Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come dico a mia madre che sono lesbica?

Inviata da Vivy il 16 giu 2015 Omosessualità

Sono Anna ho 21anni ed ho capito di essere lesbica. Sono innamorata di una ragazza meravilgiosa da ormai un anno, lei vuole stare con me alla luce del sole, io però non lo ho mai detto a mia madre...viviamo ad Enna, non è che qui le lesbiche siano all'ordine del giorno...Come glielo dico? Mia madre è super religiosa, va in chiesa ogni mattina!

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Anna,

Quando ho letto il suo messaggio mi sono detta "Che bello!". Così, semplicemente. Perché nella maggior parte dei casi capitano lettere di chi sta soffrendo per amore o addirittura subisce violenze. Insomma, l'amore sembra essere associato più a sentimento negativi che positivi. Quindi, lettere come le sue danno sempre un po' di respiro!

Certo, non è semplice comunicarlo. Non è possibile suggerirle di "lanciarsi" e parlare a sua mamma, d'impulso, del proprio orientamento. E' una questione su cui riflettere e da calibrare. Certo, sembrerebbe che anche in ambito religioso si stiano rivoluzionando un po' le menti (per fortuna!), ma ancora non basta (purtroppo!). Lei ha dalla sua parte il fatto di aver capito se stessa, di avere accanto una ragazza meravigliosa (e io il "meravigliosa" l'ho letto almeno tre volte, sorridendo e congratulandomi con questa ragazza che ci tiene a vivere il suo amore alla luce del sole!). Ecco può comunicare questo a sua mamma. Poi probabilmente ci vorrà tempo per capire e per capirsi. Si può lasciare anche aperta la possibilità che sua mamma, al contrario, non capisca affatto.

Però, credo sia proprio comunicando, parlando e vivendo alla luce del sole che pian piano diventerà qualcosa "all'ordine del giorno". I primi che ci passano rischiano di soffrire, ma aprono la strada agli altri (e so che le viene in tasca poco, forse, ma non sa che gran cosa per i posteri!).

Io le faccio un grossa al lupo Vivy. Mi farebbe piacere se ci tenesse aggiornati, raccontandoci com'è andata!

Un abbraccio

Dott.ssa Alessia Romanazzi

Dott.ssa Alessia Romanazzi Psicologo a Saronno

52 Risposte

99 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Anna, dalla sua richiesta si percepisce tutta l'energia, tutta la gioia e tutta la vitalità di una giovane donna che sta trovando la sua strada, che si sta definendo e che ha trovato un bell'amore. Intanto mi complimento, poichè non è così semplice e così scontato fare un passaggio sereno dentro se stessi e riuscire a dirsi certe cose, riuscendo poi a perseguirle. Ancor più faticoso, immagino, sia adesso confidarlo a sua madre, con tutte le limitazioni che condizionano ancora la nostra cultura e la nostra società. Quel che conta qui è acquisire la tranquillità nel potersi far conoscere, anche a chi ci conosce (forse) più di altri, i genitori, per intero, per ciò che si è davvero, per ciò che si ama davvero.
Semplicemente inizi a parlare di lei a sua madre, inizi ad avere dei confronti intimi e confidenziali con sua madre, sentitevi vicine, e poi il resto verrà.
Metta in conto tutte le possibili reazioni da parte della sua mamma e le rispetti, come poi anche lei stessa imparerà a rispettare le sue scelte, Anna. Le dia del tempo e quel che deve venire avverrà naturalmente. In bocca al lupo, un cordiale saluto.
dott.ssa Annalisa Sammaciccio
psicologa psicoterapeuta Padova

Dott.ssa Annalisa Sammaciccio Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Padova

24 Risposte

13 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Anna, al momento non vedo la necessità di raccontarlo a tua mamma che probabilmente non capirebbe. Vivete serenamente il vostro rapporto fuori di casa. Quando non vivrai più in famiglia ti verrà più semplice parlarle evitando scontri quotidiani che adesso sarebbero inevitabili.
Cordiali saluti
Dott. Alessandro Bertocchi
Bologna

Dott. Alessandro Bertocchi Psicologo a Bentivoglio

93 Risposte

132 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Anna,
se immagini che tua madre potrebbe non accogliere facilmente la tua comunicazione di amare le donne, puoi ipotizzare che sarà necessario, per te, essere pronta ad accettare le sue reazioni pur mantenendo la tua posizione.

Se saprai essere sicura nella comunicazione, non alzerai la voce se attaccata, non avrai un atteggiamento sottomesso, poco a poco saranno apprezzati tenacia e coraggio.

Penso che potresti cercare un familiare a cui comunicare per primo di frequentare una donna, che ti faccia da spalla e sia un volto rassicurante quando ne parlerai a tua madre.

Potrebbe non essere facile e potrebbero verificarsi gli scenari che hai già ipotizzato, oppure potresti avere delle sorprese; questo non possiamo saperlo.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2024 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Anna, quale potrebbe essere la reazione di sua madre? E questa reazione corrisponde alla sua paura di essere rifiutata o ignorata?
Non esiste una ricetta per confessare qualcosa di molto personale ai propri genitori, ma esiste il coraggio di essere veri, di ammettere chi siamo senza la paura del giudizio altrui.
Io credo che ancora oggi alcune notizie creino sgomento, più che altro perché non si è preparati ad accogliere cambiamenti e novità che niente hanno a che vedere con l'affetto che sua madre prova per lei.

Sia se stessa. Le dica quanto è felice ed innamorata.
Sia pronta al rifiuto e/o al darle il tempo che le occorre per digerire questa confessione.

Tanti auguri!
Dott.ssa Annalisa Iovane

Dott.ssa Annalisa Iovane Psicologo a Roma

138 Risposte

104 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Anna sono molto contento per la sua storia d'amore! Purtroppo per il coming out non esistono regole precise valide per tutti. Se lo ritiene opportuno, potrebbe fare dei colloqui con uno/a psicologo/a che potrebbe aiutarla a capire quale potrebbe essere il modo e il momento più giusto per lei per parlare a sua madre della sua omosessualità. Esiste un film molto interessante che mi è capitato di vedere molti anni fa, prodotto dall'AGEDO intitolato Due volte genitori, che affronta il tema dell'essere genitori di figli omosessuali. Un grosso in bocca al lupo. Resto a disposizione per ulteriori domande. Dott. Massimo Perrini - Psicologo Psicoterapeuta Psicoanalista Relazionale a Roma.

Dott. Perrini Massimo Psicologo a Roma

86 Risposte

134 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Omosessualità

Vedere più psicologi specializzati in Omosessualità

Altre domande su Omosessualità

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15550

psicologi

domande 19350

domande

Risposte 78300

Risposte