Non puoi recarti in nessun centro?
Trova uno psicologo online
Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come posso risolvere la mia situazione con un uomo?

Inviata da Sara il 1 set 2015 Terapia di coppia

salve, ho 27 anni e frequento un uomo di 45 anni. Penso di aver trovato la persona con cui voglio seriamente condividere le mia vita, ma c'è un problema:
sono stata 8 anni con un ragazzo, ma sulla fine della relazione gli ho messo le corna invece di lasciarlo subito.
Dopo poco, invece di rimanere sola a riflettere mi sono messa con un altro ragazzo e dopo un anno e mezzo ho iniziato a fargli le corna, stavolta con diversi ragazzi.
ho raccontato tutto a quest'uomo di 45 anni e lui dice che non ho motivazioni valide per aver avuto un tale comportamento e nonostante stia bene con me, va in paranoia per il mio passato pensando che possa farlo anche con lui.
io adesso mi sento veramente diversa, ma è solo una mia illusione o veramente sono cambiata? questo pensiero mi affligge quando lui va in crisi...cosa dovrei fare?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Sara,
lei dice di sentirsi adesso veramente "diversa". E' auspicabile che per potersi sentire diversa abbia pensato tanto e riflettuto a lungo sui motivi dei suoi comportamenti precedenti e su cosa non è andato più bene che l'ha fatta interessarsi ad altri.
Se è così, cioè se è riuscita a fare da sola questa analisi trovando risposte convincenti ed esaurienti, non le resta che mettere a frutto quello che ha capito facendo le opportune verifiche nel rapporto attuale.
Se invece, cosa molto probabile, le fossero rimaste zone buie e/o di confusione le potrà chiarire grazie ad un percorso di psicoterapia che le consiglio.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio Campagna (Salerno)

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6777 Risposte

18958 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve, sicuramente ognuno di noi è in continua evoluzione sulla base delle esperienze di vita che facciamo giorno per giorno, ogni nostro comportamento riflette comunque delle dinamiche che abbiamo interiorizzato e talvolta vengono ripetute inconsciamente fino a quando non si prende piena consapevolezza di noi stessi e delle dinamiche sottostanti, ritengo che per un percorso di crescita positivo sia opportuno riflettere profondamente su noi stessi acquisendo nuove chiavi di lettura e nuovi modelli di comportamento.
cordiali saluti
Dott.ssa Alì Carmela

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara, credo che dovrebbero essere presi in considerazione diversi fattori, a cui lei fa solo cenno. In primis, la sua età, diversa nelle relazioni precedenti, le quali mi sembrano risalire anche a periodi relativi all'adolescenza, in cui le sperimentazioni amorose sono la normalità, è un certo grado di instabilità è del tutto tollerabile. Secondo poi, sembra che queste 'relazioni' non siano connotate da una specificità, e risulta quindi poco comprensibile come il suo comportamento si connotasse rispetto alla relazione stessa allora vissuta. Insomma, servirebbero maggiori elementi per comprendere il senso delle sue azioni, e una possibilità di evoluzione futura, magari cercando anche il significato narcisistico, difensivo, ecc di ciò che lei compie

Studio Psicoterapico Dottoressa Merighi Chiara Psicologo a Napoli

15 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

La domanda che io vorrei farle è: qual'è il motivo per cui ha riferito al suo attuale compagno le vicende delle precedenti relazioni?
perchè la cosa la pone inevitabilmente in una condizione abbastanza scomoda: qualsiasi cosa lei farà (o non farà) sarà portatrice di paure e "paranoie" nel partner (non risponde al telefono, messaggini, squilli ad un'ora poco solita, e cosi via).
poi: sembra che per terminare le relazioni lei abbia bisogno di ricorrere necessariamente al tradimento.
un'ultima domanda: da cosa si accorge che effettivamente lei è "diversa"? diventare diversi è possibile a patto di intraprendere un percorso per cambiare.
sono domande di pura curiosità.
un saluto.
Dott. Giovanni Ruggiero

Giovanni Ruggiero Psicologo a Pescara

9 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

La questione principale sembrerebbe essere il perché lei sia ricorsa al tradimento per chiudere le relazioni precedenti. Ma è necessario che lei sia consapevole dei significati che il tradimento ha per lei. Lo usa per dirsi che la storia è davvero finita? Lo usa per vendicarsi di qualcosa che i suoi partner hanno fatto? Vi ricorre quando la storia prende una piega particolare, ecc...? Come vede i motivi potrebbero essere tanti e capire il suo vero motivo è il primo passo da compiere.
Va detto inoltre che è comprensibile che il suo compagno voglia essere rassicurato ma la questione dei suoi comportamenti passati potrebbe non essere l'unica sua paura. Lei infatti ci parla di una differenza di età notevole, ad esempio.
Per questo consiglio delle consulenze psicologiche di coppia presso uno psicologo.
Dott.ssa Anna Patrizia Guarino - Psicologa, Roma.

