Come organizzare al meglio le sedute?

Inviata da Rere · 7 gen 2019

Dopo del tempo passato in terapia presso il ssn mi sono spostata privatamente con la stessa terapeuta (sono tre anni in cui sono in terapia) Per il momento devo ancora abituarmi al nuovo setting (ambiente, mancanza di barriere tra me il terapeuta, orari diversi, il pagamento). A parte la mia paura di non avere abbastanza soldi per riuscire a operare ogni mese le sedute (credo che sia un pensiero abbastanza normale nel passaggio da pubblico a privato) la cosa che mi preoccupa di più è fare in modo che ogni settimana io impari qualcosa in terapia o mi presenti con gli argomenti adeguati. Non dico che in passato non ho avuto progressi, ma molto spesso mi sono concentrata solo su una cosa trascinandomela per mesi oppure parlavo di ciò che facevo durante la settimana. Ci stava e ci sta anche Non essere sempre preparati, ma in questi anni non sono arrivata al nodo delle questioni importanti, i cambiamenti sono stati molto lenti. Ho dubitato piu volte di chi mi ha in cura (e lo faro ancora) senza rendermi conto che sono io che collaboro poco o mi perdo e che comunque dei risukrati sono arrivati.
Per questo ho deciso di continuare e non lasciare prendendolo carico dell'investimento non solo emotivo ma anche economico.
La terapeuta mi lascia molta libertà negli argomenti da portare in seduta quindi non può fare granché e lo capisco. Cosa posso fare io invece per non arrivare in seduta senza nulla di cui parlare o affrontare davvero le mie problematiche? Poi come ho già detto ci sta non arrivare sempre preparati, ma non voglio sprecare, più che soldi (Anche se anche questi fanno parte dell'investimento), energie preziose, il tempo mio è del terapeuta.
Desidero lavorare davvero, ma come posso organizzarmi? Già scrivo ogni tanto l'argomento da affrontare o mi attacco al vissuto della settimana. Ma vorrei invece organizzare bene le aeree di lavoro e iniziare davvero a risolvere i problemi anche in modo concreto. Voglio iniziare a depennare la lista (metaforica) delle mie problematiche che mi impediscono di vivere serenamente.
Auguro il vostro anno possa essere iniziato con la giusta carica e speranza del mio.
Cordiali saluti.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 8 GEN 2019

Gentile Reby, potrebbe condividere questi pensieri con la sua terapeuta e insieme potreste definire le priorità da affrontare. Una buona terapia, a mio avviso, si fonda sulla cooperazione.

Dott.ssa Graziella Pisano, psicologa e psicoterapeuta cognitivo-comportamentale. Frattamaggiore (NA).

Dott.ssa Graziella Pisano Psicologo a Frattamaggiore

138 Risposte

3791 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 GEN 2019

Gentile Reby, penso anch'io, come il Collega prima di me, che viva il tutto in maniera eccessivamente ansiogena od ossessiva. In terapia non ci si può imporre di essere preparati, tanto meno di migliorare. Sicuramente dopo tre anni di lavoro sapete bene quali sono le aree problematiche. Potrebbe stilare delle brevissime annotazioni di pensieri o riflessioni che le vengono in mente durante la settimana. Per il resto dovrà essere la sua terapeuta a condurre il "gioco". A ognuno spetta il suo ruolo. Non pretenda di orientare, o peggio condurre Lei la terapia. Può darsi invece che gli argomenti siano esauriti, e che possa interrompere, magari solo per un po', il lavoro stesso. Per il resto non mi farei eccessive paranoie. Un cordiale saluto
dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

949 Risposte

387 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

8 GEN 2019

Carissima,
lei ne parla come di un esame (arrivare alla seduta preparati, sapere cosa dire). IO per esempio sono psicoanalista e lascio che la persona inizi dicendo tutto quello che le passa per la testa e se non ha niente da dire può rimanere in silenzio. Insomma massima spontaneità. Forse è proprio questo che le manca, la spontaneità.
La sci che le sedute inizino così, come vanno vanno. Poi sarà il suo terapeuta a intervenire.

Angelo Feggi - Psicoanalista Genova

Dott. Angelo Feggi Psicologo a Genova

473 Risposte

732 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17400

psicologi

domande 25650

domande

Risposte 90400

Risposte