto

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

25 MAR 2016

Logo Dott.ssa Barnaba Valentina - psicoterapeuta Dott.ssa Barnaba Valentina - psicoterapeuta

94 Risposte

299 voti positivi

Buongiorno Federico,
parrebbe che sua figlia , attraverso questo atteggiamento provocatorio, voglia dire qualcosa. Cosa? Perché non può trovare un altro modo di esprimere il suo malessere? Vi aiuterebbe mettere tra parentesi la punizione, che è un modo di gestire un comportamento errato, e concentrarsi sul come mai la bimba ha bisogno di trasgredire (con voi, a scuola).
Un terapeuta familiare potrebbe aiutarvi a decodificare questi messaggi.
A presto
Dott.ssa Giangregorio

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

24 MAR 2016

Logo Dott.ssa Claudia Giangregorio Dott.ssa Claudia Giangregorio

64 Risposte

29 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
ho un problema io con gli psicologi?

4 Risposte, Ultima risposta il 02 Giugno 2019

Quali competenze deve avere lo psicologo per il mio caso ?

5 Risposte, Ultima risposta il 17 Agosto 2017

Credo di avere bisogno di un aiuto, ma non sono sicura di meritarlo

2 Risposte, Ultima risposta il 13 Settembre 2017

Come devo comportarmi con questa ragazzina di 14 anni?

4 Risposte, Ultima risposta il 17 Febbraio 2016

Posso superare anche questo?

3 Risposte, Ultima risposta il 18 Dicembre 2018

Mia figlia 14 enne pretende solo i soldi

4 Risposte, Ultima risposta il 30 Agosto 2016

Mi sento come se non fossi una figlia.

2 Risposte, Ultima risposta il 12 Novembre 2018