Come posso capire se la mia ragazza mi ama ancora?

Inviata da Simone · 2 set 2019

Sono fidanzato con una ragazza, mia coetanea di 21 anni, da 5 anni e dal primo giorno che l'ho vista l'ho amata e continuo tutt'ora ad amarla come allora. Non sono sicuro invece per quanto riguarda lei: è da due anni che sono in dubbio sul suo amore nei miei confronti e continuo a scervellarmi per capire cosa possa essere andato storto. Ci sono alcuni suoi comportamenti che me la fanno sentire più fredda, distante, non la sento vicina come prima. Lei ovviamente dice di amarmi e di volermi bene, ma io non ci dormo la notte per i dubbi, che mi opprimono.
Ho notato, per esempio, che sembra quasi infastidita quando cerco di approcciarmi a lei: sono un tipo molto "affettuoso", diciamo, ricerco molto in contatto colla mia metà e spesso mi viene spontaneo darle baci, abbracciarla e accarezzarla, perché adoro lei in tutta la sua persona. Ma quando mi avvicino per queste cose lei mi rifiuta sempre, quasi schifata o infastidita dai baci, che si fa dare solo sulla guancia e in casi rarissimi sulle labbra. I baci colla lingua ce li siamo dimenticati da un pezzo, ahimè! Non solo: anche il rapporto sessuale è cambiato. Ben inteso, non considero il sesso solo lo sbattere delle carni, perché per quello potrei andare in macelleria; le ho sempre esplicitato che per me fare l'amore è il supremo gesto di amore e affetto che provo per lei. Nei primi tempi capitava più frequentemente di farlo (una volta ogni 6 mesi circa), mentre ora è da quasi tre anni che non ci tocchiamo nemmeno più, o le numerose volte che ci provo lei mi respinge sempre, o perché d'estate fa caldo, o perché è sempre impegnata col cellulare in mano, o perché le do fastidio, o altro. Da premettere che le ultime volte che facevamo l'amore, dopo un'infinità di tempo, diceva che aveva dolori lì e dopo poco smettevamo di farlo, perché lei era troppo dolorante, il che mi dispiace, sia per me sia per lei, perché mi piacerebbe poter fare qualcosa ma mi sento impotente.
Tutti i suoi rifiuti mi fanno stare davvero male, perché non mi fanno sentire me stesso e soprattutto mi confermano che lei non si comporta come si comportava all'inizio della nostra relazione, in cui tutto era meraviglioso, pur avendo vissuto una relazione a distanza per tre anni (io a Milano, lei a Trapani). Altre cose che ho notato in questi anni si trovano nei suoi comportamenti: ad esempio, mentre lei può uscire colle sue amiche, ogni tanto, io all'università non posso nemmeno approcciarmi a qualche ragazza (essendo la mia facoltà composta al 99% da ragazze), non per rimorchiarla, ci mancherebbe, ma per magari stringere conoscenze o se capita amicizie, che già lei si arrabbia se lo viene a sapere e mi dice che voglio tradirla e che voglio andare a fare sesso con altre, cosa che non è per nulla vera e pur avendoglielo detto lei non si convince. Risultato mi ha consigliato di iniziare a farmi amicizie maschili: in facoltà saremo tipo in 10 maschi in totale, contro migliaia di ragazze. Oltre alla vita sociale è riuscita ad annichilirmi anche tutti i miei hobby, solamente perché a lei non piacciono e la annoiano e se li pratico si arrabbia con me perché passo quel tempo non con lei.
Si arrabbia anche per cose inutili, vedo che si esaspera, probabilmente sarà anche colpa dell'università cui è sottoposta che le porta via davvero tanto tempo e la prosciuga e io come posso cerco di aiutarla, per esempio aiutandola per lo studio, la aiuto a ripetere per gli esami, le vado a fotocopiare le dispense o gli appunti che le servono, la accompagno regolarmente o quasi, a seconda dei miei orari universitari, in università, etc. Da parte mia non capisco se sto sbagliando qualcosa, perché attenzioni gliene do giornalmente e anche tante: la aiuto in qualsiasi cosa ci sia da fare in casa, ogni volta che lei mi chiede qualcosa ci sono sempre per lei, sempre disponibile, cerco sempre di sostenerla quando ci sono delle situazioni che la fanno stare male e la consolo come posso, cercando di farla ragionare. Io capisco che sia una situazione non molto bella ma è da anni che mi interrogo su come risolverla ma vorrei qualche consiglio da qualche esperto. Io sento di amarla come la amavo 5 anni fa, per lei invece sento che mi ama diciamo sporadicamente, quando vuole lei e per la maggior parte del tempo la avverto fredda, come se mi rifiutasse sempre perché le dà sempre fastidio qualcosa in ogni momento. Però, quando ha voglia lei, ogni tanto, di farmi qualche carezza o stare con me lo fa, ma per esempio sono sempre io che le devo chiedere se mi possa dare un bacio, perché lei non lo fa mai, anche se prima era un continuo stare attaccati. Forse, come spiegazione, può essere anche addotto il fatto che lei per l'università si è trasferita a Milano da me, quindi abbiamo iniziato a vivere un rapporto di routine, probabilmente, perciò forse in lei si è instaurato una sorta di "amore per inerzia", cioè mi ama perché mi deve amare per l'apparenza, ma mi sembrerebbe una cosa orribile per due ventenni, che dovrebbero pensare solo a godersi la vita e vivere ogni momento al massimo delle proprie possibilità. Io in questo periodo non mi sento un ventenne pieno di vita, mi sento un prete casto dal punto di vista sessuale e un vecchio dal punto di vista affettivo, perché c'è troppo poco contatto, è una cosa che mi fa davvero stare male.
Mi piacerebbe che la nostra relazione tornasse attiva come un tempo, io la amo da morire e sento che anche lei in fondo mi ama, ma non so perché non riesca o non voglia dimostrarlo. Escludo totalmente l’idea che abbia un altro, perché siamo sempre insieme e non vedo come possa trovare tempo di frequentare un altro ragazzo; non capisco perché, però questo fastidio nei miei confronti. Io capisco che alla fine solo un confronto con lei potrà svelarmi se ci sia qualche fastidio che le procuro io o se è invece l’università che la prosciuga così, anche se mi pare troppo esagerato. Da un lato sentirei che lasciarla significherebbe farmi una vita di nuovo, ma dall'altro lato so che soffriremmo entrambi moltissimo. Ma prima di allora mi piacerebbe ricevere qualche consiglio a riguardo. Ringrazio chiunque mi risponderà.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16500

psicologi

domande 22900

domande

Risposte 84100

Risposte