Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come guarire da una dipendenza affettiva

Inviata da francesco · 7 gen 2013 Dipendenza affettiva

Buonasera, ho 39 anni conosco mia moglie da 15. Il mio dolore mi sta soffocando, mi sto separando da moglie, lei mi dice ke nn mi ama più ma mi vuole un gran bene. Abbiamo provato a mettere le cose a posto ma è stato inutile, sono 2 anni ke nn vivo più con lei, ma nn riesco a nn pensarla e a kiedere la separazione nn trovo il coraggio ma neanke lei e siamo rimasti in questa fase di stallo ke mi sta distruggendo dentro... Vengo da una famiglia di separati e credo ke il problema principale sia io xke è gia successo con le mie ex, faccio fatica a stare in coppia ma quando le avevo perse stavo male come adesso. E ho paura di un prossima relazione e del mio futuro, grazie..

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Antonio,

si faccia aiutare in questo momento, sostenere per ritrovare le risorse che la facciano focalizzare su se stesso piu' concretamente e piu' funzionalmente, piuttosto che orientare le sue energie su una realtà chiara, come della sua relazione. Spesso si convinti che il legame forte dal quale non ci si riesce a staccare, dipenda da un fortissimo sentimento; non è sempre così. Può dipendere da paure legate all'abbandono o al restare da soli...

Dott.ssa Roberta De Bellis Psicologo a Gallarate

231 Risposte

133 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Antonio,
capisco quanto per lei possa essere doloroso trovarsi in questa situazione, ma purtroppo o per fortuna a volte solo in questi momenti ci si rende conto di quanto la qualità della propria vita possa essere migliorabile. In questa fase credo lei stia sviluppando una certa consapevolezza del suo modo di relazionarsi ma con il rischio di colpevolizzarsi e irrigidirsi ulteriormente nella gestione delle sue relazioni. Le consiglio di intraprendere un percorso di psicoterapia che l'aiuti a sentirsi più sereno ed assertivo nelle relazioni attuali e future.
Cordiali saluti

Dott.ssa Guglielmucci Simona Psicologo a Roma

41 Risposte

37 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Antonio,
la separazione da una persona con cui ha condiviso molto tempo e molte cose, non è un processo semplice. Richiede una nuova riorganizzazione e organizzazione della sua vita. Probabilmente un percorso psicoterapeutico a livello personale, le potrebbe permettere di affronatre questo momento difficile.

Psicologa - Psicoterapeuta e Grafologa Roma Psicologo a Roma

59 Risposte

85 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Antonio, da questa terribile sofferenza lei può uscire. Ha solo bisogno di lavorare su se stesso con un professionista della psiche, di intraprendere un percorso di indagine, comprensione e sostegno. Se lo merita e se lo deve. C. Dott.ssa Sabina Orlandini, Torinoari saluti

Dott.ssa Sabina Orlandini Psicologo a Torino

336 Risposte

180 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Antonio, se pensa che sia lei il problema, allora perchè non provi ad iniziare una terapia personale? Magari può comunicarlo a sua moglie e così prendere un pò di tempo prima della eventuale separazione definitiva!

Dott.ssa Angela Virone Psicologo a Agrigento

315 Risposte

215 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno gentile Antonio,
Nella sua richiesta si legge tutto il suo tormento, aggravato dalla consapevolezza di aver già vissuto degli abbandoni e delle separazioni riconducibili a qualcosa in Lei che ne determina l'esito. Vorrei invitarla ad alcune riflessioni: dice di aver paura di una prossima relazione, dando così per scontato che la relazione con sua moglie sia irrimediabilmente compromessa, come mai? Riscontra nel suo carattere questa tendenza alla resa? La consapevolezza che dipenda da Lei che le sue compagne l'hanno lasciato, le fa intravedere anche dove è carente relazionalmente? Questi sono degli spunti per poter indagare sulla sua tendenza caratteriale che in un percorso psicologico possono diventare obbiettivi da risolvere.
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2804 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Antonio, se lei è consapevole di avere questo problema è già un buon passo nella consapevolezza. Il passo successivo sarebbe quello di capire i motivi profondi che stanno dietro questa ricerca, per capire cosa la spinge e ricercare la pienezza non in lei stesso ma da qualcosa fuori di lei. Un sostegno psicologico in questo potrebbe rivelarsi utile.

Dott.ssa Chiara Pica - Studio SomaticaMente Psicologo a Grosseto

317 Risposte

323 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Antonio,
separarsi da qualcuno che è ed è stato una persona significativa per noi non è mai un processo facile, spesso richiede tempo e un'elaborazione di quel legame che si è spezzato. A maggior ragione nel caso in cui questa dinamica si ripeta più volte, come lei spiega le sia capitato, mi sembra necessario comprendere i motivi profondi che le fanno vivere questa difficoltà e questa grande sofferenza; le suggerirei di rivolgersi ad uno psicoterapeuta con cui affrontare questo momento e trovare un aiuto professionale. Un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

462 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile antonio,
la sua consapevolezza è davvero impressionante. Lei sa di trovarsi in una situazione ripetitiva, qualcosa che si verifica inevitabilmente e coattivamente in ogni sua relazione sentimentale, purtroppo anche con sua moglie. A partire da questa sua conoscenza di sé stesso la esorto vivamente ad intraprendere una pscioterapia indivduale che la aiuti a far emergere bisogni e motivazioni sottostanti che arricchiranno la sua conoscenza e integreranno la sua immagine di sé, permettendole di uscire dalla trappola in cui si trova. se è di Roma mi metto a disposizione per un aiuto.
Un caro saluto

Anonimo-126894 Psicologo a Roma

272 Risposte

160 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Vedere più psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Altre domande su Dipendenza affettiva

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16100

psicologi

domande 20800

domande

Risposte 80500

Risposte