Come posso gestire questa situazione?

Inviata da Federica · 20 set 2017 Terapia di coppia

Gentili dottori, sono stata fidanzata 6 mesi. Ho sempre avuto una gran paura delle relazioni, a causa di un'infanzia difficile che mi ha portata ad alzare un muro, ogni volta che iniziavo un rapporto amoroso. Sono una persona abbastanza cinica e la paura di essere ferita, mi porta a mostrare questo lato del mio carattere, molto spesso. Ho raccontato a lui molte cose del mio passato, due mesi dopo averlo conosciuto. Perchè mi fidavo e mi fido ancora. Lui, prendendo molto a cuore la cosa, ha deciso di impegnarsi per buttarlo giù quel muro, a ogni costo. Non aveva considerato i miei tempi, forse e la mia capacità di farlo da sola, piano piano. Ad agosto, a causa di ferie e imprevisti familiari, siamo stati lontani quasi un mese. Al telefono gli avevo detto che volevo impegnarmi di più in questo rapporto e lui ne era felice. Poi due settimane fa, quando ci siamo rivisti, mi ha lasciata. Mentre io mi aprivo sempre di più, lui si allontanava da me. Ha detto di volermi bene ma di sentirsi emotivamente eroso, di non riuscire a fidarsi di me in questo momento, a causa del distacco mostrato in questi mesi (maledetto lato cinico!) . Di avere paura di soffrire e di farmi soffrire. È un ragazzo molto sensibile.
Quando ci siamo lasciati, ha pianto e mi ha tenuta abbracciata per ore, prima di lasciarmi andare, poi mi ha detto: "tu sei forte, io so già che fra una settimana starai bene e mi avrai dimenticato, mentre io starò ancora male". Perché una persona che ti lascia, reagisce così male?
Mi sento triste, provo sentimenti forti per lui e ho ancora intenzione di continuare la nostra storia. Per me è la persona ideale con cui fare progetti importanti e mi fa stare male, sapere che ha deciso di lasciarmi mentre io mi sentivo finalmente pronta.
Vorrei scrivergli prossimamente, per provare a riparlarne, quando mi sentirò più calma. Forse dovrei abbandonare l'idea, rischio di fargli ancora più male?
Grazie per l'attenzione

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 21 SET 2017

Gentile Federica,
mi pare che al momento anche se siete in due a soffrire la persona che si sta facendo più male è proprio lei.
Mi sembra che il suo fidanzato l’abbia lasciata proprio quando lei gli aveva detto di volersi impegnare di più nella relazione. Probabilmente è lui che ha ancora maggiori difficoltà di lei a stare in relazione: infatti le è stato vicino tutto il periodo in cui lei manteneva le distanze mentre non ha retto adesso che era pronta ad avvicinarsi di più. Non ho dubbi circa la di lui estrema sensibilità e paura di soffrire. Credo sia proprio questo il punto; probabilmente siete arrivati a una situazione in cui il livello di coinvolgimento è per il suo ragazzo pericoloso e fonte di ansia e paure. Non credo sia stato il suo precedente cinismo ad allontanarlo ma il suo attuale avvicinamento. Vorrebbe stare con lei ma non è capace di fidarsi e stare in relazione e tanto più la sente vicina tanto più si sente coinvolto e ha paura. Credo sia questo il meccanismo legato a uno stile di attaccamento evitante. Stile di attaccamento che sembra essere anche il suo seppure manifestato in modalità differente.
Credo che vedere le proprie modalità di stare in coppia e di scelta del partner possa esserle d’aiuto sia se la relazione con questo ragazzo dovesse avere un seguito, sia per future relazioni.
Se vuole posso offrirle maggiori delucidazioni o chiarimenti
Buona giornata

