Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come gestire il rapporto con uomo che non vuole assumersi responsabilità?

Inviata da Daniela · 17 set 2018 Terapia di coppia

Buongiorno, sono una donna di quasi 40 anni e sto da cinque anni con un uomo che oggi ha 45 anni. Lui è figlio unico, con genitori divorziati (il matrimonio è finito a causa di un tradimento da parte del padre) e vive ancora in casa con sua madre. Io e lui viviamo in città diverse (Firenze io, Varese lui), per questo motivo ci vediamo soltanto nel fine settimana, ma senza continuità perché il mio fidanzato lavora molto e quindi dedica al rapporto soltanto pochi ritagli di tempo (quando viene a trovarmi il sabato sera alle 21, va via la domenica alle 15, quindi stiamo insieme meno di 24 ore!). In questi 5 anni non ha mai parlato del desiderio di convivere o di trovare un modo per accorciare la distanza, sono stata sempre io a prendere questo argomento. Addirittura, da due anni ha comprato una casa (perfetta soltanto per un single, viste le dimensioni!) senza però ristrutturarla e quindi creare una situazione che ci consenta di trascorrere più tempo insieme. Dice sempre che non ha tempo, che il lavoro gli porta via troppe energie, che la situazione così com'è a lui sta bene, perché se avesse una fidanzata nella sua stessa città avrebbe problemi a portare avanti un rapporto. Inutile dire che è molto legato a sua madre, nei confronti della quale non ha mai avanzato alcuna critica, a differenza di quanto fa invece con il padre. E' un uomo elegante, tiene molto all'abbigliamento, gli piace il lusso e la comodità. Quando usciamo insieme si guarda sempre intorno, guarda le altre donne con insistenza, non si tratta di sguardi distratti oppure occasionali, ma se vede una donna che lo incuriosisce la guarda e la riguarda, come se la studiasse! Nonostante gli abbia detto più volte che detesto questo atteggiamento giudicandolo poco rispettoso nei miei riguardi, mi dice che sono io ad esagerare, che non c'è niente di male in questo suo modo di fare, anche perché lo fa, lui dice, per curiosità rispetto all'abbigliamento delle donne e al loro modo di porsi. Con me non è mai stato prodigo di complimenti, anzi è più incline alla critica che all'apprezzamento. I suoi regali, scelti esclusivamente in base al suo gusto (dice che non mi regalerebbe mai una cosa che piaccia soltanto a me!), sembrano corrispondere più all'idea che si è fatto di me che a quello che sono veramente. La sua totale mancanza di progettualità mi fa stare male, mi crea insicurezza, mi fa credere che la distanza sia per lui una situazione di comodo. Quando parliamo di questo argomento dice che sono un'ingrata, che non apprezzo i sacrifici, anche economici, che ha fatto in questi anni per venirmi a trovare. Ora mi trovo ad un bivio, se continuare o chiudere questa storia . Non credo nel fatto che le persone possano cambiare, anche perché se non sono bastati cinque anni a fargli venire voglia di andare via dalla casa materna (preciso che non ha mai avuto in vita sua una convivenza neanche con le altre fidanzate!) e vivere una relazione più adulta con me, dubito che possa accadere un miracolo da qui in avanti. Vi sarei grata se poteste darmi un consiglio.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 23 SET 2018

Gentile Daniela,
ha sottolineato più volte come questa situazione rappresenti per il suo partner una condizione di comodo in cui lui sta bene, ma quello che si deve chiedere è se la situazione cosi com’è sta bene a lei, e se è disposta a subire passivamente le volontà altrui. Quello che le consiglio di fare è di rivolgersi da uno/a Psicologo/a della sua zona in modo da poter fare chiarezza in modo da poter successivamente agire e prendere delle decisioni in ottica del suo bene.

Cordialmente,
Dott. Colamonico Damiano

Dott. Damiano Colamonico Psicologo a Torino

643 Risposte

1118 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 SET 2018

Buongiorno Daniela,

Capisco la sitiazione ed è come se non si sentisse valorizzata dal suo compagno, come se fosse passiva alla sue decisioni e lei ferma perché non sa come fare. La frase "non potrei pensare alla convivenza perché non saprei gestire la relazione" fa molto pensare. Come se lui non volesse fare passi avanti per paura di non poter tornare indietro. Lei vuole una relazione così? Cosa le da questo uomo che non potrebbe fare a meno?
Le consiglio un breve percorso psicologico, online o da un professionista della sua zona, sento che ha molto bisogno di parlare, sgogarsi ed esprimere ciò che con lui non riesce a fare.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, mi scriva

Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1663 Risposte

1173 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16350

psicologi

domande 22400

domande

Risposte 83450

Risposte