Come faccio a far cadere un muro tra me e l'altro sesso?

Inviata da Claudiu Mocanu · 22 lug 2016 Relazioni sociali

Sono un ragazzo di 24 anni. Attualmente sto avendo una crisi in quanto mi sono accorto che per troppi anni a causa di un rifiuto di una ragazza avvenuto quando avevo 15 mi sono totalmente rinchiuso in me evitando i rapporti con l'altro sesso. Ora ho conosciuto una ragazza e mi sono reso conto che ho sbagliato, sto quindi cercando di recuperare il rapporto con l'altro sesso ma faccio davvero fatica a parlare con una ragazza e una volta che riesco a farlo mi comporto in modo arrogante in quanto so di essere carino e di piacere. Di fatto questo comportamento non fa altro che allontanarle. Inoltre non riesco a chiedere ad una ragazza di uscire, se ha un fidanzato ma continuo a parlare di cose superficiali come il lavoro o lo studio. Non so come fare a far cadere questo muro e riuscire a relanzionarmi normalmente con l'altro sesso e non essere freddo, e non riuscire anche solo ad abbracciare un ragazza.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 24 LUG 2016

Gentile Claudiu,
mostri una buona consapevolezza del tuo modo di essere disfunzionale nella relazione con l'altro sesso e quindi hai fatto una valutazione corretta del problema.
Resta ora da intraprendere la cura per la quale dovresti rivolgerti con fiducia ad uno specialista psicoterapeuta.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7048 Risposte

20149 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

29 LUG 2016

Penso dovrebbe anzitutto elaborare del tutto l'esperienza traumatica subita a 15 anni, con l'aiuto di uno psicologo; successivamente il professionista le indicherà strategie e tecniche per superare la timidezza.
La terapia Strategica Breve dovrebbe risolvere il problema in tempi brevi

Cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

722 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 LUG 2016

Claudio...l'episodio del rifiuto della ragazza a 15 anni non ha fatto altro che innescare un problema che nasceva nella tua famiglia. Con tutta probabilità, mamma o qualcun altro ha la brutta abitudine di piantare il muso quando arrabbiata, e chi ha questa abitudine lo fa anche con i bambini, provocandogli l'idea di essere poco desiderabili e la paura del rifiuto.
Da qui, la tua paura di proporti a ragazze,perché, nel caso di rifiuto, tu ti senti malissimo, troppo male rispetto al normale.
Ti ci vorrebbe una psicoterapia.
Coraggio

Anonimo-157342 Psicologo a Montebelluna

554 Risposte

411 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 LUG 2016

Gentile Claudio,
forse più che la consapevolezza "di essere carino e di piacere" (cito le sue parole), è la sua insicurezza a muovere le sue azioni. L'adolescenza è un periodo della vita molto delicato, di grande fragilità, e il rifiuto della persona cui si è interessati può ferire molto profondamente. Quando però queste ferite diventano bloccanti, come è stato per lei per quasi 10 anni, significa che c'è qualcosa in più, una ferita più profonda, una insicurezza più vecchia, una paura più grande, alla base.
La sua difficoltà nel relazionarsi è senz'altro legata al fatto che lei è "fuori allenamento", o meglio al fatto che si è sperimentato poco, quindi deve fare dei tentativi per sentirsi via via più a suo agio nel parlare con l'altro sesso. Tuttavia ho idea che quell'insicurezza di 10 anni fa, tanto potente da bloccare del tutto il suo investimento affettivo nelle relazioni con l'altro sesso, ci sia ancora, sebbene si manifesti in forme diverse.
E' positivo che lei faccia dei tentativi, come dice, e che non si arrenda alla paura. Ma reputo potrebbe esserle molto utile farsi appoggiare da un/a professionista che la aiuti a capire cosa per lei ha rappresentato il rifiuto di quella ragazza in adolescenza e come evitare che qualche eventuale futura e fisiologica delusione amorosa sia per lei tanto dolorosa come la prima.
In bocca al lupo.

Dott.ssa Marta Grasso
Psicologa Clinica e Forense
Padova

Dott.ssa Marta Grasso - Psicologa clinica e forense - Psicoterapeuta Psicologo a Padova

5 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 LUG 2016

Gentile Claudiu,
La capacità di esprimere l'affettività e di gestire le relazioni affonda le adici nella nostra infanzia e nei modelli di rapporto che abbiamo avuto con i nostri genitori o comunque con le persone su cui abbiamo dovuto fare affidamento. L'atteggiamento di tenere a distanza l'altro sesso può essere anche un modo inconscio di non lasciare avvicinare qualcuno per la paura di essere nuovamente feriti, evitando così il ricordo di esperienze dolorose già sperimentate. Si faccia aiutare intraprendendo un percorso psicolonico, in bocca al lupo,

Dott.ssa Codruta Ileana Terbea Psicologo a Lecce

105 Risposte

189 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Relazioni sociali

Vedere più psicologi specializzati in Relazioni sociali

Altre domande su Relazioni sociali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16900

psicologi

domande 23750

domande

Risposte 85850

Risposte