Dott.ssa Lucia Rinaldi

Lucia Rinaldi Psicologo a Roma

94 Risposte

161 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 SET 2017

Gentile Federica,
È davvero importante per lei aver iniziato a buttare giù questo muro, ci vorrà ancora un po' di tempo...ma vedrà risultati.
Questo ragazzo forse davvero sensibile necessità di una pausa di riflessione, nel frattempo lei non perda tempo e inizi un percorso psicologico che possa aiutarla ad aprirsi nella relazione ed essere meno diffidente.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2757 Risposte

2281 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 SET 2017

Salve Federica,
a leggere le sue parole ho pensato sinceramente che forse sotto sotto anche questo ragazzo possa avere le sue stesse difficoltà a vivere una relazione in cui si è da entrambe le parti al 100%. Immagino che questa affermazione possa spiazzarla o sbalordirla, per questo può essere utile riflettere un attimo sulla tempistica degli avvenimenti. Quando vi mettete insieme, lei è con il muro alzato e lui si prodiga per lei. Successivamente, quando lei si dice pronta a esserci pienamente lui la lascia. E' stato questo a farmi pensare che forse anche lui abbia paura di una relazione "piena". Dopo tutto, lui l'ha scelta quando lei aveva ancora i suoi paletti...
Sul da farsi, credo che piuttosto che aspettare lui o meno, dovrebbe concentrarsi su se stessa. Potrebbe usare questa situazione e la sofferenza che sicuramente sta provando per affrontare questa sua paura delle relazioni, antica come lei stessa ammette. Se si rivolgesse a un collega potrebbe sicuramente essere sostenuta in questo momento difficile e capire qualcosa di più di se stessa che possa poi portarla SICURAMENTE a vivere relazioni sentimentali profonde e appaganti. Se sarà con lui o meno, sarà il tempo e la sua crescita personale a deciderlo! Abbia fiducia nella sua vita!
Rimango a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Con profondo rispetto,
Dott.ssa Giovanna Susca - Bari e Barletta

Dott.ssa Giovanna Susca - Psicoterapia, Psicologia dello Sport Psicologo a Barletta

70 Risposte

97 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 SET 2017

Salve Federica,
a leggere le sue parole ho pensato sinceramente che forse sotto sotto anche questo ragazzo possa avere le sue stesse difficoltà a vivere una relazione in cui si è da entrambe le parti al 100%. Immagino che questa affermazione possa spiazzarla o sbalordirla, per questo può essere utile riflettere un attimo sulla tempistica degli avvenimenti. Quando vi mettete insieme, lei è con il muro alzato e lui si prodiga per lei. Successivamente, quando lei si dice pronta a esserci pienamente lui la lascia. E' stato questo a farmi pensare che forse anche lui abbia paura di una relazione "piena". Dopo tutto, lui l'ha scelta quando lei aveva ancora i suoi paletti...
Sul da farsi, credo che piuttosto che aspettare lui o meno, dovrebbe concentrarsi su se stessa. Potrebbe usare questa situazione e la sofferenza che sicuramente sta provando per affrontare questa sua paura delle relazioni, antica come lei stessa ammette. Se si rivolgesse a un collega potrebbe sicuramente essere sostenuta in questo momento difficile e capire qualcosa di più di se stessa che possa poi portarla SICURAMENTE a vivere relazioni sentimentali profonde e appaganti. Se sarà con lui o meno, sarà il tempo e la sua crescita personale a deciderlo. Abbia fiducia nella sua vita!
Rimango a disposizione per ulteriori chiarimenti.
Con profondo rispetto,
Dott.ssa Giovanna Susca - Bari e Barletta

Dott.ssa Giovanna Susca - Psicoterapia, Psicologia dello Sport Psicologo a Barletta

70 Risposte

97 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 SET 2017

Gentile Federica,

certamente, da queste poche frasi, non si può essere esaustivi, tuttavia nel suo racconto ci sono alcune questioni sulle quali potrebbe riflettere, perché le serviranno per conoscere davvero se stessa, le emozioni e i sentimenti che prova realmente.

