Come posso placare la mia ansia?Sto molto male...

Inviata da Valeria · 14 dic 2020

Buongiorno, sono una ragazza piuttosto giovane,ho 23 anni,e ho da sempre ansia eccessiva,un'ansia ingiustificata e immotivata.Sin dalla scuola materna.E a quest'ansia si aggiunge un carattere timido e chiuso,che mi ha sempre impedito di avere amicizie. Ho avuto e ho attualmente solo una relazione sociale,e questo contatto con l esterno è costituito dal mio fidanzato (l'unico che abbia mai avuto e a cui sia mai piaciuta)di 56 anni.Lui mi accetta anche con la mia ansia e con la mia timidezza. È pure la sola amicizia che ho.Ovviamente i miei sono all'oscuro di tutto,mi impedirebbero di vederlo se lo sapessero e tornerei ad essere completamente sola,come è sempre stato.Comunque da settembre si è scatenato l'inferno...la mia ansia è peggiorata....mi rende un incubo persino deglutire(fatico a utilizzare il muscolo della deglutizione, da un mese circa) e persino ad orinare,e da una settimana ho pure la sensazione di stare per svenire, che non avevo da 7-8 anni ormai( a parte un rarissimo episodio di 2 anni fa circa,in cui mi è ricapitata questa sensazione). Sto tanto male...questa estate non stavo così, e nemmeno prima del lockdown.Va malissimo. Come posso calmare la mia ansia eccessiva?Ansia immotivata poi.Non lavoro,nè studio,quindi per cosa dovrei essere in ansia? sono disoccupata da sempre. Ma ho avuto un brutto passato.Bullismo per 5 anni alle elementari,tutti i giorni,da parte dell'insegnante,più 2 anni di bullismo alle superiori. E a 16 anni ho mollato la scuola a causa di esso,degli atti di bullismo.Ero bullizzata tutti i giorni, pure con mani addosso,a causa del mio carattere timido. È stato sempre uno schifo.Poi dopo aver mollato la scuola, mi sono chiusa in casa per anni,senza avere contatti col mondo esterno(massimo uscivo giusto coi miei un ora o 2 in tutta la settimana).Poi a 20 anni mi sono decisa a prendere la patente,ma non ho mai trovato nessun tipo di lavoro.. Da automunita avrei potuto spostarmi con facilità, e invece nulla. Massimo ho giusto aiutato a casa mia nel lavoro dei campi e basta (mio padre è agricoltore e io aiuto qui da anni).Ho trovato il mio compagno grazie al web,ed è l'unica persona a cui sia mai piaciuta. Non ne sono innamorata,sinceramente, ma è una brava persona e gli voglio molto bene.E poi un pò mi piace,sennò non riuscirei a starci,se mi facesse schifo.È il primo uomo di tutta la mia vita.L'unico momento "emozionante" della settimana è quando lo vedo,sto bene con lui..a parte per l'intimità. Non mi piace il sesso,ho scoperto.Ma a lui va,quindi devo farlo,sennò probabilmente mollerebbe pure il rapporto di amicizia,oltre che il fidanzamento mi sa,cioè a volte mi fa di "farlo", ma raramente, poco spesso. E ritornerei sola totalmente se glielo dicessi. E non voglio.
Scusate se mi sono dilungata troppo, ma volevo spiegarvi un pò la mia situazione in generale.Perché non sò più come fare....ho 7-8 problemi, tra problemi a deglutire,orinare, sensazione di svenire,difficoltà a masticare e pure impulsi spiacevoli +una fissa sul battito cardiaco.Sono piena di problemi e non so come fare.Mi sembra che vada sempre peggio...Da cosa potrebbe derivare poi quest'ansia eccessiva?e come posso fare per stare un pò meglio?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 15 DIC 2020

Buongiorno Valeria, quello che descrive sembrerebbero attacchi di panico, per capire l'origine bisognerebbe fare un lavoro su di sé in modo da capire quale significato ha per lei questo sintomo. Ha fatto degli esami clinici in modo da escludere altre problematiche fisiche?
Il periodo di lockdown ha sicuramente intensificato le problematiche di molti, soprattutto legate all'ansia, ma non solo. Sarebbe utile per lei, per imparare a gestire questi stati, di dedicarsi a degli esercizi di respirazione profonda ed esercizi di rilassamento (da apprendere quando è calma), in modo da metterli in atto nel momento in cui sente crescere l'agitazione.
Per chiarimenti, resto a disposizione,
Dott.ssa Antonella Bascià

Dott.ssa Antonella Bascià Psicologo a Milano

136 Risposte

91 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 DIC 2020

Cara Valeria, bisogna dare un nome a questa ansia, darLe un significato, trovandone l'origine. L'origine, la causa è dentro di Lei. Bisogna che venga elaborata, per capire come gestirla e ripararla, per sviluppare le risorse per superarla e sentirsi, man mano, sempre meglio. Si affidi ad un percorso psicologico che possa accoglierLa e contenerLa, elaborando con Lei i Suoi vissuti, per renderLa consapevole di se stessa, delle Sue emozioni, modificando le componenti interne che Le creano sofferenza. In questo modo potrà approcciarsi in maniera adeguata a Lei stessa e al mondo circostante, investendo solo su ciò che Le darà benessere, senza doversi piegare a ciò che infondo non desidera!
Le auguro tanta buona fortuna e serenità!
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1615 Risposte

873 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 30050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18850

psicologi

domande 30050

domande

Risposte 102350

Risposte