Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come faccio a far passare le paure di mio figlio?

Inviata da patrizia · 26 ago 2013 Psicologia infantile

Buongiorno,mio figlio di 8 anni ha paura di andare in bagno da solo,di restare in qualsiasi stanza della casa da solo,compresa la sua cameretta,se non resto accanto a lui non si addormenta,si porta dietro sempre il fratello di 5 anni e se per qualche motivo resta solo subito corre in un altra stanza dove ci siamo noi. non so piu cosa fare,è tantissimo tempo che andiamo avanti cosi ed ora il fratello piu piccolo inizia a fare lo stesso. eppure sono bimbi amati nn gli abbiamo fatto mai vedere film con scene nn adatte,ne usato le paure x castigo o per farci ascoltare anzi. la nostra casa è luminosa e colorata, soprattutto la loro cameretta. un giorno per metterlo in castigo l'ho messo seduto in cameretta per 5 minuti con la porta aperta e pieno sole e lui ha iniziato ad urlare che sarebbe stato in castigo ma non da solo,perchè aveva paura. gridava terrorizzato che aveva paura. io sono preoccupata. non capisco cosa c'è? cosa posso fare?la nostra casa non è grande ed è tutta su un piano quindi alla fine si è tutti insieme anche se stiamo in stanze diverse e cmq questa cosa succede ovunque andiamo,sia dai nonni,sia in hotel,sia nella casa del mare ovunque. aspetto un consiglio saluti Patrizia.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 27 AGO 2013

Gentile Patrizia,
si percepisce dalle sue parole una forte ansia, che probabilmente circola nell'ambiente familiare e che comprende anche i sintomi di suo figlio legati alla paura. Le consiglio di rivolgersi ad uno psicologo della sua zona per capire meglio l'origine di quest'ansia e i diversi modi in cui ciascun membro della famiglia la esprime: forse quello che il suo figlio maggiore manifesta in maniera esplicita è qualcosa che circola nel clima familiare o nella relazione genitori-figli, perciò le consiglio un terapeuta che si occupi di infanzia e di sostegno genitoriale in modo da trovare un supporto per aiutare meglio suo figlio a superare le paure che vive.
Un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

468 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 APR 2014

Rispondo al sig Anonimo: Ad oggi le cose sono cambiate nn ha più paura di spostarsi nella casa ne di andare in bagno...xó qualche volta la sera capita che chieda di essere accompagnato..... credo che a volte vedano qualcosa nei cartoni che so..un drago che a noi sembra ridicolo a loro fa paura. Oppure è stanco. Xché la notte va in bagno da solo di solito. Quindi credo tutto nella norma. Noi nn ci siamo rivolti ad uno psicologo ma abbiamo seguito alcuni consigli dati qui. Cioè quello dei disegni,ma soprattutto l ansia espressa da noi senza rendercene conto. I bimbi sono davvero una spugna e assorbono ogni cosa. Spero che con un Po di pazienza riesca a risolvere a che lei. Saluti Patrizia.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 APR 2014

Salve Sig.ra Patrizia,
Volevo sapere se dopo otto mesi ha risolto e se i suoi figli si muovono in casa con più sicurezza.
Le chiedo questo perchè con mio figlio ho dei problemi simili e volevo capire che strada ha intrapeso.
Grazie

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 AGO 2013

Sì, ammetto di stare molto dietro ai miei figli, purtroppo il mio errore è sicuramente quello di voler dare tutto l'amore che io non ho avuto e sicuramente anche l'eccesso è uno sbaglio. tre anni fa io e mio marito ci siamo separati per un ano intero e Daniel ne ha molto sofferto,anche se non mi ha mai detto nulla. Lo capivo dal suo attaccamento eccessivo a me e anche da episodi di continuo vomitare x mesi ogni sera, oppure dai suoi disegni. lui ama disegnare e disegna sempre le sue emozioni. Ad esempio se lo sgrido e gli spiego che sono dispiaciuta del suo comportamento,lui si disegna con le lacrime che diventano un fiume e mi scrive che mi vuole bene. Per spiegarle che è un bambino molto sensibile,ma non riesco a capire come fare per aiutarlo nelle sue paure che diventano ossessive.
Consulterò uno specialista la ringrazio
Saluti Patrizia

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 AGO 2013

Cara Patrizia il dubbio che suo figlio viva uno stato di ansia da separazione è molto alto e la psicoterapia può essere risolutiva. Nel frattempo le consiglio di utilizzare la tecnica del disegno con suo figlio, gli chieda di disegnare (e lo faccia con lui) la casa e poi le singole stanze. Si faccia raccontare quello che lui disegna e inizi così ad affrontare il discorso direttamente con lui. Lo rassicuri e proceda per tappe.
Cordialità
Studio di Psicologia di Corso Vittorio

Studio Di Psicologia In Corso Vittorio Psicologo a Torino

124 Risposte

55 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 AGO 2013

buongiorno Patrizia
ho avuto in carico molti bambini che avevano le stesse paure del suo. spesso all'origine c'è una profonda ansia di separazione dai genitori.
le consiglio di consultare una psicoterapeuta dell'età evolutiva della sua zona per capire meglio le paure di suo figlio e aiutare voi genitori a sostenerlo.

cordiali saluti
dott.ssa Manuela Vecera

Dott.ssa Manuela Vecera Psicologo a Torino

131 Risposte

142 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 AGO 2013

Buongiorno gentile Patrizia,
Il suo bambino le sta comunicando - a modo suo - un disagio che riguarda l'andamento familiare e la gestione delle emozioni complesse all'interno del vostro nucleo familiare. La tematica della giusta separatezza tra i membri potrebbe essere uno spunto di riflessione che andrebbe elaborato all'interno di un percorso psicologico che a mio avviso dovrebbe coinvolgere in prima battuta Lei stessa.
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2818 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 AGO 2013

Gentile Patrizia,
potrebbe essere utile consultare un Collega specializzato in psicologia dell'età evolutiva. Queste difficoltà nella separazione dalle figure di attaccamento (genitori), dovrebbero essere lette nella relazione stessa, ossia quella che intercorre tra genitore e bambino.
Lei pensa di essere una madre eccessivamente apprensiva, preoccupata o iper-protettiva?
Ricorda se suo figlio ha subito un trauma o si è trovato in una situazione che lui ha percepito come particolarmente stressante, data anche la giovane età?

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo Viterbo

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

737 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia infantile

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia infantile

Altre domande su Psicologia infantile

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16350

psicologi

domande 22400

domande

Risposte 83450

Risposte