Le cose che le ha detto questo ragazzo sembrerebbero essere un modo per scaricarsi dalla responsabilità di farla soffrire. Nel dire che Lei "è forte e non soffrirà", si è assicurato di non sentirsi in colpa per averla lasciata.

A parte la mancata responsabilità delle conseguenze della sua azione, questo ragazzo le ha detto "chi è Lei" e "come deve sentirsi" e, francamente, questo è il punto più pericoloso che vedo nella vicenda.

Chi è Lei, quali emozioni può provare nell'essere lasciata, ecc... non è qualcosa che qualcun altro può dirle. E' sua la vita, suo è il dolore e sue sono le emozioni che prova. Non lasci che qualcun altro le dica chi è e cosa dovrebbe provare.

Questa immagine di se stessa che le ha dato il suo ex è pericolosa perché potrebbe confermarle l'idea di essere "cinica", come Lei stessa già si definisce. Ma potrebbe essere solo un modo con cui un ragazzo si assicura di non sentirsi in colpa.

Non si prenda tutte le responsabilità sulle sue spalle. Cerchi invece di analizzare meglio il vero perché è finita, per poi cercare di ricominciare quando conoscerà un'altra persona.

Cordiali saluti.

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Psicologo a Ardea

197 Risposte

271 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 SET 2017

Gentile Federica,
la decisione del tuo fidanzato di lasciarti è stata sicuramente sofferta, vista la sua sincera commozione.
Forse si è spaventato di intraprendere una relazione, con una persona come tu stessa affermi, un po' rigida e incapace di manifestare i propri sentimenti quando sorgono ostacoli, come un momentanea lontananza.
Valuta l'opportunità di un percorso psicologico che ti permetta di elaborare quei vissuti infantili che ti hanno portato ad innalzare e difese e nascondere la tua vera identità.
Se rendi partecipe il tuo ragazzo di questa decisione, può darsi che ti rimanga vicino in attesa di cambiamenti positivi nelle tue dinamiche relazionali.
Tantissimi auguri!
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1359 Risposte

1248 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 SET 2017

Gentile Federica,
all'inizio di una storia si hanno spesso tante speranze e poche certezze. Credo però che quello che sia importante è che lei sia riuscita ad aprirsi un po' di più. Per entrare in relazione con gli altri, amici, familiari o fidanzati, è indispensabile mettersi in gioco e investire tempo, emozioni e progetti. Comunque vada, quando facciamo ciò abbiamo la possibilità di conoscerci, oltre che di farci conoscere, e capire se stiamo bene o male in quella situazione è l'indicatore per proseguire o modificare qualcosa. Sentirci è la parola chiave, se quello che sente è una difficoltà ad ogni nuovo approccio con un potenziale fidanzato le consiglio di affrontare il suo vissuto con uno specialista. Rispetto alla situazione specifica non posso darle un consiglio, quello che le posso dire è che se lei lavorerà su sé stessa per acquisire più fiducia e sicurezza le occasioni per incontrare un compagno di vita non le mancheranno.
I migliori auguri!
Dr.ssa Sabrina Burato
Psicologa

Dott.ssa Sabrina Burato Psicologo a Pordenone

21 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 SET 2017

Gentile Federica,
credo che questo ragazzo sia stato sincero con te ed effettivamente si sia spaventato per il tuo carattere e la tua struttura rigida di cui sembri essere consapevole.
Personalmente ritengo che la tua idea di lasciar passare un pò di tempo e poi ricontattarlo per vedere che aria tira sia buona e che puoi avere qualche chance in più se lo informi che hai deciso di intraprendere un percorso di psicoterapia (cosa veramente da fare!) per farti aiutare da un professionista qualificato in modo da non sovraccaricare e spaventare quello che dovrà essere il tuo ragazzo.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7339 Risposte

20669 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18000

psicologi

domande 27700

domande

Risposte 95400

Risposte