Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come posso aiutare mio figlio a fidarsi di sè

Inviata da Alessandra il 15 feb 2017 Psicologia sociale e legale

Buongiorno, sono la mamma di un adolescente div15 anni. Da bambino è stat irrequieto a seguito della separazione disastrosa tuttora in atto (10 anni)tra me e il padre. il padre si è rifatto una vita è nato un fratellino ma nulla era statspiegato a mio figlio. La psicologa lo aiutò a superare quel momento. Ora in prima liceo emerge una chiusura ed eccessiva preoccupazione per la scuola e tutto ciò che è nuovo. Studia tanto, ottimi voti ma vuole cambiare scuola perché dice che sarebbe meno preoccupato. I prof mi sconsigliano ciò. Io credo che il problema scuola sia un finto problema: in realtà i compiti e tutto quello studio gli servono come alibi per non vivere, per non uscire. Ha iniziato una terapia da una psicologa da poco tempo. Il padre come sempre dice il contrario di ciò che dico io e lo spinge a cambiare scuola. È confuso e nonostanta gli abbia detto che la scuola non è un problema, spiegato più volte le cose, mi tormenta. Nel litigio con me vuole trovare sicurezza alle sue confuse idee. Cosa devo fare? Io e il padre nemmeno ci salutiamo. La sorella convive e non mi aiuta a sostenerlo., pur avendo fatto il liceo. Lui ha pochi amici, è timoroso, ansioso. Anche io lo ammetto. Aiutatemi vi prego

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Alessandra, 15 anni sono un'età difficile per chiunque, un cambiamento fisico e mentale che si scontra con il bambino che è stato fino a poco prima. La condizione del divorzio certo non aiuta, ma la mancanza di coesione nelle decisioni educative è un motivo di disorientamento aggiuntivo. Il mio consiglio è quello di creare un clima accogliente in cui suo figlio possa sentirsi capito e al sicuro, magari ritagliare uno spazio con il suo ex marito per dare al ragazzo un punto di riferimento solido che nonostante la crescita ci sarà sempre. Ora più che mai il modello di riferimento maschile è necessario per accompagnare suo figlio nell'adolescenza, con la sua approvazione e sostegno. So quanto sia difficile, potrebbe anche lei rivolgersi ad uno psicologo di zona per il sostegno adeguato al difficile momento della sua vita.
Saluti, Dott.ssa Anna Rita Marchi

Dott.ssa Anna Rita Marchi Psicologo a Cagliari

40 Risposte

20 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia sociale e legale

Altre domande su Psicologia sociale e legale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19250 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19250

domande

Risposte 78200

Risposte