Come gestire la relazione con un uomo sposato? (II parte)

Inviata da Piciuzza · 2 dic 2014 Terapia di coppia

Gentile dott.ssa,
grazie mille per la risposta. Tuttavia, il mio chiedere perchè era più volto a comprendere il suo comportamento e il suo cambiamento repentino: se erano veri i sentimenti che diceva di provare nei miei confronti, di fronte alla scelta del "niente", non avrebbe dovuto preferire questa condizione di sub-ottimo? Tra una gamba spezzata e non averla affatto, non sarebbe preferibile averla spezzata?
Grazie ancora
Piciuzza

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 3 DIC 2014

Le suggerisco la lettura di due testi L'amore è una droga leggera (che descrive bene il meccanismo biologico del desiderio) e Il cervello delle donne (che ci dice come la natura ci ha fatto diversi maschi e femmine per poter assolvere meglio al compito riproduttivo). E' vero che noi, esseri umani, abbiamo la corteccia cerebrale ma i comportamenti legati alla riproduzione seguono processi istintivi, tipici degli animali. Non esiti a rivolgersi ad uno psicoterapeuta se si rende conto che questa esperienza vissuta ha delle conseguenze non felici soprattutto sul suo tono dell'umore e sulla sua autostima. Buona giornata Dottssa Rosanna Tartarelli

Dott.ssa Rosanna Tartarelli Psicologo a Lucca

113 Risposte

84 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

2 DIC 2014

Cara Piciuzza,
forse il tuo compagno nonostante i sentimenti che ha nutrito e forse nutre ancora per te ha pensato che questo sentimento e questo eludere i doveri verso la sua famiglia gli causava un malessere forse ancora più intenso del sentimento stesso che provava per te. Forse per un periodo ha convissuto con un conflitto interiore tra il lasciarsi andare verso ciò che lo rendeva appagato e felice (stare con te) e il senso di colpa scaturito dalla presa di coscienza di mancare ai suoi doveri di marito e forse di padre. E può darsi che infine sia giunto alla conclusione che non era capace di essere felice del tutto abbandonando il nucleo famigliare e deludendo le aspettative su di lui.
Resto in ascolto per qualunque cosa, un caro saluto.
D.ssa Ilaria Beltrami, Psicologa Clinica - Roma

Dr.ssa Ilaria Beltrami Psicologo a Roma

76 Risposte

118 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86850

Risposte