Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Come comportarsi con un fidanzato depresso?

Inviata da Michela il 9 dic 2013 Terapia di coppia

Buon giorno, avrei una domanda da fare ma non so bene a chi rivolgermi. Da tre anni ho una relazione con un ragazzo che sfortunatamente soffre di depressione. I primi due anni nonostante fosse chiaro che avesse dei problemi (sopratutto attacchi di panico) è riuscito a tenere sotto controllo il suo malessere, attualmente però come la sua situazione si aggrava la prima valvola di sfogo sono io e come le cose si fanno per lui complicate, dall'oggi al domani fugge, si rifiuta di vedermi per mesi, fa di tutto per ferirmi, poi torna, chiede perdono dice che capisce di aver sbagliato ma che infondo io dovrei capire lui perchè sta male. per il suo bene io cosa dovrei fare? premetto che è in cura da un psicoterapeuta da più di un anno, ma non sembra aver ritrovato il suo equilibrio perchè ha ricominciato con il solito comportamento. cosa posso fare io per aiutarlo? a questo punto non so che fare se non chiudere i rapporti perchè questa situazione è troppo pesante per me.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

"Per il suo bene io cosa dovrei fare?"... e per il tuo bene che dovresti fare?

Dott. Strisciulli Nicola Walter Psicologo a Bari

7 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

E difficile anche io sto passando e qual le mi tratta se non interessa più di me ma se io chiedo Alassio non mi lascia io non so come aiutarla io sto mallisimo io lo amo lui le coccole non volle più fare io non mollo per il momento per che io lo amo ma devo anche vedere la mia salute

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

gentile signora Michela,
referente per una diagnosi di depressione (quale depressione? ed eventuali comorbilità)è lo psicologo o lo psicoterapeuta
solo per curare una psicopatologia, dopo averla diagnosticata, lo psicoterapeuta
dr paolo zucconi, psicoterapeuta comportamentale e sessuologo clinico a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1560 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Michela, il rischio grosso in questo tipo di situazioni è di assumere su di sè il ruolo di martire crocerossina, la sindrome dell'"Io ti salverò". E' più che evidente ai tuoi occhi quanto tale situazione sia logorante a livello psicosomatico, quindi ti invito a seguire quello che senti nel caso supportata da uno psicologo. Nessun disagio di una persona può essere usato come pretesto per sfogare su chi ci sta vicino le nostre problematiche, lei non può continuare a essere lo specchio delle sue proiezioni.

Dott.ssa Chiara Pica - Studio SomaticaMente Psicologo a Grosseto

317 Risposte

318 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile utente,
non è lei che si può occupare "clinicamente" del suo compagno. Non può aiutarlo a risolvere i suoi problemi. Questo sta al professionista al quale si è rivolto.
Da quanto scrive, inoltre, pare che il suo compagno sia molto arrabbiato con lei, che cerca di ferirla, salvo poi tornare "pentito", utilizzando come "scusa" la patologia (mi domando se lo fa anche in altri ambiti...).
Qui possiamo formulare solo delle ipotesi.
Forse è arrabbiato con lei perché lei fa la "crocerossina"?
Dico questo perché se in una relazione ci sono ruoli rigidi in cui uno sempre aiuta e l'altro sempre riceve si crea uno squilibrio difficilmente sopportabile per entrambi le parti in causa.
Ci rifletta. Se uno riceve sempre aiuto (nonostante lo chieda...) si sente debole nei confronti dell'altro.

Restiamo in ascolto

Dr Mori, Psicologo Sessuologo Psicoterapeuta Psicologo a Siena

573 Risposte

373 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno gentile Michela,
il fatto che il suo ragazzo soffre di depressione non gli da il diritto di far patire Lei. Abbia fiducia che lui possa risolvere con la cura, ci vuole tempo e voglia di cambiare. Lui ne ha? Si chieda se davvero Lei ha bisogno di essere trattata in questo modo così poco rispettoso e tragga le sue decisioni.
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1715 Risposte

2804 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Michela,
lei da sola può fare ben poco, visto che il suo partner è già in psicoterapia. Se si sente motivata a migliorare la sua relazione potrebbe in parallelo fare delle consulenze psicologiche di coppia con un'altro psicoterapeuta, senza ovviamente che il suo partner interrompa il trattamento che sta facendo.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo Viterbo

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

706 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15750

psicologi

domande 19950

domande

Risposte 79450

Risposte