Come far sentire accettato un bimbo adottato?

Inviata da Romina il 15 ott 2014 Adozione

Salve ho un bambino di 6 anni adottato da quando aveva 7 mesi, fin da subito gli abbiamo raccontato la sua storia prima sotto forma di favola e dopo in maniera più esplicita cercando di evidenziare i lati positivi, dopo l'adozione ė nata la sorella in maniera naturale di due anni più piccola, noto che anche nei disegni traspare il pensiero di non sentirsi uguale agli altri componenti della famiglia disegnandosi più piccolo o lontano, come posso farlo sentire accettato e uguale alla sorella? Inoltre ha un carattere un po' oppositivo nel senso che dice sempre no alle richieste che gli rivolgiamo, vi ringrazio anticipamente delle vs risposte.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno Romina
penso che il bimbo sia stato accolto ed amato in questa sua famiglia e tuttavia è come che avverta la differenza tra lui e la sorellina.
Forse per voler fare troppo bene si è molto "raccontato" della sua "Storia particolare" al bimbo e quindi si è acquisita, da parte sua, l'idea che lui "venga da lontano" da un'altro mondo e si senta "piccolo" nel vero contesto di appartenenza cioè la vostra famiglia!
Ora occorre ricreare nel bimbo la consapevolezza di Essere parte integrante della famiglia, non uguale alla sorellina (nessuno è uguale ad altri) ma appartenente come la sorellina a questa unità che la vostra famiglia di fatto E'!
Questo "passo indietro" andrà fatto molto a livello di linguaggio non verbale con gesti di accoglienza, con affettuosità corporee e facendo molte cose tutti insieme!
Un cordiale saluto
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6695 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Romina, queste gelosie sarebbero avvenute comunque. Chiaramente in una situazione come l'adozione sono amplificate. Tutti i bambini temono di essere abbandonati e di non essere amati, ancor di più il suo. Voi lo avete fortemente voluto e so benissimo cosa avete passato per averlo, è questa forza e passione che dovete ancor di più trasmettergli e rassicurarlo. Cerchi di coinvolgerlo il più possibile nelle cure della sorellina, di farlo sentire un "fratello indispensabile", così da accrescere la sua autostima e farlo sentire utile in questa famiglia speciale.

Dott.ssa Eleonora Russo Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Trani

31 Risposte

28 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Indispensabile, a mio parere, una consulenza genitoriale di coppia dove lei e suo marito potete ricevere informazioni e indicazioni su come gestire questo momento così delicato per il benessere dei vs figli e per la vs serenità attuale e futura.

Dott.ssa Rosanna Tartarelli Psicologo a Lucca

113 Risposte

78 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Romina,
presumo che tu prima dell'adozione ed anche dopo, sia stata seguita dai miei colleghi, come di pragmatica. Secondo il mio parere, un bimbo adottato all'età di sette mesi non avrebbe dovuto sviluppare delle problematiche particolari a meno che voi non abbiate voluto 'strafare' nel renderlo consapevole di essere figlio di altri in modo ansioso ed ansiogeno, tanto più che nel frattempo è nata la sorellina. Non avendo altri importanti elementi come, ad esempio, quelli relativi alla frequenza della scuola dell'infanzia, non posso continuare nell'individuazione delle cause ed nell'eventuale modalità di intervento idonea al caso. Conto sul fatto che tu ti possa far seguire da qualche specialista in Età Evolutiva del tuo territorio, pur rimanendo a tua disposizione qualora tu volessi approfondire la problematica con me.
Dottssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

615 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Romina,
Da quanto avete notato questa sua difficoltà? Perché magari anche l'ingresso nella scuola elementare può avere acuito questo suo sentimento. Comunque secondo me andrebbe aiutato da uno psicologo dell'età evolutiva.
Cordialmente,
Dott.ssa Gerbi

Dott.ssa Martina Gerbi Psicologo a Asti

143 Risposte

258 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Romina, da quanto scrive sembra una mamma molto attenta ai bisogni e agli stati emotivi dei suoi bambini. E' bello leggere che avete trovato il modo di raccontare al piccolo la sua storia, avere una narrazione della propria vita è importante, soprattutto nelle situazioni più complesse come un'adozione. Darle consigli qui in merito alla relazione con il suo bambino è molto difficile, credo sarebbe opportuno contattare uno psicoterapeuta evolutivo, che incontrandovi avrebbe elementi concreti su cui lavorare, risorse da rinforzare o suggerimenti su eventuali atteggiamenti da correggere.

Dott.ssa Alessia Picco Psicologo a Giaveno

54 Risposte

107 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Romina, le consiglierei di consultare uno psicologo/psicoterapeuta dell'età evolutiva per aiutare il suo bimbo in questo delicato momento.
Vorrei comunque sottolineare quanto le reazioni di suo figlio siano assolutamente in linea con la sua storia di vita e con il cambiamento che, con la nascita di una sorellina naturale, si è trovato a dover affrontare.
Un caro saluto,

Dott.ssa Valentina Mossa

Dott.ssa Valentina Mossa Psicologo a Torino

159 Risposte

247 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Adozione

Vedere più psicologi specializzati in Adozione

Altre domande su Adozione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19750

domande

Risposte 77350

Risposte