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Psicologo a Ardea

197 Risposte

247 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Gentile Signora, lei potrebbe intraprendere un percorso di terapia individuale per riflettere sulle sue storie passate, la difficoltà avuta a essere sincera e i motivi che l hanno spinta a tradire. Oppure vista la natura del problema affrontare un percorso di coppia in cui potrete definire obiettivi comuni e accrescere fiducia e intimità. Resto a disposizione cordiali saluti.

Dott.ssa Silvia Rotondi Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Roma

125 Risposte

40 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Sara
dalle sue parole mi sono fatta l'idea che siete entrambi, lei e il suo compagno, profondamente bisognosi di certezze. Non che ci sia in questo nulla di male però penso che per stare bene con se stessi e con gli altri bisognerebbe venire a patti con l'idea che nelle relazioni non si può eliminare del tutto l'Incertezza.
Lei in passato ha tradito e dice di aver compreso i motivi per cui lo ha fatto. Questo è un buon inizio per non ripetere lo stesso schema. I suoi tradimenti avevano a che fare con la ricerca di certezze?
E il suo compagno dovrebbe in modo analogo focalizzare e accettare (non è facile) che fidarsi implica proprio la rinuncia alle certezze....
Imparare a tollerare la possibilità che possano succedere cose che sfuggano al proprio controllo mi sembra possa essere una buon sentiero su cui incamminarsi, sostenendosi a vicenda.
Un caro saluto
Dott.ssa Stefania D'Antuono

Dott.ssa Anna Stefania D'antuono Psicologo a Venezia

141 Risposte

475 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Sara, visto che ha riflettuto può provare a spiegare al suo compagno in cosa si sente diversa e cambiata, cosa l'ha spinta allora a tradire i suoi compagni e perché ora non lo farebbe più.
Credo però che ci sia un'altro aspetto su cui la inviterei a riflettere, magari con l'aiuto di uno psicologo. Quando non si sta bene con una persona si può lasciarla solo se si può tollerare l'idea di poter stare soli. Lasciare una persona significa perdere tutte le sicurezze che un rapporto di coppia, pur insoddisfacente da, viceversa tradire significa rimanere ancorati alle certezze, cercando compensazioni ad un rapporto insoddisfacente altrove. Insomma tradire permette di salvare capra e cavoli.
Da quello che scrive pare che lei non sia mai stata sola, come mai nella sua vita non è riuscita a rinunciare a un rapporto insoddisfacente?

Studio di Psicologia Franciacorta - Monica Mazzini Psicologo a Provaglio d'Iseo

12 Risposte

6 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Ognuno di noi ha un passato fatto di esperienze, scelte, errori che spesso ci permettono di crescere e di migliorare non dovrebbero diventare uno "stigma" con il quale veniamo condannati. Provi a confrontarsi con il suo compagno sul presente della vostra relazione per verificare che non ci siano eventuali insoddisfazioni o paure non condivise, a volte focalizzarsi sul passato è solo un modo per non occuparsi del presente.

Dott.ssa Sabrina Camplone Psicologo a Pescara

3 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara,
scrive di essere cambiata e di essere diversa. Cosa intende? come si sente cambiata? in cosa si sente diversa?

Un tradimento è molto spesso causato da bisogni non soddisfatti, quindi potrebbe chiedersi se nelle sue storie passate sia accaduto che lei non si sentisse soddisfatta.
Noto, inoltre, che il primo tradimento avvenne dopo diversi anni di relazione quindi non la si può definire una traditrice. Qualcosa accadde a modificare gli equilibri di coppia.

Questo è un argomento da affrontare con il tuo compagno attuale che, forse, teme di non essere scelto e di poter essere facilmente sostituito e non nota che le sue paure suscitano in ei imbarazzi, sensi di colpa e la frustrazione di non saper dimostrae di essere diversa.

Se questo aspetto rende difficoltosa la vostra quotidianità e rischia di guastare la vostra storia, sarebbe utile una consulenza psicologica di coppia.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2041 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16000

psicologi

domande 20700

domande

Risposte 80350

Risposte