Come far smettere mio fratello di rubare?

Inviata da Denise. 2 gen 2017 3 Risposte

Buonasera vi sto scrivendo perché mi trovo in una situazione disperata. Da qualche anno mio fratello ruba in casa e di recente è stato accusato e processato per furto. I miei genitori sono disperati, lo hanno punito in tutti i modi possibili e immaginabili ma non riescono a fargli comprendere che non deve ripetere questi comportamenti, tra le altre cose ora è diventato maggiorenne e non ha più rispetto per nessuno. Mio padre non sa più che fare, lui lavora saltuariamente ma i soldi che ha non gli bastano mai poiché gioca con il PC e spende tutto ciò che ha in ricariche e sigarette, oltre ad uscire con gli amici. Non ha rispetto della legge nè della famiglia. Mia madre ha avuto un tumore al seno quando eravamo piccoli per cui siamo stati separati ogni volta che doveva sottoporsi ad un intervento, credo che tutto sia iniziato da lì ma la situazione è sfuggita da ogni controllo. Ovviamente lui nega tutti i furti che ha commesso. Cosa possiamo fare?

3 Risposte

  • Miglior risposta

    Gentile Denise,
    quella che descrivi è una situazione difficile che molto probabilmente affonda le sue radici in sofferenze passate e forse anche in passate inconsapevoli disfunzioni educative.
    Ti consiglio di provare a sensibilizzare la tua famiglia ad intraprendere un percorso di terapia familiare invitando anche tuo fratello a parteciparvi nella speranza che voglia accodarsi non sentendosi accusato, discriminato o costretto.
    Anche se lui non volesse accettare di partecipare, voi ne uscireste più preparati a relazionarvi con lui nel modo migliore sia a livello di empatia che di congruenza.
    Cordiali saluti.
    Dr. Gennaro Fiore
    medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

    Pubblicato il 02 Gennaio 2017

    Logo Dott. Gennaro Fiore

    4488 Risposte

    13009 Valutazioni positive

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    • 12050 Psicologi a tua disposizione
    • 12700 Domande inviate
    • 60250 Risposte date
    • Gentile Denise
      inutile negare che le circostanze non sono affatto semplici, tanto più che suo fratello è diventato maggiorenne.
      Probabilmente, come dice lei stessa, dietro questo comportamento si nascondono sofferenze passate e mai superate. Sono dinamiche che si attivano nel profondo e necessiterebbero di un percorso psicoterapeutico (analitico); avendo già raggiunto la maggiore età, però, solo lui può scegliere di intraprenderlo.
      Cercate di non avallare le sue richieste e di responsabilizzarlo, magari facendolo lavorare. Cercate di parlarci, proponetegli una psicoterapia, anche familiare se questo può aiutare a convincerlo: non sarebbe comunque una indicazione forzata nè sbagliata, dato che alla base di questi comportamenti ci sono quasi sempre dinamiche familiari disfunzionali. Farà bene a tutti e nessuno si sentirà "il capro espiatorio".
      Cordialmente

      Dr.ssa Cristina Giacomelli
      Lanciano (CH) - Pescara

      Pubblicato il 02 Gennaio 2017

      Logo D.ssa Cristina Giacomelli

      294 Risposte

      518 Valutazioni positive

    • Cara Denise, capisco la forte preoccupazione perchè in effetti la situazione è molto delicata e ha bisogno di essere affrontata.
      I comportamenti di suo fratello hanno bisogno di uno specialista perchè mi pare di capire che il vostro supporto non sia sufficiente, immagino che possa essere complicato anche affrontare questa possibilità con lui che negherà il bisogno di aiuto.
      Ma credo sia necessario chiedergli almeno di provare a parlare con qualcuno dato che lei stessa identifica l'origine in una difficoltà infantile, parli con lui a "cuore aperto" anche di questo.
      Difficile aiutarvi di più attaverso questo strumento, potete anche provare a parlare con il medico di base o con il centro si salute mentale presente sul vostro territorio.
      In bocca al lupo

      Dott.ssa Simona Rebora

      Pubblicato il 02 Gennaio 2017

      Logo Dott.ssa Rebora Simona

      21 Risposte

      9 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande