Come far passare un trauma ad un bimbo?

Inviata da Laura · 10 giu 2014 Trauma psicologico

Buona sera, ho un bimbo di 15 mesi che non vuole più fare il bagnetto piange e si alza in piedi per uscire dalla vasca , la colpa e mia però perché entrava volentieri in vasca da solo o con la sorella ed era contento di stare in acqua fino a quando io ho provato a sdraiarlo nella vasca con la speranza di potergli sciacquare la testa senza fargli andare tutta l'acqua in faccia, li si è irrigidito e ha iniziato a strillare come un matto e da quella volta basta piange disperato ogni volta finché non lo tiro fuori. Come posso rimediare e fargli capire che nn c'è niente di cui aver paura? Ho provato con vari giochi o ha riempire la vasca facendolo giocare un po con l'acqua da fuori ma appena capisce che deve entrare inizia a piangere disperato. Laura.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 10 GIU 2014

Buongiorno Laura, suo figlio si è spaventato ad ha associato la sua paura a ciò che stava facendo, il bagnetto, per cui ogni volta in cui ripete quella esperienza lui ha paura! Si tratta di una reazione di condizionamento ad uno stimolo quindi la cosa migliore è non forzarlo e lasciare che piano piano si riabitui a fare il bagno senza attivare la paura. Per questo è necessario che lui sperimenti il bagnetto con i suoi tempi, senza forzarlo ad entrare ma lasciandolo giocare con l'acqua e facendolo avvicinare ad essa a piccoli passi. Ci vorrà un po' di tempo ma vedrai che passerà. Utilizza anche la mediazione della sorellina che può fare da modello positivo, entrando in vasca senza paura, cercando di coinvolger lo in giochi e facendogli vedere che sta bene.
Un saluto
Dott.ssa Elisa Zocchi

Dott.ssa Elisa Zocchi Psicologo a Samarate

109 Risposte

103 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 GIU 2014

Gentile Laura, il suggerimento di non forzare è sicuramente buono. Non otterrebbe nulla se non acuire la paura del bimbo. Credo che innanzitutto dovrebbe essere lei a tornare ad affrontare la cosa con sereneità perchè il suo bimbo legge le sue emozioni e, forse, anche lei non è tranquilla ora che c'è un problema. Giochi a fare un percorso di riavvicinamento all'acqua e consideri che il bimbo ha bisogno di avere la situazione sotto corntrollo. E' questo che ha determinato la sua rigidità quando lo ha posto in una situazione per lui sconosciuta e imprevista. Auguri.

Alessandro Degasperi Psicologo a Trento

91 Risposte

56 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 GIU 2014

All'evento sarà legato altro. Solo un colloquio con il bimbo potrà spiegarcelo. Dott.ssa Calenzo

Dott.ssa Anna Elisabetta Calenzo Psicologo a Guidonia

20 Risposte

31 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 GIU 2014

Gentile Laura, le suggerisco di provare a fare il bagno insieme al bimbo soffermandosi un pò nell'acqua a giocare insieme. Può essere un buon modo per fargli riconquistare la fiducia persa. In bocca la lupo! Un saluto. D.ssa Passanante

Studio di Psicologia Giuridica dr.ssa Maria Cristina Passanante Psicologo a Roma

4 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 GIU 2014

Cara Laura, trovo che la risposta fornita dalla Dott.ssa Zocchi sia tanto adeguata quanto preziosa. Dai tempo al tuo bimbo, non forzarlo, ricorda che potrà superare la sua paura solo se sceglierà di farlo. Inoltre è importante che tu non ridicolizzi la sua paura, ma che ne abbia rispetto, trasmettendo al tuo bimbo dei messaggi di sostegno.
Accogli la sua paura senza sforzarti di offrire soluzioni: ciò di cui ha bisogno è la tua vicinanza emotiva e per essergli vicina emotivamente è importante che tu faccia un “salto” nel tuo passato: cosa ti spaventava da piccola? Come ti sentivi? Cosa avresti voluto facessero per te i tuoi genitori? Questo ti aiuterà a comprendere meglio il tuo bimbo e a trovare le modalità più adeguate per accompagnarlo nel superamento della sua paura.
Saluti
Dott.ssa Luana Del Rizzo, Psicologa e Psicoterapeuta

Dott.ssa Luana Del Rizzo Psicologo a Azzano Decimo

14 Risposte

26 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 GIU 2014

cara Laura,
uno spavento intenso e la forte paura provata possono causare nei bambini un accentuato stato di evitamento reattivo, come lei stessa può osservare in suo figlio che si rifiuta attivamente di ri-immergersi nell'acqua, cui associa la sensazione di paura intensa provata nell'episodio da lei descritto.
Per fortuna non sono situazioni da cui non si può più uscire. In latre situazioni il consiglio che le darei sarebbe semplicemente di provare a far passare un po' di tempo senza fare il bagno così da permettergli di "dimenticare" lo spavento; ma in questo caso, le suggerirei di entrare in vasca con lui, ove le dimensioni lo consentano, di stare fisicamente insieme a lui dentro l'acqua, calmandolo sia a parole sia col contenimento fisico, che per un bambino di 15 mesi è ancora più importante e utile come rassicurazione. Probabilmente la prima volta il bambino farà comunque resistenza e proverà a evitare il contatto e soprattutto l'immersione in acqua, ma lei deve cercare di rimanere tranquilla e sorridente, di trasmettergli il senso di sicurezza che lui ha momentaneamente perso.
In bocca al lupo.
un caro saluto

Anonimo-126894 Psicologo a Roma

272 Risposte

164 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Trauma psicologico

Vedere più psicologi specializzati in Trauma psicologico

Altre domande su Trauma psicologico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 26450 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17650

psicologi

domande 26450

domande

Risposte 92100

Risposte