Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come posso aiutare una persona cara a superare i suoi blocchi emotivi/mentali?

Inviata da Rachele il 14 mar 2018 Orientamento scolastico

Buongiorno.
Una persona a me molto cara ha un problema ed io vorrei poterlo aiutare. Il problema principale è che questa persona ha il blocco universitario. Non inteso che non riesce a passare gli esami, ma inteso come "non ci si mette proprio". Mi spiego meglio: è una persona brillante, molto capace e molto intelligente. Va a tutte le lezioni universitarie, è diligente e molto in gamba, davvero. Il problema è che non si misura con la realtà, ma si ritrae ogni qual volta sia necessario mettersi in gioco. L'università è l'ambito più lampante in cui questo avviene (segue tutti i corsi e poi non si prepara agli esami), ma in realtà questo atteggiamento riguarda più aspetti della sua vita privata. Credo fortemente nel sostegno psicologico, ne ho parlato anche con lui ma non penso sia pronto ad affrontare questa possibilità. Vorrei pian piano portarlo verso questa direzione senza obbligarlo, metterlo in difficoltà, farlo sentire inetto ecc. Vorrei fargli capire che i sensi di colpa non sono salutari, e che deve ripartire ogni giorno facendo tesoro del piccolo passettino che ha fatto in qualsiasi campo. Il problema è che inizia 1000 attività, eccelle in tutte, e poi le molla. Non porta a compimento una sola cosa. Vive nel suo mondo ovattato e le persone a lui care credono lo aiutino nel modo peggiore: proteggendolo sin troppo a volte o aggredendolo perché "non fa niente". Il problema non è che è svogliato, tutt'altro. Ma davvero ha difficoltà a mettersi in gioco, nel senso più profondo. Come dovrei comportarmi per offrirgli un supporto? Mi piacerebbe partire dall'università, perché lì anche lui è cosciente di avere un problema e dice che non sa come fare per ripartire. Vi ringrazio moltissimo!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Rachele,
pur non comprendendo dal tuo scritto la natura del rapporto con questo ragazzo, è comprensibile la tua volontà di fornirgli un sostegno ed un aiuto concreto. Tuttavia, è molto complesso essere di supporto per persone che non sono pienamente consapevoli di quella che potrebbe essere la natura delle loro criticità. Un sostegno di tipo Psicologico sarebbe sicuramente indicato, deve però poter essere lui a sceglierlo liberamente e consapevolmente. Per tale ragione ciò che tu potresti fare è stargli vicina, coltivando questo rapporto non essendo ossessionata dal voler aiutare questo ragazzo a tutti i costi, ma parlandogli onestamente manifestandogli la tua vicinanza e restando disponibile a cogliere delle sue eventuali richieste di aiuto e sostegno.

Cordialmente,
Dott. Colamonico Damiano

Dott. Damiano Colamonico Psicologo a Torino

643 Risposte

1116 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15700

psicologi

domande 19800

domande

Risposte 79150

Risposte