Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come fare uscire mia madre dalla dipendenza giochi facebook?

Inviata da Emanuela il 22 nov 2013 Ludopatia

Mia madre è da quasi un anno ormai totalmente dipendente dai giochi social di facebook, con sintomi gravi ed evidenti: dorme pochissimo, al mattino la prima cosa che fa è collegarsi, continua a giocare anche se ci sono visite, durante i pasti si alza e va ad aggiornare i suo orticello, ha creato numerosi profili per avere più vantaggi, non si interessa più alla famiglia, a mio padre a noi figli, trascura totalmente la casa, non si cura fisicamente, è sempre irrascibile. Non appena le si fa notare che gioca troppo, diventa aggressiva, asserendo di non fare qualcosa di male a nessuno. Anche spiegandole che fa del male a se stessa e al rapporto con gli altri, non lo riconosce e per ritorsione si aggredisce e si isola. Questa settimana non ha partecipato al funerale della madre di mio padre e la mattina stessa della morte, a 5 ore dal decesso, era collegata con il profilo di mio padre (che usa per guadagnare punti) pubblicando aggiornamenti e richieste di aiuto per il gioco.
Mi sono rivolta al medico di famiglia che ha confermato il problema evidente, ma non sappiamo ancora cosa fare.
Abbiamo bisogno di sapere cosa fare dato che lei non riconosce la sua dipendenza e non accetta aiuto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile signora Emanuela è chiaro che si tratta di episodi di dipendenza ma è altrettanto chiaro che non è così semplice rendere consapevole la signora. Il suggerimento che mi sento di dare è di cercare di farle capire che questa dipendenza sta diventando un problema sia per la signora che ne è vittima sia per il resto della famiglia. Le parli senza colpevolizzarla perchè questo comportamento in realtù è un sintomo di un malessere che la signora vive. Sicuramente la signora avrà bisogno di seguire un percorso terapeutico ma in questo momento è altrettanto importante che si faccia affiancare anche lei da uno psicologo per essere sostenuta nel suo difficile compito. Cordiali saluti

Studio Di Psicologia In Corso Vittorio Psicologo a Torino

124 Risposte

54 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Emanuela come le ha già risposto qualche collega, le dipendenze comportamentali dalla rete diventano spesso un modo (autolesivo) per rifugiarsi dai problemi, luogo in cui potersi sentire liberi e vivi. Spesso è utile il risveglio di altre aree affettive del giocatore aiutandolo a trovare nuovi stili comportamentali più adattivi per il “Ben-Essere”. Emolto difficile riuscire a convincere qualcuno a curarsi ed avere poi in questo modo effetti terapeutici positivi, per cui ritengo utile consigliarvi di non essere troppo giudicanti con la signora ma piùttosto trovare la strategia per esserle vicini provando a sviluppare la sua consapevolezza. Ovviamente fatto questo vi consiglio rivolgervi ad uno psicoterapeuta.

Dr. Ettore Zinzi Psicologo a Taranto

20 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Emanuela
in questo tipo di problematiche, a volte la famiglia potrebbe essere una grande risorsa. Di solito, in tali situazioni, è tutta la famiglia a trovarsi coinvolta e intrappolata in un circolo vizioso sempre più pesante e senza apparente via d'uscita. Più i componenti familiari si adoperano per staccare la persona dalla sua dipendenza, cercando di convincerla con la logica a prendere coscienza della sua schiavitù, e ponendola di fronte a tutte le conseguenze del suo comportamento, più cresce la tensione nel sistema familiare, più cresce il senso di isolamento e di inadeguatezza della persona dipendente così come pure il senso di frustrazione e impotenza negli altri familiari. Di solito questo è solo l'aspetto più evidente di qualcosa che non va nel sistema familiare a livello più profondo. Ma a volte è sufficiente apportare alcune modifiche nelle attuali dinamiche familiari, chiaramente disfunzionali, per provocare un cambiamento importante e significativo sia in direzione di un maggior equilibrio e funzionalità, ma soprattutto in direzione di una migliore qualità e soddisfazione nei rapporti affettivi.
un caro saluto

Dr.ssa Maria Giovanna Zocco Psicologo a Modica

162 Risposte

264 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Emanuela
Mi rendo conto di quanto sia difficile affrontare questa situazione, dal punto di vista del contesto familiare cercate di farle vedere tutti gli svantaggi che comporta avere un atteggiamento del genere ( perdita delle persone care, compromissione delle amicizie e del contesto sociale) e cercate di motivarla ad andare da un terapeuta.

Dott.ssa Rossella Boretti Psicologo a Prato

111 Risposte

98 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile signora Emanuela,
per la "dipendenza" da giochi d'azzardo il referente è solo lo psicoterapeuta: puà essere pubblico (solitamente i SERT delle aziende sanitarie)oppure privato. Nel caso si opti per un terapeuta privato che fa terapia individuale convine preventivamente che si presentino le persone interessate come lei, soprattutto se la mamma non riconosce la sua condotta d'eccesso. Sarà sempre lo spesso terapeuta in base a quanto verrà riferito a trovare le migliori strategie di intervento anche nel caso di rifiuto a curarsi. A volte può essere anche d'aiuto uno psicologo legale.
dr paolo zucconi, sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine (friuli venezia giulia)

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1554 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Emanuela, come già confermato dal medico, sua madre sembra presentare tutti i segni di una dipendenza. Il fatto che sia da videogioco o da sostanza poco cambia di fatto. Le modalità e la sintomatologia spesso si equivalgono.
Come in ogni problematica tuttavia la cosa prioritaria è la consapevolaezza di avere un problema, cosa che sua madre sembra ancora lontana dall'aver raggiunto.
Provi a rivolgersi innanzitutto ad un centro che si occupi di dipendenze comportamentali di modo da poter avere delle indicazioni sul come muoversi sia da parte sua che da parte del resto della famiglia.
Ci sono centri pubblici (Sert) o privati che se ne stanno sempre più occupando parallelamente alle dipendenze da sostanze.
Provate a rivolgervi voi a questi professionisti, anche "solo" un supporto può essere già di aiuto. Sapranno poi consigliarvi in merito.
Se avesse bisogno di ulteriori spiegazioni chieda senza problemi.

Un caro saluto
Dott.ssa Sonia Bertinat

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno gentile Emanuela,
probabilmente sua madre sta vivendo un importante disagio sia personale che familiare e ha trovato nei giochi su facebook il suo modo per distrarsi. Se ho capito bene questo non comporta comportamenti pericolosi come lo sperperare denaro, ma solo uno sfogo. Per di più è praticamente molto difficile aiutare una persona che non vuole essere aiutata. Ma voi familiari siete gentili con lei? Le mostrate il vostro affetto? In famiglia si comunica in modo civile? Quello di sua madre potrebbe essere un modo anche per richiedere il vostro affetto e attenzione per lei oltre i doveri che una casalinga "deve" avere. Il mio suggerimento è quello di parlare con lei e ascoltarla con amore senza pretese e imposizioni.
Cordialmente

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Emanuela,
purtroppo non possiamo convincere nessuno ad intraprendere un percorso psicoterapico contro la sua volontà, soprattutto con suggerimenti on-line. In questi casi possiamo solo suggerire trattamenti di gruppo, perché si tratta di vere e proprie dipendenza al pari delle tossicomanie o del gioco d'azzardo.
Provi a chiedere al Ser.T. della sua AUSL di appartenenza, forse la possono indirizzare verso un servizio specifico.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo Viterbo

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

687 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ludopatia

Vedere più psicologi specializzati in Ludopatia

Altre domande su Ludopatia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20050

domande

Risposte 77850

Risposte