Come faccio a non odiarmi?

Inviata da unim45 · 15 apr 2021

Non mi sono mai reputata all’altezza di nulla nella mia vita a partire da quando ero piccola. Ora studio e ancora una volta non mi riesco a volere bene ed essere soddisfatta di me stessa e dei miei risultati che reputo non essere abbastanza. La quarantena e l’isolamento mi hanno portato anche ad avere paura di come mi comporto in gruppo e di come mi relaziono con gli altri. Ho di recente allontanato le mie amiche perché sento di non essere pronta a far parte di un gruppo poiché il mio atteggiamento di odio nei miei confronti ho paura sfoci in qualcosa di brutto da vivere per le persone attorno a me: ho paura di risultare gelosa, poco interessante, saccente, stupida. So benissimo che alle persone in realtà queste cose non interessano nel 90% dei casi e sono cose che colpiscono e nascono nella mia mente e fanno stare male solo me. Nonostante questo non so davvero cosa fare e sento che qualsiasi cosa decido di fare sbaglio.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 APR 2021

Gentile Unim45,
deve essere davvero molto doloroso vivere con un giudice interno così severo nei suoi confronti. Immagino questo giudice come un grande occhio che la guarda e la giudica.
Si è mai soffermata a pensare di chi possa essere questo sguardo interiorizzato? C'è stato qualcuno che l'ha fatta sentire come descrive? che funzione pensa possa assolvere questo giudice interno? per altro, non solo nei suoi confronti ma magari anche in relazione alle sue relazioni importanti... una sorta di sabotatore interno che la fa stare in stallo così da non farla andare a vele spiegate verso la vita. Le auguro di provare a trovare risposta a queste ed altre domande che magari potrà porsi.

Nel frattempo le mando un caro saluto
Dott.ssa Federica Grassi

Dottoressa Federica Grassi Psicologo a Milano

15 Risposte

50 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 APR 2021

Cara unim 45
la consapevolezza dei suoi stati d'animo e l'idea che si è fatta di se stessa sicuramente sono fonte di una grande sofferenza interiore come lei racconta. Volersi bene ed apprezzare le proprie qualità è il primo passo per migliorare la propria vita, ma questo lo apprendiamo da bambini attraverso i messaggi che riceviamo dai nostri genitori; lo stile educativo influenza l'autostima ed è responsabile della fiducia in se stessi.Detto questo, è possibile accrescere l'idea che abbiamo di noi stessi, credere nelle proprie abilità, riconoscere il proprio valore in maniera incondizionata attraverso un percorso che va a costruire queste abilità, che possiamo definire AUTOSTIMA.
Ed è proprio quello che mi sento di consigliarle: si prenda cura di se stessa, del suo valore profondo per aprirsi alla vita, alle relazioni.Ogni persona è come un seme di valore infinito, con ogni tratto, in embrione, che necessita di fiorire.
Le auguro il meglio
Dott.ssa Antonella Bellanzon
(disponibile a consulenza on line)

Dott.ssa Antonella Bellanzon Psicologo a Massa

16 Risposte

5 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 APR 2021

Gentile Unim45,
si comprende la sofferenza di vivere che ha in questo momento e che si porta dietro da molto tempo, a quanto pare.
Avere un'immagine di se stessa così svalutata, dichi sbaglia sempre e non è mai abbastanza mi colpisce molto e mi porta a chiederle come si sia costruita nel tempo.
Si è sentita giudicata negativamente dai suoi familiari fin da piccola?
Non è stata mai incoraggiata nelle sue scelte ed esperienze?
Non si è sentita ricevere complimenti, gesti di affetto per come è e per quello che aveva fatto?
Non si è sentita vista dai suoi genitori?
Tutto questo incide molto nell'autostima che si è costruita, il rispecchiamento ricevuto contribuisce a ciò che pensiamo di noi e di come dovremmo essere per gli altri.
Provi a relativizzare i suoi pensieri ed emozioni come i pensieri di quel momento, le emozioni transitorie che prova in quel momento e non ad aderire a quei pensieri e sentimenti come se fossero la verità su di sé.
Credo che cominciare con una consulenza psicologica la aiuterebbe ad uscire da questi vissuti così spiacevoli e continuare con un percorso su di sé migliorerebbe la sua quotidianità. Coraggio!
Se vuole io sono a disposizione, anche online.
Cordiali saluti,
dott.ssa Raffaella Ramazzotti
psicologa psicoterapeuta sistemico-relazionale
istruttrice di interventi basati sulla Mindfulness

Dott.ssa Raffaella Ramazzotti Psicologo a Ancona

70 Risposte

24 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 APR 2021

Cara unim,
posso immaginare la sofferenza che lei prova in questo momento e non deve essere facile da gestire.
Convivere con pensieri negativi su di sè significa portarsi dietro un velo nero che appesantisce le altre aree della propria vita, come quella affettiva, relazionale, individuale e chissà quali altre.
La cosa migliore per il suo benessere sarebbe riflettere su questo macigno che si porta dietro e probabilmente ora con questo suo messaggio sta emergendo il bisogno di affrontarlo.
Le posso consigliare di tenere un diario giornaliero che può compilare con pensieri ed emozioni affinchè possa chiarirsi i suoi vissuti interni e imparare a "distaccarsene". Provi a condividerli con qualcuno di cui si fida e valuti eventualmente l'idea di affidarsi ad un professionista che possa guidarla alla scoperta di sè; potrebbe acquisire nuove prospettive di benessere che tanto merita.
Mi faccia sapere come va e le auguro il meglio,
Dott.ssa Monteleone (disponibile per terapia online)

Dott.ssa Monteleone Maria Alessia Psicologo a Palo del Colle

148 Risposte

100 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 APR 2021

Salve gentile, mi dispiace per ciò che sta passando e capico come non debba essere facile. Ciò che mi colpisce è il suo riconoscere di come questo suo disagio e l'immagine che ha di se sembra essere nata fin da piccola, precipitando e incrementandosi in seguito ad alcuni eventi e situazioni di vita dove ha dovuto mettersi alla prova, innescando la sensazione di poter non essere all'altezza. Sarebbero davvero molti gli aspetti da osservare e comprendere nella sua situazione, partendo dalla sua storia di vita, osservando gli gli schemi e le credenze disfunzionali che sono nati in lei e che la guidano, influenzando la sua immagine personale e la sua storia relazionale. Le consiglio di darsi la possibilità di intraprendere un percorso psicologico che possa aiutarla a capire molti dei suoi meccanismi cosi da poter migliorare l'immagine che ha di se stessa, scoprendo e sfruttando tutte le sue risorse. Rimango a disposizione anche in privato se dovesse averne bisogno. Saluti, dott.ssa Laura Paniccià

Dott.ssa. Laura Paniccià Psicologo a Porto Sant'Elpidio

109 Risposte

44 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 APR 2021

Carissima, l'immagine che ha di sé stessa condiziona negativamente la Sua vita. Ognuno di noi ha in sé risorse e potenzialità da realizzare per trovare un proprio equilibrio dentro e fuori di sé, nella relazione. Valuti di lavorare su se stessa per osservarsi in maniera diversa e aprirsi alla relazione con l'altro, provando benessere e serenità.
Buona fortuna.
Dr.ssa Amanda D'Ambra

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1614 Risposte

865 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18350

psicologi

domande 28950

domande

Risposte 99050

Risposte