Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come posso aiutare una persona che ha perso la voglia di vivere?

Inviata da Felicity · 13 giu 2016 Crisi esistenziale

Salve,
volevo esporvi i problemi mentali e fisici che sta avendo mio fratello, soprattutto in questi ultimi anni. Da ragazzo spensierato e allegro circondato da amici, cui era un tempo, si è trasformato in in un uomo, di soli 25 anni, depresso e lunatico. Il suo umore cambia molteplici volte nel corso di una sola giornata. Appena sveglio è sempre una bomba ad orologeria: risponde male a tutti, urla, emana chiaramente forte rabbia. Dopo un po' di tempo gli passa e diventa alquanto gestibile e torna ad essere socievole e sorridente. Ma questa, solitamente, è una maschera che si tiene addosso quando la situazione lo richiede, soprattutto in ambito lavorativo. Nel tempo libero gioca d'azzardo, fattore che gli sta creando gravi problemi famigliari per via delle grosse perdite finanziarie. Tutto denaro che si è procurato rubandoli dalle "tasche" dei nostri genitori; azione che ha compiuto più e più volte e non accenna a fermarsi. Le liti che sono nate tra di loro, dopo che i nostri genitori sono venuti a conoscenza dell'atto di mio fratello, sono numerose. Lui con me solitamente si confida e sostiene che il suo cambiamento è dovuto principalmente a questi fattori:
-al suo allontanamento graduale dalla maggior parte dei suoi amici dopo il nostro trasferimento in un'altra città (avvenuto 4 anni fa)
-la perdita di fiducia nei confronti del suo migliore amico, dopo che quest'ultimo l'ha tradito con la sua ragazza
-il senso di non essere mai stato amato, o dall'aver mai ricevuto una sensazione di affetto, dai nostri genitori fin dall'infanzia
-il gran carico di responsabilità nei suoi confronti, dopo che un incidente è avvenuto a nostro padre un paio di anni fa (non letale)
-l'essere rimasto ormai " solo"
Tutto ciò ha provocato:
- il suo totale menefreghismo per tutto e per tutti
- l'assunzione di sostanze che non dovrebbe
- il non riuscire a smettere di spendere quantità eccessive di denaro
- disturbi alimentari (rischia l'obesità e il diabete)
- forte depressione
- attacchi di rabbia
- la perdita di voglia nel curare sé stesso
- pensieri suicidi (per fortuna non ha provato a far nulla. So con certezza che è grazie al suo senso di dovere,quel poco che gli è rimasto, nei nostri confronti.)
- disagio e continue discussioni all'interno del nucleo famigliare
La situazione sta diventando ormai ingestibile e non sappiamo più come fare. L'opzione di vedere un psicologo non è facile perché lui non è una persona che si confida con chiunque. Vi chiederei per favore di darmi una vostra opinione, o dei consigli, su tutto ciò perché io non riesco più a vederlo in questo stato.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 GIU 2016

Cara Felicity,
la sua preoccupazione è comprensibile e dimostra grande affetto verso suo fratello, che sta attraversando davvero un momento difficile. L'unico modo che questo ragazzo ha per uscire da questo stato , che rischia di divenire veramente autodistruttivo e distruttivo per le persone che ama, è iniziare al più presto una psicoterapia. Da ciò che dice , si percepisce una grande sofferenza che il suo congiunto con molta probabilità si porta dietro da molto tempo (ricordi che spesso dietro la rabbia c'è solo il dolore) , ciò non deve però indurre la famiglia a comportamenti troppo indulgenti , poichè i problemi che probabilmente si sono accumulati nel tempo, hanno prodotto in suo fratello un discontrollo degli impulsi , forse anche a causa dell'uso di "sostanze" cui fa riferimento. Se c'è dolore e questo si è accumulato nel tempo, esso va elaborato, così come deve essere analizzato con cura il romanzo famigliare e personale e le dinamiche intrapsiche che hanno determinato questa complessa situazione .
Consiglio vivamente una terapia ad indirizzo psicoanalitico che scavi in profondità nella psiche del ragazzo e che consenta una relazione correttiva rispetto a quelle vissute fin'ora in famiglia. Purtroppo le dipendenze, sono forme psicopatologiche abbastanza serie e comportano un grande impegno e motivazione per essere superate.
CON I MIGLIORI AUGURI
CORDIALI SALUTI
DOTT.SSA GIUSEPPINA CANTARELLI
PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA
PSICOANALISTA JUNGHIANA
PARMA

Dott.ssa Giuseppina Cantarelli Psicologo a Parma

191 Risposte

645 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Vedere più psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Altre domande su Crisi esistenziale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16350

psicologi

domande 22400

domande

Risposte 83450

Risposte